Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente


Una mattinata densa di emozione  e di  ricordi quella del 2 febbraio  in via Labriola 23 a San Giuliano  Milanese,
un grande capannone  acquisito nel 2001, portato  via al degrado, allo spaccio  e alla delinquenza,   e oggi sede di questo Gruppo di eccellenza comunale, oltre che sede del Servizio Intercomunale della Protezione civile (ex com 20). 
Si festeggiava un traguardo importante, il 20mo anno di nascita, diventato ventunesimo per tanti motivi che ha poi  elencato l'attuale coordinatore del Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile Cristiana Piancatelli.
Per l'occasione erano presenti i volontari di oggi, 32 sono gli effettivi in servizio -  tra loro  2 giovani  del 1994 -(e si è appena iscritto un ragazzo del 1999 ma non ha ancora fatto il corso base, per cui al momento è un aspirante volontario). Il più anziano è del 1942. Presente anche il primo coordinatore, Enrico Sessa, che ha raccontato come è avvenuta  la nascita del Gruppo Volontari nel 1998, con mille timori ma con tanta voglia di fare. 
Presenti inoltre  i rappresentanti del Comitato di coordinamento di città metropolitana, del Gruppo intercomunale  e poi tanti amici di altre associazioni di volontariato del territorio e infine  don Luca Violoni, Prevosto della Città, sempre vicino alle realtà associative.
Al tavolo degli ospiti le Istituzioni Politiche con l'attuale primo cittadino Marco Segala - ma tra gli invitati vi anche  erano i suoi predecessori Marco Toni, il sindaco al tempo della nascita e Alessandro Lorenzano. E poi gli assessori con delega alla Protezione Civile di oggi Daniele Castelgrande e di ieri Claudio Pecora e Gennaro Piraina. E per un evento così importante,  anche l'Assessore regionale alla Protezione Civile Pietro Foroni e il consigliere regionale Riccardo Pase, presidente della Commissione Ambiente. Per le autorità Militari, presenti il Tenente dei Carabinieri  Pietro Paolo Papagni e il comandante della Polizia Locale Giovanni Dongiovanni. 

 
GALLERIA FOTOFRAFICA - 65 foto
20 Anni Protezione Civile
Una emozionata  Cristiana Piancatelli  apre la cerimonia con la presentazione degli ospiti, citando tra l'altro persone molto importanti per la realtà di volontariato, come il responsabile della loro formazione Enrico Lazzarini.
Perchè questo sono loro:  volontari, che, come rimarcato anche dal sindaco, non percepiscono nessuna remunerazione,  senza contare il tempo tolto alla propria vita familiare. Ed anche per questo, è stata apprezzata l'idea di festeggiare in sede, in casa. Dove si affrontano le emergenze, ma anche momenti belli. Prosegue il primo cittadino, citando i campi in cui il corpo si è impegnato in questi 20 anni, dagli interventi delle emergenze sia sul territorio che negli altri casi sul territorio nazionale:  esempi come alluvione piemonte 2000, esequie di San Giovanni Paolo 2° nel 2005 assistendo i partecipanti per ogni bisogno,  fino ai terremoti del 2009 in abruzzo e del 2012 in Emilia Romagna e tanto altro. E questa riconoscenza è arrivata anche dagli altri illustri ospiti nei loro interventi.  
Tante volte anche noi di RecSando li abbiamo visti all'opera nelle loro molteplici attività a favore della città. Nelle scuole e per le scuole, sulle strade in supporto  degli eventi cittadini. Anni fa nello svuotamento del sottopasso IKEA, o  la pulizia degli alvei dei torrenti. 
Se da un lato l'ex sindaco Marco Toni ringrazia il cielo che siamo in un territorio fortunato dal punto di vista delle emergenze terremoti o idrogeologici, ma ricorda le emergenze per neve, dall'altro l'Assessore Regionale ricorda che  l'alta formazione dei volontari lombardi  è richiesta e viene fornita a tutt'Italia. Rimarcando anche il risparmio per lo stato italiano, che in mancanza del servizio di volontariato, si troverebbe  a dover affrontare  spese insostenibili.   Auspica a fine intervento l'Assessore,  la proposta che la Protezione Civile, entri alle scuole secondarie Superiori, dove vi sono ragazzi già maggiorenni , per  spingere gli studenti alla formazione e al volontariato. Concreto infine l'intervento del luogotenente Papagni: La Protezione Civile è sempre presente in  tutti i tipi di eventi, belli e brutti. Ma non dimentichiamo che tutti noi indossiamo una uniforme, che significa  una unica forma, non importa il colore. Il lato importante è il lato mentale. Ci si riunisce in Associazione per fare del bene, uniti, alla popolazione. Oltretutto, nel nome di questo gruppo vi è la parola Protezione, quella che i cittadini hanno bisogno in particolari casi, e che devono trovare in chi porta quella divisa.  
Al termine degli interventi, la consegna degli attestati di militanza nel Gruppo di 10-15 e 20 anni e via con il gradito rinfresco.I
In occasione di questa festa, la sede della Protezione Civile,  è visitabile dai cittadini ancora nel giorno di domenica 3 febbraio. Nei locali vi è anche allestita una mostra fotografica sui momenti più salienti di questi 20 anni.


 
Redazione RecSando Angela Vitanza-Foto Alina Ghelbezan


 


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 

 
 
Log in to comment

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi