×

Attenzione

JFile: :read: Impossibile aprire file: https://query.yahooapis.com/v1/public/yql?q=SELECT+%2A+FROM+yql.query.multi+WHERE+queries%3D%27SELECT+%2A+FROM+flickr.photosets.info+WHERE+api_key%3D%22e2e817071fdf8909088c5960351c071d%22+and+photoset_id%3D%2272157684960947606%22%3B+SELECT+%2A+FROM+flickr.photosets.photos%28500%29+WHERE+api_key%3D%22e2e817071fdf8909088c5960351c071d%22+and+photoset_id%3D%2272157684960947606%22+and+extras%3D%22description%2C+date_upload%2C+date_taken%2C+path_alias%2C+url_sq%2C+url_t%2C+url_s%2C+url_m%2C+url_o%22%27&format=json&env=store%3A%2F%2Fdatatables.org%2Falltableswithkeys&_maxage=3600&callback=

UNITI DAL FILO ROSSO DELLA MUSICA
 

Domenica 11 Giugno, durante un pomeriggio d’estate, per fortuna non troppo rovente, si è svolto presso l’Oratorio San Luigi – grazie all’ospitalità di Don Alessandro – il tradizionale Saggio Allievi del Corpo Musicale della Libertà. Per oltre due ore e mezzo, piccoli e grandi musicisti hanno portato, dinanzi ad un folto pubblico di parenti e amici, tutti gli sforzi, tutta la passione e il talento di un anno di studio, rivelando il coraggio e l’emozione di esibirsi…alcuni addirittura per la prima volta!
Come ogni anno, la musica si è alternata alle parole: parole importanti, di un delicato peso emozionale, rese il più possibile immediate e vicine a grandi e piccini attraverso gesti ed immagini di scena.
In una società sempre più aggrovigliata e malsana, il termine bullismo significa molto di più di ciò che siamo abituati a credere, può avere forme più subdole di quanto immaginiamo e colpire con mezzi del tutto inattesi. La vittima può essere chiunque, un giovane di qualsiasi età, ma il solco che scava nel suo cuore e i graffi lasciati alla sua identità sono ugualmente dolorosi per tutti.
A volte, però, basta un incontro, basta dare ascolto alle persone giuste, basta decidere di seguire la strada che ci conduce a volerci bene, considerando noi stessi un bene prezioso…con la musica al nostro fianco. Così, il ragazzino che appare triste e solo nella prima scena – attanagliato da sentimenti di paura e rassegnazione – compie una lenta evoluzione grazie ad una nuova amicizia, la musica, che non fa differenze, che non giudica ma rispetta, che non separa ma unisce, che crea gruppi tra i più variegati e non lascia mai nessuno da solo…ma che soprattutto ci lega ad un immaginario filo rosso di emozione, forza ed appartenenza alla vita…

Galleria Fotografica
{gallery}https://www.flickr.com/photos/recsando/sets/72157684960947606/{/gallery}

 
Redazione RecSando - Carlotta Biolcati
Foto realizzate da Mirko Greghi

 
 

Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint

Log in to comment