fotocopertinaSi è ripetuto questa mattina 17 gennaio,  nella Chiesa di San Donato Martire,  il commosso ricordo di Massimo Michielin, agente  scelto della Polstrada di San Donato, caduto in servizio sulla Tangenziale Est di Milano il 13 gennaio 2003, travolto da un'auto guidata da un giovane. Lui si era recato in quel tratto, chiamato da una richiesta di intervento per incidente. 
A celebrare la messa di suffragio il cappellano provinciale della Polizia di Stato don Gianluca Bernardini. 
Oggi ricorreva  la memoria liturgica di Sant'Antonio Abate, e don Gianluca ha accostato lo spirito di servizio al prossimo dell'agente e del Santo.  Il mettere a disposizione i propri talenti, fin anche la propria vita. 
Come ogni anno, grande è stata la partecipazione di agenti  e colleghi della Polizia a questa commemorazione, con anche Il Questore Vicario dottor Ottavio Aragona e la dottoressa Simonetta  Lo Brutto comandante del Compartimento Polizia stradale;  Il comandante Pasquale Mastrocinque della sottosezione della Polstrada di San Donato di cui Michielin faceva parte  a cui si sono uniti gli agenti della Polizia Locale di San Giuliano e San Donato; il comandante della Caserma Carabinieri di San Donato, i rappresentanti dell' Associazione Nazionale Carabinieri;  Il  Labaro della sezione  ANPS di Milano, i rappresentanti, con  la bandiera,  del Gruppo ANPS San Giuliano Milanese,  la quale  sede è intitolata a Massimo Michielin  con il responsabile Francesco Fazio;  
Le Istituzioni  civili delle due città, erano rappresentate dall'Assessore Castelgrande e dall'Assessore Papetti. 
Redazione RecSando A.V.
 
Log in to comment