Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

foto copertina borgolombardoProbabilmente non la immaginava così come è oggi la frazione di Borgolombardo, il costruttore edile Luigi Volontè intorno al 1925, quando acquistò i terreni dai Marchesi Litta-Modigliani, per costruirci un “villaggio-giardino”, costituito da villette a basso costo, ognuna con orto e giardino. Anche per se stesso se ne era costruita una, una grande Villa in stile medievale. E la si può ancora ammirare: percorrendo la via Emilia, arrivando da Milano, la si vede sulla destra, circondata dal bel giardino, subito dopo aver superato il confine con San Donato Milanese. La Villa, di proprietà del Comune di San Giuliano Milanese, oggi ospita un asilo nido, così come era già successo durante la seconda Guerra Mondiale, quando gli stessi Volontè ne avevano aperto le porte per ospitare aule scolastiche e asilo infantile, oltre a una zona riservata alla celebrazione della Messa.

Borgo luigivolonte

Intorno a quelle villette, a seguito del boom economico del dopoguerra, che ha portato un’ondata di arrivi di persone dal meridione, oggi vediamo grandi palazzoni, costruiti fin sul bordo del Redefossi, il canale che per fortuna è stato via-via coperto. Fino al 1998, quando fu finalmente utilizzata la deviazione nel canale scolmatore costruito nel 1976 da San Donato verso il fiume Lambro, i disagi per chi vi abitava erano visibili a ogni temporale…quando le acque si ingrossavano e esondavano, con allagamenti e infestazioni dei topi che il canale lo abitavano. Il progetto, in verità, avrebbe dovuto portare acque limpide. Ma così non è stato. E in alcuni tratti della Città, dove non c’è ancora copertura, pur essendo asciutto, si lamentano ancora miasmi fognari e presenza di ratti.

Problemi di questa, e altre, natura, hanno portato alla costituzione di Comitati di quartiere, (San Giuliano ne conta ormai uno per frazione), in modo da rafforzare la collaborazione tra i cittadini, ma anche per essere interlocutori primari con l’Amministrazione Comunale, per la quale sono un valido aiuto per la conoscenza capillare delle situazioni. Certamente, il prossimo passo ideale sarebbe quello della collaborazione tra tutti questi comitati. Perché il proverbio “l’unione fa la forza”, ha sempre avuto una base di verità.

Non si parla solo di problemi all’interno dei comitati: volenterosi cittadini, pensano e organizzano eventi di quartiere per rafforzare la conoscenza e la socializzazione dei loro abitanti ormai sempre più multi-etnici. Il futuro può essere solo in questa direzione.

L’ultimo Comitato nato, è proprio quello di Borgolombardo. Che per questa Domenica 22 giugno, ha organizzato una giornata fittissima di iniziative per le vie del quartiere. Dai tornei di calciobalilla, ai Karaoke e musica-live con balli in strada. Bancarelle etniche e nostrane, alimentari e hobbistici, giocattoli d’altri tempi.
Mostra di 500, 600 e Topolino d’ epoca e moto antiche e moderne.

Nella mattinata visita del sindaco Lorenzano e assessori Piraina, Oro, Carminati e del presidente del Consiglio Comunale Berti, che accompagnati dal Presidente del comitato Antonio Petrullo, hanno potuto “toccare con mano” la voglia e la forza di volontà di far progredire il quartiere, ma anche di far crescere la Città.

Momento diverso dal solito, con un tocco di esotico, l’esibizione di Giada, una bella ragazza italiana, che insegna l’arte della danza del ventre, esibendosi anche in prima persona. L’idea è venuta ai gestori siriani del bar Sabarcanda, in via Codecasa, che ha aggiunto alle iniziative musicali del loro locale con un concerto di fisarmonica e l’esibizione di un cantante dal vivo durante tutta la giornata, un tocco di aria araba, in un quartiere che ospita molte persone provenienti da paesi africani e arabi. Facile in questa giornata aver incontrato donne con bellissimi abiti della festa dai mille vivaci colori.

Redazione RecSando Angela Vitanza – Foto Luigi Sarzi Amadè

Log in to comment

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi