Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Donne a perdere, 15 storie di violenza inaudita


Hanno tutte un nome le vittime dei racconti di Barbara Sanaldi, giornalista e scrittrice, e  tutti tratti da storie vere,  che hanno ispirato i volti di donna che Carla Bruschi ha impresso sulle sue tele, aggiungendoci degli elementi, ritagli di giornale vezzosamente femminili, che le identificano come successe nei giorni nostri.

Dunque i nomi di donna  e alcuni  titoli di cronaca con cui l’abbiamo conosciute.

a storie intere vi suggerirei di andare a leggerle in sala Tapia Radic dove è allestita la mostra inaugurata oggi 18 novembre e che chiuderà i battenti giorno 25, giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Fa male leggere, impossibile scrivere. Ma sarebbe un modo per prendere coscienza di questa terribile “escalation”.
Comincio però da Laila – Anni di maltrattamenti e abusi, processo al marito violento. Solo dopo l’ultimo episodio la donna ha denunciato il calvario subito. E’ questo l’ultimo dei pannelli, il quindicesimo, chiamato “ Resurrezione”. Si spererebbe che tutte finissero cosi. Che le donne maltrattate denunciassero i sorprusi.
Federica – è agghiacciante il finale di questa storia. Una vendetta trasversale, l’assassino invece di uccidere la moglie, uccide il figlio e poi si suicida.
Cristina, Marta,  (solo 14 anni!!!) Concetta, Carolina, modella volata dal lussuoso attico,  Maria, Luisa  ( il non rassegnarsi a perdere), Teresa, (gelosia malata) Michela, Simona, Giusi (la droga colpisce ancora),  Elena (il dipendente geloso del successo di una donna), Ludmilla, prostituta massacrata. Micaela. Quest’ultima così tristemente uguale a una tragedia di questi ultimi  giorni: una madre che uccide i propri figli e si suicida.

 

Donne a perdere, 15 storie di violenza inaudita

Sfoglia lo Slideshow o guarda l'album su Flickr Pro RecSando


La mostra è stata patrocinata e proposta  da Regione Lombardia nel mese di settembre. A San Giuliano fa la prima tappa, organizzata dall’Amministrazione comunale,  Assessorato alle Pari opportunità, per poi diventare itinerante e/o a richiesta di chi la chiederà lungo tuttala penisola.


VIDEO



Redazione RecSando Angela Vitanza
 


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 

 
 


 
Log in to comment

Redazione RecSando

Da Aprile 2014 – La rete Civica - Recsando è  il giornale online dei cittadini del Sud Milano con iscrizione  presso il Trib. di Milano n.146 del 16/04/14.
La redazione di Recsando lavora per garantire il coordinamento delle informazioni, promuove  ricerche  e  approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi