Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Rosanna Bottanidi Paolo Rausa
Rosanna Bottani è un’artista che ruba l’anima al paesaggio urbano, agli aspetti superstiti della civiltà rurale che pure è stata la cifra della civiltà e della cultura contadina lombarda, ai fiumi che solcano la pianura innevata o punteggiata da essenze arboree tipiche, alle cascine che resistono alle intemperie del tempo, al lavoro di donne e uomini che hanno modellato quei paesaggi e alla città che in qualche modo si contrappone al paesaggio agreste, innalzandosi maestosa nelle chiese e nei palazzi, eretti dagli uomini per lasciare traccia della loro presenza.
Non si limita Rosanna Bottani a osservare dall’esterno queste micro storie delle piccole cose, che incombono e che sembrano sovrastare il destino umano, il quale si riscatta con una presenza sempre discreta, con le opere di sussistenza, con modalità semplici ed essenziali.
Il visitatore rimane assorto, salvo poi sollevarsi davanti allo splendore dei bouquet di rose o dei prati verdeggianti dove rifulge il rosso dei papaveri o i mazzi di fiori variopinti che richiamano i colori dell’arcobaleno, Iris che annuncia agli uomini l’era della bellezza.
Rosanna Bottani è un’artista in formazione per così dire. Con la chioma bionda che svolazza la crederesti un’attrice pronta a recitare la sua commedia e non immagineresti mai che la sua scoperta dell’arte come pratica di vita sia avvenuta tardi, casualmente quando diversi anni fa si mise ad aiutare nei compiti di disegno un nipote che era impacciato.
Da allora non si fermò più: ‘Dipinsi un lago con un’isoletta. Fu merito di mio marito ad avere capito che dentro bruciavo di arte. L’indomani mi comprò colori e tele. Mi percorse il fuoco sacro. Da allora non mi sono più fermata. Ritraggo quello che vedo, i luoghi delle nostre campagne, i boschi, le città con i grandi monumenti dove gli uomini scompaiono’.
Non si chiede l’età ad una signora. Perciò non desta meraviglia se, nel passare in rassegna le foto dellerosanna bottani, scorcio del garda, olio, 50x40 numerose collettive a cui ha partecipato, i riconoscimenti che ha ricevuto – fra tutti il Leone d’oro nel 1980 ad Abbiategrasso e il Gallo d’oro l’anno successivo a Vigevano – si ammiri questa fanciulla bellissima, che riceve pergamene e statuette, riuscita miracolosamente a estrarre la sua vena artistica con l’aiuto del marito, scomparso da qualche anno.

Riconosce che ha creduto in lei e l’ha incoraggiata a prendere il volo, nell’esprimersi e nel modellare i paesaggi con una sensibilità e personalità di artista che ha ancora da percorrere un lungo cammino.
Info: SpazioCultura, p.za della Vittoria 2, San Giuliano Milanese, fino al 16 dicembre, orari: 10-12, 15-19, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel. 02 98242647, 338 8833231.

Ti potrebbe interessare:
"Personali" - L'arte d'una poetica normalità
 

 
Log in to comment

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi