Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Sicurezza: AGGIORNAMENTO SULLE AZIONI IN CORSO

SICUREZZA: AGGIORNAMENTO SULLE AZIONI IN CORSO

L’Amministrazione fa il punto della situazione sugli spiacevoli episodi accaduti nelle scorse settimane: già segnalata una decina di persone alla Procura

 

«Grazie all’analisi di foto e filmati dell’Ente, di privati e di alcune attività commerciali, la Polizia Locale e i Carabinieri hanno portato avanti una serie di indagini sui recenti spiacevoli episodi accaduti in città. L’esito dell’attività investigativa è stato sintetizzato in un’informativa trasmessa alla Procura della Repubblica che include anche i nominativi di una decina di persone. Numero che, nei prossimi giorni, potrebbe anche aumentare in quanto le indagini sono ancora in corso». Interviene così il Sindaco per fare chiarezza sul presunto clima di insicurezza che starebbe serpeggiando in città attraverso il tam tam dei canali social. «Gli elementi oggettivi, su cui ci confrontiamo costantemente con le Forze dell’Ordine del territorio, smentiscono che la città sia fuori controllo o insicura: è sicuramente un periodo non facile da gestire, ma posso assicurare tutti quanti che la città di San Donato è sicura e non è abbandonata a vandali e delinquenti».

 

«La sinergia con le Forze dell’Ordine del territorio, i Carabinieri in primis, – continua il primo cittadino – ci mette nelle condizioni sia di contrastare, che di prevenire il ripetersi di tali episodi. E proprio con quest’ultimo obiettivo, nei prossimi giorni, verrà rafforzato il controllo del territorio nelle fasce serali e notturne e su alcuni siti sensibili [3° Turno della Polizia Locale]». L’azione sinergica, tuttavia, non si limiterà al coinvolgimento delle Forze dell’Ordine. «Riteniamo che anche i cittadini – continua il Sindaco – possano contribuire a realizzare un’azione corale di tutela della città. Per questo, la prossima settimana, incontrerò due gruppi di sandonatesi che intendono attivare azioni di Controllo del Vicinato, protocollo promosso dalla Prefettura a cui, come Amministrazione comunale, abbiamo aderito nei mesi scorsi».

 

I cittadini saranno inoltre coinvolti in attività di sensibilizzazione e informazione promosse in collaborazione con i Carabinieri. «A maggio – conclude il Sindaco – riproporremo momenti di incontro con i cittadini gestiti direttamente dall’Arma, in cui gli uomini delle Forze dell’Ordine informeranno i cittadini sugli accorgimenti e i comportamenti da adottare per evitare truffe e raggiri (soprattutto per le persone più anziane), su come fronteggiare situazioni di maltrattamenti domestici e su come prevenire e contrastare forme di bullismo. La prima forma di difesa, infatti, è la consapevolezza degli eventuali pericoli che ci circondano».

 

 

Log in to comment

Margherita Hack: Votate il disegno "LA NINFA PLANETARIA"


VOTATE IL DISEGNO "LA NINFA PLANETARIA" DELL' IC M.HACK di SAN DONATO MILANESE!

L'Istituto M.Hack di San Donato Milanese ha partecipato al bando per le Scuole indetto da Giotto, "La matita delle idee".
L'elaborato è stato ideato dalla classe IV C della Primaria S.D'Acquisto.

Al concorso hanno partecipato in tutto 1637 Scuole e una giuria ha assegnato il Premio Nazionale (25.000€ per una laboratorio artistico) e il Premio Regionale (1000€ di materiale e una mini biblioteca per ogni regione) - qui potete vedere gli elaborati che hanno vinto i premi della giuria https://lamatitadelleidee.fila.it/vincitori/ -.

Leggi tutto...

Log in to comment

La Stradale dona carburante alla Protezione Civile

CS SDMMercoledì il Comandante della sottosezione locale della Polizia ha consegnato al Gruppo comunale tremila litri di gasolio sequestrati alla criminalità organizzata

Il maltolto che viene riconsegnato alla collettività. Tre cisterne da mille litri contenenti gasolio sequestrate sulla Teem alimenteranno i mezzi della Protezione Civile. Protagonista, prima dell’operazione di sequestro, poi della “donazione”, è stata la sottosezione sandonatese della Polizia Stradale.

Dopo aver sottratto il carburante diesel alla criminalità organizzata, gli agenti guidati dal Comandante Pasquale Mastrocinque hanno proposto all’autorità giudiziaria di valutare, quale alternativa alla distruzione del materiale sequestrato, la destinazione dello stesso al Gruppo comunale di volontari chiamati a fronteggiare le emergenze. Ricevuto il via libera dal Magistrato, i rappresentanti della Polizia Stradale, la cui base operativa è a San Donato, mercoledì mattina si sono presentati in Comune per consegnare ufficialmente il gasolio. Ad attenderli, c’erano il Sindaco, alcuni volontari della Protezione Civile e il Comandante della Polizia Locale Guido Fabio Allais.

Leggi tutto...

Log in to comment

Bottino pieno per i nostri Fighters


10ª EDIZIONE TORNEO ASTI 2019

FIGHTERS -MASTINI.          6-1
FIGHTERS-DINAMO.          10-1
FIGHTERS-LILLEGRIS         6-1
Finale
FIGHTERS-MASTINI             4-1

Bottino pieno per i nostri Fighters nella giornata di domenica 14 aprile nella 10ª edizione torneo di Asti.Bellissima giornata all’insegna del divertimento, e bellissima iniziativa da parte dell’organizzazione, che ha devoluto i proventi in beneficenza .Grandissimi tutti



Redazione RecSando -  Simone Fossati


 


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 

 
 
Log in to comment

RunDonato 2019, ha vinto la beneficenza

CS SDML’incasso della manifestazione – oltre 7mila euro – è stato interamente devoluto alle cinque associazioni cittadine che hanno collaborato alla realizzazione dell’evento

Cinque assegni da 1.457 euro cadauno. Ieri pomeriggio l’Amministrazione comunale ha consegnato alle associazioni cittadine che hanno collaborato all’organizzazione dell’edizione 2019 della RunDonato l’intero ricavato equamente suddiviso. Il Sindaco e l’Assessore Battocchio, per l’occasione, hanno ricevuto in sala Giunta i rappresentanti del Banco di Solidarietà, di Cuore Fratello, di Aicca, della Fondazione Aiutiamoli a Vivere e di Avo, consegnando simbolicamente i fondi raccolti.

La RunDonato è stata promossa in collaborazione con la Fidal (Federazione italiana di atletica leggera) che, per il 2019, ha eletto San Donato tra le città italiane meritevoli della Bandiera Azzurra, riconoscimento assegnato a quelle realtà distintesi per l’impegno nella promozione della corsa e della camminata quali strumenti di benessere. L’iniziativa, oltre a esaltare il valore della pratica sportiva quale fonte di salute, ha avuto un risvolto benefico, in quanto l’intero incasso – pari a 7.285 euro – sarà convertito “in azioni concrete” a favore di cittadini in difficoltà.

Leggi tutto...

Log in to comment

Strisce Blu, tanti dubbi, poche certezze


STRISCE BLU, TANTI DUBBI, POCHE CERTEZZE
Dal 2 Aprile 2019 a San Donato Milanese è entrato in vigore il nuovo piano sosta che prevede l’utilizzo di aree di parcheggio a pagamento riducendo drasticamente le aree libere o a disco orario che prima caratterizzavano il territorio. Tra i sostenitori e gli oppositori non c’è dialogo e le uniche informazioni ai cittadini arrivano scaglionate e faziose, per questo motivo è necessario provare a fare un po’ di chiarezza sui principali dubbi che lo caratterizzano.

Come inizia la vicenda
Tutto è iniziato anni fa ma è stato intorno al 2015 che il malumore, riguardo alla situazione dei parcheggi sandonatesi si aggravò. Nell’occhio del ciclone, in particolare, c’erano l’area della Metropolitana e quella dell’Ospedale, in cui la situazione sembrava veramente insostenibile. Ma anche nel resto della città non si scherzava: tante multe, pochi posti auto e tanti pass rilasciati ai residenti. Tra i tanti colpevoli additati c’erano soprattutto gli affittuari dei box, ovvero coloro che affittavano il loro box per poi parcheggiare in strada usufruendo dei pass residenti, occupando posti che altrimenti sarebbero stati per altri. Quanti di queste persone ci fossero (è importante ribadire che comunque non facessero nulla di illegale né di immorale) non è chiaro, ma è difficile pensare che ce ne fossero abbastanza da causare un reale problema. Così, nel 2016, il Comune varò un piano sosta particolareggiato per provare a risolvere il problema, trovando, anche in questo caso, sostenitori e detrattori. I problemi continuarono, e per questo nel 2019 ecco il nuovo Piano Sosta, conosciuto anche come strisce blu. L’ambiente è entrato nel progetto solo all’ultimo in questa storia, e si potrebbe dire che lo ha fatto un po’ di sbieco, di traverso, quasi come una conseguenza positiva più che il reale problema da risolvere. Ad oggi, la mancanza di altri provvedimenti seri sull’ambiente fa quasi pensare che sia stata più usata come giustificazione politica. Il che non è comunque un male, a che ne dicano i detrattori del progetto, prendere due piccioni con una fava è sempre un merito, non un disonore, anche se qui, cambiando metafora, sembra che si dica gatto senza averlo ancora nel sacco.

Leggi tutto...

Log in to comment

Inviato: 23/10/2019 19:56 da Giorgio Soave #4629
Avatar di Giorgio Soave
MI associo. E' vergognoso come si spendano risorse per buttare per aria le strade con lo scopo di permettere a pochi giovanotti di San Giuliano di andare in bicicletta a an Donato per prendere la metropolitana.
San Donato è una città di anziani che in bici non ci vanno perchè è pericolosa, con le piste ciclabili sfiorate dalle auto o ricavate sui marciapiedi. E non sarà un nuova ciclabile dalla metropolitana a via Maritano a cambiare la situazione.
Sarebbe stato più utile permetterci di spostarci con l'auto senza dover pagare per fermarci.
(a meno che le strisce blu non servano a migliorare la nostra forma fisica camminando fino al prossimo parcheggio libero)
Inviato: 22/09/2019 20:01 da Luigi Torre #4625
Avatar di Luigi Torre
Sono anni che non scrivo su Recsando, sia per mancanza di tempo, sia per disillusione dopo i tentativi di cambiare le cose in meglio fatte anni or sono. Tuttavia voglio esprimere tutta la mia preoccupazione e la mia perplessità sulla combinazione Piano della sosta/Nuove piste ciclabili, in particolare in via Europa, dove abito. Condivido parecchi punti dell'articolo, soprattutto quando si parla del traffico di attraversamento; anni fa, quando facevo parte della Lista Civica L'Altra San Donato, avevamo messo nel nostro programma un piano di controllo degli accessi per limitare il traffico di attraversamento. Naturalmente, questo piano fu ridicolizzato dai nostri avversari politici ma, ora, lontano dalle elezioni, vedo che si ammette che uno dei principali problemi di San Donato è proprio il traffico di attraversamento, tra la Paullese e la via Emilia, e non solo.
Tuttavia, vorrei concentrare l'attenzione sulla situazione che si è venuta a creare in via Europa dove, per realizzare la nuova pista ciclabile, sono stati ridotti i parcheggi liberi, restringendo la carreggiata. Ora, al mattino, e probabilmente anche nel resto della giornata (non lo so perché lavoro fuori) il tempo di percorrenza di via Europa si calcola in decine di minuti, soprattutto il venerdì, giorno di mercato in via Gramsci. Tra auto che cercano di uscire dai parcheggi liberi (ormai a ridosso della corsia di marcia), autobus, pedoni e biciclette, prevedere in quanto tempo si riuscirà ad uscire da San Donato diventa assolutamente velleitario. Devo dire che, lavorando a Brugherio, il tempo per uscire da San Donato quasi equivale al resto del tempo del viaggio. A tutto questo si aggiunge la beffa dei parcheggi a pagamento. A noi residenti in Piazza Dalla Chiesa è negato il pass per parcheggiare nella piazza, che durante il giorno rimane pressoché vuota, perché chi deve andare alla posta cerca un parcheggio libero dall'altra parte della strada, creando ancora più ingorghi. Ora i posti auto liberi sono ancora di meno, per colpa della pista ciclabile e quindi prevedo notevoli perdite di tempo alla ricerca di un parcheggio libero la sera (alla faccia della riduzione dell'inquinamento). Sono favorevole, in linea di principio, alle piste ciclabili e per me Amsterdam è un esempio fantastico (ci vado ogni anno e la conosco abbastanza bene da ammirare l'organizzazione del traffico: le piste ciclabili sono in ogni strada sia del centro sia della periferia); anche Londra non scherza in fatto di piste ciclabili. Sono un ciclista sportivo e per me la bici non è un mezzo di trasporto, tuttavia condivido l'idea di aumentare i percorsi protetti. Però c'è modo e modo: ridurre le carreggiate per fare le piste ha come conseguenza soltanto la congestione del traffico. Migliorare i mezzi pubblici è un prerequisito per migliorare il traffico e andava fatto prima del piano della sosta e prima delle piste ciclabili. Infine vorrei fare un appello all'amministrazione comunale: visto che ci avete tolto i parcheggi liberi, perché non ci date il pass per parcheggiare in piazza Dalla Chiesa? Purtroppo per me, e per molti altri Sandonatesi, l'auto è un mezzo di trasporto indispensabile per andare a lavorare (io avrei la possibilità fisica di farmi 40 Km al giorno in bici per andare a lavorare, ma non riuscirei a farlo con la dovuta sicurezza; sarei lietissimo di pedalare per andare al lavoro ma non ci sono piste ciclabili da qui a Brugherio; inoltre con i mezzi pubblici ci metterei due ore).
In conclusione, chi lavora all'ENI e abita a San Donato, avrà la possibilità di usare la bicicletta, chi vorrà andare alla Metropolitana, forse userà la bicicletta ma chi viene da fuori, chi lavora fuori e chi attraversa San Donato, non farà altro che ingorgare ancora di più la nostra città, a causa del piano sosta e delle piste ciclabili.
Inviato: 11/06/2019 10:07 da Giorgio Soave #4621
Avatar di Giorgio Soave
Grazie per l'analisi della situazione.
Trovo interessante, anche se velleitario, il sollecito all'uso della bicicletta. Ho una bici, ma l'unico percorso in cui mi sento al sicuro usandola è il circuito De Gasperi-Maritano-Gramsci (sulla via Morandi è solo velleitario, perchè essendo così stretto facilita l'interferenza con i pedoni).
Per il resto di San Donato non mi azzrdo neanche a usare la bici; troppo pericolo, per l'asenza di pista ciclabili e l'interferenza con le auto, peggiorata dall'instabiltà della bcicletta in sè.
Dato che ho superato gli 80 anni, potrei soddisfare senza rischi le mie eventuali ambizioni sportive comprando una bici a 3-4 ruote più stabile. Così potrei divertirmi per le auto obbligate a restarmi dietro in via Cefalonia o in via Libertà...
Nel frattempo, per favore, evitate di incoraggiare all'uso della bicicletta. E' scomoda e pericolosa..Ed evitate di spingere l'amministrazione comunale a occupare i marciapiedi con inutiili piste ciclabili che disturbano solo i pedoni.
P.S. Anche camminare fa bene alla salute.

Quattro sguardi rivolti al presente

CS SDMMercoledì 17 prenderà il via Aprire gli occhi, la seconda mostra organizzata nell’ambito del progetto Cascina Roma Fotografia

Un salto lungo un secolo. Conclusa da poche settimane la retrospettiva dedicata ai luoghi della Grande Guerra, Cascina Roma si prepara ad accogliere una nuova mostra, destinata a offrire testimonianza di alcune drammatiche vicende del nostro tempo.

In sintonia con la mission di Gruppo Fotografico Progetto Immagine – coordinatore, insieme al Comune, del progetto Cascina Roma Fotografia –, l’esposizione Aprire gli occhi proporrà ai visitatori oltre 100 immagini di fotoreporter di fama internazionale, organizzate a loro volta in quattro mostre. Tra queste, oltre a un compendio dei più importanti scatti del Festival di Fotografia Etica, vi sono le monografiche di Daniel Berehulak (Ci stanno massacrando come le bestie), Giorgio Bianchi (Storie del Donbass – Spartaco e Liza) e Oscar Castillo (La nostra guerra – Il nostro dolore, violenza in Venezuela): tre esposizioni in grado di colpire, sconvolgere e far riflettere lo spettatore, salvando dall’oblio storie tristemente attuali quali la sanguinosa lotta al narcotraffico nelle Filippine, la guerra del Donbass e la crisi socio-economica in Venezuela.

Leggi tutto...

Log in to comment

A San Donato si cambia aria!

sandonato riparteSAN DONATO MILANESE – A poco più di una settimana dall’avvio del nuovo Piano Sosta in città, San Donato Riparte conferma il proprio sostegno a questa specifica scelta dell’Amministrazione comunale.

L’adozione del nuovo Piano Sosta ha di fatto confermato alcune scelte in vigore da tanti anni, in particolare la necessità di contingentare i pass a disposizione di residenti e esercizi commerciali.” - dichiara Marco Pagliotta, capogruppo in Consiglio comunale – “Per altri aspetti, invece, sta comportando la modifica di alcune abitudini di residenti e lavoratori a San Donato Milanese, mettendo in discussione un disvalore accettato come “luogo comune”: il diritto a usare come posteggio permanente e illimitato di beni privati (le automobili) il suolo a uso pubblico, uno spazio collettivo - limitato e finito.”

La lista San Donato Riparte si è messa in questi giorni all’ascolto dei cittadini, e sta tenendo conto di richieste e indicazioni in un’ottica di miglioramento del Piano Sosta, al fine di non penalizzare le esigenze degli utenti più deboli e di ognuno di noi quando si ha la reale necessità di utilizzare l’auto. Alcune delle proteste più forti e gli atti di vandalismo sono invece da criticare e da considerare inaccettabili in una nazione che ha regalato all’intero occidente, sin dall’epoca latina, i valori di “bonum commune” e “publica utilitas”.

Leggi tutto...

Log in to comment

Proposta per la costituzione di un tavolo istituzionale di confronto sul piano sosta


Lo sbando politico è sotto gli occhi di tutti

Non c'è una partita (Parco Mattei, Pratone, Campagnetta, Ospedale, Pgt, per citarne alcuni) che sia chiusa se non iniziata.


Insieme a Vincenzo Di Gangi e Gianni Di Pasquale, abbiamo protocollato una lettera che richiama il Sindaco, la Giunta e tutto il Consiglio Comunale alla loro e nostra responsabilità istituzionale.

In un momento di grande confusione e disagio dei cittadini di fronte all'entrata in vigore delle strisce blu, le istituzioni devono RISPONDERE AI CITTADINI E ALLE LORO NECESSITÀ.
Le istituzioni devono dare l'esempio sia nell'ascolto che nel provare a risolvere i problemi delle persone.
Questa lettera avrebbe dovuto scriverla il Sindaco e non io. Ma tant'è.

Leggi tutto...

Log in to comment

Come sarebbe la città se il Sindaco e gli Assessori utilizzassero la bicicletta, sempre?​

Come sarebbe la città se il Sindaco e gli Assessori utilizzassero la bicicletta, sempre?​

Con l’avvento delle strisce blu, nell’era in cui le persone manifestano per un futuro migliore e scendono in piazza per sensibilizzare i governi affinché vengano adottate misure urgenti per contrastare i cambiamenti climatici, vedrei di buon auspicio che il primo cittadino del Comune di San Donato Milanese e gli Assessori dessero il buon esempio per creare un nuovo modello di vita, che utilizzi per i loro spostamenti la bicicletta, non solo per adempiere ai loro compiti di Sindaco ed Assessori, ma per svolgere anche tutte le commissioni private, e soprattutto per recarsi al lavoro.

Le strisce blu sono state realizzate in meno di una settimana, non è chiaro perché ci voglia più tempo per posizionare delle rastrelliere, per togliere le barriere, per tracciare percorsi urbani ciclabili senza interruzioni.

Leggi tutto...

Log in to comment

Inviato: 13/11/2019 19:36 da Giorgio Soave #4638
Avatar di Giorgio Soave
Qualcuno si dimentica che San Donato è una città di gente in prevalenza anziana, che per esigenze fisiologiche sposta di preferenza in auto.
La prova si ha guardando in strada e contando quanti ciclisti passano in un'ora.
Le soluzioni per favorire gli spostamenti finora è stata di far pagare la maggioranza dei parcheggi (strisce blu), che è una seccatura e un aggravio economico ma almeno dovrebbe garantire a chi si sposta in auto di trovare un posto libero per parcheggiare.
Mano produttiva mi pare invece l'idea di far circolare tutti in bicicletta, sindaco e assessori compresi.
I sandonatesi anziani più in forma potrebbero anche andare a piedi,ma devo prevedere molti casi di insolazione la prossima estate, a causa del taglio di tutti gli alberi delle vie Morandi/Maritano (un vero delitto ecologico; me ne ricorderò alle prossime elezioni).
Inviato: 07/06/2019 18:11 da Giorgio Soave #4615
Avatar di Giorgio Soave
Oggi arivando da Peschiera Borromeo alle 17,30, hho troovato lìuscita per San Donato tutta occupata delle code, indietro fino alla Paullese. Allora ho pensato bene di prendere la bretella che porta all'incrocio su via Moro; anche lì coda e ingorghi..
Allora ho eescogitato di tornare indietro verso l'uscita su via Maritano, e lì sono riuscito a infilarmi sulla fine della prima coda, quasi sulla Puullese, e ad attraversare in pochi minuti.
C'è gente che tutti i giorni fa la stessa strada e tutti i giorni deve farsi almeno un quarto d'ora di coda, povere vittime.
La situazione sarebbe risolvibile con un sovrappasso, ma naturalmente la solita burocrazie da decenni blocca tutto. Questo comunque non depone in favore della iniziativa della nostra amministrazione.
A chi bisogna rivolgersi per avere qualche risposta positiva ?
Inviato: 07/06/2019 17:57 da Giorgio Soave #4614
Avatar di Giorgio Soave
Bei propositi. Ma sindaco e assessori non dovrebbero essere in tà da pensione. E in certe vie le piste coclabili non ci stanno proprio; quelle vie non sono state concepite per le biciclette,
Sarebbe bene, quando si costruiscono nuove case e nuovi quartieri, adattare la viabilità in modo da ospitare le piste ciclabili.A mia esperienza questo non è mai successo. Con chi ce la prendiamo ?

Comunicato in risposta alla lettera aperta del sindaco

5stelle sdmNella sua recente lettera aperta alla cittadinanza il Sindaco Checchi motiva la scelta di introdurre massicciamente la sosta a pagamento con la volontà di ridurre sia il traffico in entrata in città, sia l’utilizzo delle auto per gli spostamenti locali dei cittadini sandonatesi 
Scrive il Sindaco a fine lettera che ci vuole un cambiamento di “qualcosa” (Da un Sindaco ci si aspetta concretezza e non qualunquismo, ma purtroppo è scritto così nella sua lettera aperta) per rispondere ad un appello lanciato da Greta Thunberg (invecchiata artificialmente di un anno dal nostro Sindaco: la ragazza ha oggi 16 anni e on 17 come egli scrive) per la salvezza del pianeta. Il Sindaco, crediamo insinui implicitamente che il cambiamento nelle abitudini dei cittadini sandonatesi “indotto” dalle strisce blu possa rispondere effettivamente a ridurre le cause e gli effetti dei cambiamenti climatici.
Lodevoli obiettivi che si scontrano però con un grave difetto: il nesso tra introdurre una sosta a pagamento e la riduzione dei cambiamenti climatici non è dimostrato. Addirittura gli studi scientifici affermano che sono molte le cause che influenzare la qualità dell’aria e che dimostrare eventuali nessi richiedono studi approfonditi su molti fattori quali: fonti di inquinamento, circolazione delle correnti d’aria, eventi microclimatici, pioggia, nebbia, tipo di inquinanti, posizione delle cause dell’inquinamento, temperature dell’aria, per esempio.

Leggi tutto...

Log in to comment

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi