Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Il Comune è un cliente virtuoso

CS SDMNell’anno appena concluso l’Ente ha pagato il 99,8% delle fatture ricevute, con un anticipo medio di 3 giorni sulla scadenza
 
SOLO 7 su un totale di 3.896. Sono le fatture non pagate da parte dell’Ente nel corso del 2019. Con una percentuale di pagamenti che si è assestata al 99,8% dei documenti di fatturazione relativi al debito commerciale, il Comune si è confermato ancora una volta un cliente virtuoso. Percentuale pressoché identica riguarda il conto restato “in sospeso”. Su un totale di 18.359.04,33 euro, ne sono rimasti da pagare solo 117.885,61. Di fatto, dunque, il 99,4% di quanto esposto in fattura da parte dei creditori è stato regolarmente pagato. Ed è stato pagato entro la scadenza. In base alla Piattaforma dei Crediti Commerciali – strumento del MEF che certifica e traccia le operazioni sui crediti di somme dovute dalla PA per appalti, forniture, somministrazioni e prestazioni professionali – il Comune di San Donato ha pagato, in media, con un anticipo di 3 giorni sulla scadenza.

Leggi tutto...

Log in to comment

UK BREXIT: un addio o un arrivederci?

Molti britannici oggi festeggiano finalmente l’uscita o il divorzio del Regno Unito (UK) dall’Unione europea (Ue). E’ giusto cosi’ visto che in democrazia vince la maggioranza e la sua volonta’ deve sempre essere rispettata.

Da domani inizia il periodo di transizione che dovrebbe completarsi il 31 dicembre 2020.

D’altronde i britannici si sono sempre sentiti diversi dai continentali europei. Hanno mantenuto le loro unita’ di misura (galloni al posto di litri, piedi al posto di metri, ecc.). Hanno mantenuto la loro moneta nazionale (la sterilina inglese) e mantenuto la possibilita’ di svalutare o di apprezzare la propria moneta nazionale. Hanno mantenuto la decisione se abbassare o se innnalzare il proprio debito pubblico. Hanno continuato a guardare il mondo intero (e con disinteresse, o forse con disprezzo, l’Europa continentale) tramite il Commonwealth e a mantenerne, laddove possibile, i propri possedimenti, ponendo come capo dello Stato la  regina Elisabetta II. Hanno sempre criticato e contestato la Comunita’ economica europea (poi Comunita’ europeaoggi Ue) cercando di ottenerne piu’ vantaggi economici rispetto a quanto versato ogni anno di contributi e poco  preoccupandosi del principio di sussidarieta’ che permette agli Stati membri piu’ ricchi di aiutare quelli piu’ poveri e, last but not least, hanno accettato di rimanere nell’Ue solo se veniva a loro concesso le clausole di “opting out”.

04688 europa

Cosa ne sara’ del Regno Unito da oggi sara’ difficile oggi prevederlo. Stessa domanda va posta anche per l’Ue.

La Scozia e l’Irlanda del Nord accetteranno di uscire dall’Ue? L’Ue imbocchera’ finalmente la strada delle riforme con l’imminente "Conferenza sul futuro dell'Europa"?

Che iniziino i festeggiamenti dei brexiters ossia della maggioranza dei britannici; la Storia ci dira’ piu’ avanti se le loro convinzioni e promesse saranno attuate e se il ritorno al loro isolamento dal continente europeoportera’ vantaggi o svantaggi.

Vedremo se chi oggi festeggia e balla dira’ domani ai propri nipoti e posteri che si sia oggi divertito e brindato.

Da domani certamente lUe e il Regno Unito non saranno piu’ le stesse perche’ l’Ue perde uno Stato membro (da 28 a 27) che ha contribuito a sconfiggere il fascismo in Europa durante la Seconda Guerra Mondiale e, allo stesso tempo, vengono a cadere tutte quelle clausole di “opting out” a favore del Regno Unito che difficilmente un indomani, se volesse ri-aderire all’Ue, le verranno nuovamente concesse.

In ogni caso ora innalziamo i calici e brindiamo anche noi, augurando prosperita’ e benessere sia al Regno Unito che all’Ue!

San Donato Milanese, 31 gennaio 2020, Franco Oriti

Log in to comment

LA GESTIONE DI VIA JANNOZZI PASSA AL COMUNE

CS SDMCon la sigla dell’atto di presa in carico della piazza pedonale, ieri, si è chiuso un iter iniziato nel 2006. Da oggi l’Ente ne curerà manutenzione
 
UNA firma storica che coinvolge centinaia di famiglie. Una firma che giunge al termine di un’interlocuzione con i residenti della zona e di un iter amministrativo durati più di un decennio. Ieri pomeriggio il Comune e i Condomini di via Jannozzi hanno sottoscritto l’atto di presa in carico della piazza pedonale al centro dell’abitato della strada edificata negli anni Ottanta. La vicenda riguardante l’area residenziale adiacente al Municipio, tuttavia, risale ancora più indietro nel tempo. La presa in carico da parte dell’Ente, infatti, risultava tra le prescrizioni del piano esecutivo della concessione edilizia risalente al 1979.
Dopo anni di inerzia, nel giugno del 2006, le parti – Comune da un lato e Condomini dall’altro – avevano avviato una serie di tavoli tecnici i cui esiti, nel 2011, erano stati “formalizzati” dal Consiglio Comunale con l'approvazione di specifici indirizzi operativi per la chiusura di una vicenda, già all’epoca, trentennale. Definiti tutti i termini del passaggio dell’area al Comune, dunque, si è giunti alla firma di ieri, che ha sancito che l’Ente – come originariamente previsto nelle rispettive convenzioni attuative ex lege 865/71 – provvederà alla manutenzione ordinaria e alla futura riqualificazione della piazza pedonale di via Jannozzi.
«Centinaia di famiglie sandonatesi – dichiara il Sindaco Andrea Checchi – vedono finalmente riconosciuto un diritto, la cui origine risale a oltre quarant’anni fa. L’attesa, causata da indecisione e disaccordo tra i condomini, è terminata ieri con la formalizzazione dell’accordo tra tutte le parti. L’Ente non si occuperà solo della manutenzione ordinaria, ma si spingerà oltre. È nostra intenzione coinvolgere i cittadini in un percorso di progettazione partecipata per ridisegnare il quartiere che, pur trovandosi al centro della città, per molti versi ne è rimasto ai margini».

 04687 firma accordo jannozzi

Log in to comment

Eventi per la celebrazione del Giorno del Ricordo: Il Comune di San Donato non risponde alla richiesta di inserire la presentazione del libro PROFUGHI D'ITALIA

Spettabile Comune di San Donato Milanese

 Egr. sig Sindaco Andrea Checchi ed egr. sig Assessore Francesco De Simoni,  come mai non avete degnato gli scriventi almeno di un cenno di risposta ?  Come mai non avete sottoposto alla Capigruppo la proposta ricevuta ? La proposta era a costo ZERO per le casse comunali.

Abbiate il coraggio di risponderci !!!

(PS avete ricevuto la proposta, via PEC, in data 03.I.2020)

 Cordiali saluti

Circolo '' Giorgio Almirante'' Fratelli d'Italia San Donato Milanese

Il Presidente 

 (Guido Massera)


Log in to comment

TARIFFA PUNTUALE: TERMINATA LA SPERIMENTAZIONE

CS SDML’Amministrazione: «Ringraziamo i cittadini per la collaborazione. Grazie al loro impegno abbiamo elementi per valutare eventuali modifiche al sistema di raccolta»
                                                              
PARTITA nel marzo 2015, ha coinvolto i cittadini di Poasco per oltre quattro anni. La sperimentazione del sistema di raccolta dei rifiuti denominato “Tariffa Puntuale” ha esaurito il suo corso. In funzione di ciò, per i cittadini di Poasco decade l’obbligo di utilizzare i sacchi con il dispositivo a radiofrequenza (RFID) incorporato. Gli stessi, naturalmente, potranno essere utilizzati per la raccolta della frazione indifferenziata fino all’esaurimento delle scorte in possesso degli utenti, ma il loro contenuto non sarà più conteggiato ai fini del calcolo della tariffa.

Leggi tutto...

Log in to comment

POASCO/SORIGHERIO: AL VIA L’ATTIVITÀ DEL COMITATO

CS SDMNegli scorsi giorni si è insediato l’organo rappresentativo della frazione che, nei prossimi tre anni, sarà presieduto da Gaia Guareschi
PER tre anni porteranno avanti le istanze dei 2.875 cittadini del quartiere. Negli scorsi giorni sono entrati ufficialmente in carica i nuovi componenti del Comitato di Poasco/Sorigherio. L’organo rappresentativo della frazione, in base a quanto deciso dai suoi membri, sarà guidato da Gaia Guareschi, a cui è stato attribuito il ruolo di Presidente. A coadiuvarla, in qualità di Vicepresidente, sarà Luciano Ardemagni.
 
Il Comitato, al servizio dei cittadini di Poasco e Sorigherio fino al 2022, è composto anche da Maurizio Agnesa, Vittoria Cappellini, Fabio Checchi, Federico Magnone e Alessandra Micalizzi. Per quanti volessero entrare in contatto con i rappresentanti della frazione è già attivo l’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Leggi tutto...

Log in to comment

Ecomuseo Vettabbia Fontanili - Quando tra Comuni c’è un intento comune: la sinergia.




Quando tra Comuni  c’è un intento comune: la sinergia.


Senza titolo
Ieri sera  20 Gennaio 2020, Pantigliate ha partecipato alla serata organizzata per la Riqualifica del Parco Gustavo Hauser nel Comune di San Donato Milanese.
La nostra presenza come esponente capofila, sottolinea la volontà di promuovere il progetto “Ecomuseo della Vettabbia e dei Fontanili”,  che, esattamente un mese fa,  il 21 Dicembre 2020 è stato presentato nella Sala Consiliare del Comue di Pantigliate, dall’Associazione N>O>I  - Network Organizzazione Innvazione di San Donato Milanese.

Sin da subito si è compreso l’importanza che ruota attorno alla necessità di avere una istituzione che tuteli e valorizzi il nostro patrimonio:  i nostri luoghi, le nostre tradizioni e la nostra cultura.

La possibilità di esprimersi in merito alla destinazione del Parco Gustavo Hauser, definito “La Campagnetta”, ci ha mosso nell’intento di dare al progetto un’impronta comunitaria, di più ampie vedute, di interconnessione tra vari paesi.


Abbiamo provato ad immaginare un percorso sovracomunale  continuo che con inizio da porta Romana, passasse dal Parco Della Vettabbia, fino a giungere all'Abbazia di Chiaravalle e da qui proseguire attraverso un per un sentiero da pochi conosciuto, di giungere a Borgo Bagnolo, arrivare quindi nel futuro Parco Gustavo Hauser  e raggiungere l'abbazia di Viboldone e arrivare infine all'Abbazia di Mirasole. Un percorso che si innesca in un contesto più ampio, quello della Valle dei Monaci. Potremmo dire che il progetto pensato dall' Ecomuseo della Vettabbia e dei Fontaìnili  è il percorso delle Abazzie che corrono accanto all’asse della Via Emilia; un percorso di fede, itinerante, percorribile a piedi o in bicicletta e soprattutto “comunicativo”.

Senza titolo

L’accento sull’aggettivo ne sottolinea l’esigenza affinché , lo sguardo a volte disattento o inconsapevole del passante, possa riscoprire l’essenza del Parco Agricolo Sud Milano, volgendo  l’attenzione verso la bellezza naturalistica, i luoghi di preghiera, le opere d’arte, le opere architettoniche o di sostenibilità ambientale, i luoghi di ristoro, le arti ed i mestieri.

Crediamo sia un progetto di alto valore, sia per le opportunità lavorative che ne potrebbero scaturire, sia per la valorizzazione del mercato locale che ne beneficerebbe, nonché, per il ruolo da garante che ne preserva un lascito ai nostri figli.

L’Ecomuseo: un progetto camaleontico, che abbraccia tutta la popolazione, si modella all’identità di ogni paesaggio e apre ad opportunità versatili.

Senza titolo


Giada De Marni


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 

 
 
Log in to comment

M5S_SDM - Innalzamento Polveri Sottili nel nostro territorio


La Consigliera Comunale del Movimento 5 stelle Paola Alessandrini ha depositato, presso il Comune di San Donato, una mozione (M5S_SDM : Mozione inquinamento) che richiede l’installazione di due centraline fisse per il monitoraggio dell’aria e il censimento degli impianti di riscaldamento nel territorio sandonatese.
Tale richiesta verrà discussa nel prossimo Consiglio Comunale utile.
L’innalzamento delle polveri sottili rappresenta una vera e propria piaga per l’intera Pianura Padana e per la nostra città, situata in una morsa pericolosa, tra tangenziali e aeroporto di Linate. La scienza da anni ci mette in guardia dagli effetti dannosi che ha l’inquinamento sulla nostra salute e l’ultimo campanello d’allarme viene dato da una ricerca condotta da Humanitas e Istituto Nazionale dei Tumori, pubblicata sulla rivista scientifica “ International Journal of Environmental Research and Public Health”, che “ ha dimostrato che il rischio di accesso al pronto soccorso per eventi cardiovascolari acuti è associato all’aumento del particolato atmosferico, Pm10, secondo un andamento stagionale, più dannoso nel periodo autunno-inverno, ma anche più pericoloso nelle giornate con alte temperature atmosferiche”.

Sappiamo dall’ARPA che da inizio anno, nella confinante Milano, i livelli di Pm10 sforano pericolosamente i limiti consentiti dalla legge, ma, per quanto riguarda San Donato e l’intero sud est Milano, non abbiamo dati puntuali per la mancanza di centraline fisse che monitorino gli inquinanti atmosferici.
Ciò non ha impedito, purtroppo, di bocciare in Consiglio Regionale l’emendamento presentato dal Consigliere Regionale del M5S Nicola Di Marco, volto a chiedere fondi per l’installazione di almeno 3 centraline fisse, da Corsico a Paullo.

I dati di cui siamo a conoscenza dovrebbero allarmare ogni buon Amministratore locale. Confidiamo, pertanto, nella volontà dei Consiglieri Comunali di San Donato di salvaguardare la propria salute e quella dei propri concittadini, affinchè votino favorevolmente questa mozione.
Ricordiamo inoltre che , secondo la legge, è dovere del Sindaco tutelare la salute dei propri cittadini, anche dei più piccoli , ed è per questo motivo che la mozione richiede anche rilevamenti degli inquinanti nelle scuole elementari e medie;
l’apparato respiratorio dei bambini è in via di sviluppo, pertanto più sensibile agli eventuali danni apportati dall’inquinamento.

m5s - san donato
Log in to comment

M5S_SDM : Mozione inquinamento

 

 

                                                    

                                                    Al Sindaco Dr. Checchi

                                                     Al Presidente del Consiglio Ing. Matteo Sargenti

 

 

MOZIONE : RICHIESTA INSTALLAZIONE STAZIONI DI MONITORAGGIO ARIA, MISURAZIONE INQUINANTI NELLE SCUOLE PRIMARIE, CENSIMENTO IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE .

 

Premesso : nell’hinterland milanese e a San Donato Milanese i cittadini continuano ad ammalarsi di tumore e a contrarre quelle malattie quali l’asma, malattie coronariche, malattie respiratorie ed altre connesse con altissima probabilità oltre che alla contaminazione del cibo, alla pessima qualità dell’aria che sono costretti a respirare.

Premesso che sul tema nutrizionale si può agire limitatamente se non raccomandare ai cittadini l’acquisto di prodotti italiani verificando il contenuto delle etichette e tenuto conto che la filiera del cibo italiano è quella più affidabile e controllata in Europa ;  sul tema aria: dai dati giornalieri dell’ARPA Lombardia sappiamo che i maggiori responsabili dell’inquinamento sono il particolato atmosferico noto come PM10 e PM2,5 , il mono/bi ossido di azoto, l’ozono, il benzene, l’ossido di carbonio a cui si aggiungono altri componenti presenti talvolta in concentrazioni pericolose per la salute talvolta “accettabili” solo in condizioni meteo favorevoli ossia con pioggia e vento.

Considerato che in questi primi giorni dell’anno, dai dati ARPA Lombardia si conferma che il PM10 ha già superato più volte il valore limite di 50 microgrammi al metro cubo fissato dalla Unione Europea ed ugualmente il PM2,5 è costantemente vicino al suo limite ammesso, mentre l’indice di qualità dell’aria è definito da ARPA in questi giorni “scarsa” in altre parole pessima e pericolosa per la salute.

Considerato che : migliaia di lavoratori ogni giorno si muovono per venire a lavorare a San Donato Milanese costretti a respirare la sua aria , che le grandi multinazionali come l’ENI stanno investendo sul territorio in uffici ed infrastrutture e che pertanto la presenza di lavoratori e personale andrà ad incrementare nel prossimo futuro.

Considerato che la stazione di rilevamento inquinanti dell’aria situata a  San Giuliano Milanese, possibile riferimento per il nostro Comune, sembra essere attiva per il solo rilievo degli NO2 e del CO, e che nell’area sud est rispetto all’area nord Milano vi è carenza di stazioni di rilevamento, necessarie invece anche per la presenza spesso trascurata nel suo apporto all’inquinamento dell’aria, dell’aeroporto di Linate.

Considerato che il Decreto Legislativo n. 155/2010, che fissa le norme per la valutazione della qualità dell’aria, prevede che le regioni predispongano un programma per la misura della qualità dell’aria con stazioni fisse  e parimenti dispone che se è alta la probabilità di superare i limiti per un determinato parametro, il numero di stazioni da prevedere sia più elevato.

Considerato che i dati d’inquinamento forniti su San Donato Milanese a partire dai modelli ARPA non corrispondono, come noto, a dati effettivamente misurati in qualche punto del territorio comunale, ma si tratta di valutazioni di tipo modellistico mentre i cittadini hanno manifestato il desiderio di avere dati reali on time ben sapendo che la lotta all’inquinamento passa anche attraverso l’informazione puntuale.

 

                                       Impegna Sindaco e Giunta

1)    a farsi parte attiva nei confronti dell’ARPA per richiedere l’installazione di 2 stazioni fisse di monitoraggio aria e quindi, con l’aiuto della analisi chimico-fisica e della moderna strumentazione elettronica di cui sono dotati i laboratori dell’Arpa, cercare di risalire alle fonti più probabili dell’inquinamento per combatterle in maniera mirata. La battaglia contro le auto che il Comune sta perseguendo senza coinvolgere i cittadini e senza tener conto delle loro necessità potrebbe addirittura risultare non decisiva per abbattere l’inquinamento se ad esso concorrono in misura determinante i fertilizzanti dei campi limitrofi , lo scarico delle caldaie, le stufe a pellet, la ricaduta dei gas combusti del kerosene avio del vicino aeroporto di Linate, ecc.

2)    a programmare un monitoraggio anche discontinuo della qualità dell’aria all’interno delle aule delle scuole elementari e medie in particolare sui particolati PM10, PM2,5 insieme alla formaldeide, alla CO2 e ai COV aggiungendo nel periodo estivo l’ozono.

3)    a promuovere un censimento presso i Condomini e le abitazioni tutte del Comune sui dispositivi di riscaldamento in uso, considerato che le caldaie a biomassa, le stufe a pellet le caldaie a gasolio, durante il periodo di riscaldamento invernale, sono maggiormente responsabili per la generazione del PM e del benzopirene rispetto alla caldaie a metano o rispetto alle auto. Nell’ottobre del 2019 l’Arpa Lombardia ha partecipato ad un importante convegno internazionale con l’intervento "Challenges for PM and BaP in Po valley, with particular reference to the contribution of biomass burning",  da cui si evince chiaramente quanto sopra illustrato ossia che l’inquinamento delle auto non è la principale fonte di inquinamento nella Regione Lombardia.

 

Si chiede che la presente mozione sia inserita in discussione nel primo Consiglio Comunale

Paola Alessandrini

Capogruppo del Gruppo consiliare M5S

Log in to comment

PLASTIC FREE: IL COMUNE SI ALLEA CON I GIOVANI

CS SDML’Amministrazione distribuirà oltre 3mila borracce nelle scuole con l’obiettivo di avviare la lotta alla plastica usa e getta, alzando la guardia in difesa dell’ambiente

 LA lotta alla plastica inizia a scuola. Con questo obiettivo, il Sindaco Andrea Checchi e l’Assessore all’Istruzione Chiara Papetti da domani (venerdì 17) incontreranno i ragazzi delle scuole cittadine per regalare loro oltre 3mila borracce di alluminio.

 Partirà dai sandonatesi più giovani la campagna per diffondere una buona pratica in città: ridurre al minimo l’utilizzo della plastica usa e getta. La maggior parte delle plastiche, infatti, non si biodegrada in alcun modo e tutta quella dispersa in natura vi resta per centinaia o migliaia di anni. Usata in media per 4 anni (spesso una volta sola), buona parte della plastica, purtroppo, finisce a “soggiornare” nell’ambiente per periodi lunghissimi. Con queste premesse, l’Amministrazione – da sempre in prima linea sul tema della sostenibilità – chiederà aiuto agli studenti per provare a modificare un’abitudine consolidata: il consumo di acqua in bottiglia, pratica che vede l’Italia al primo posto in Europa e al terzo nel mondo (dati statista.com riferiti al 2017) con un utilizzo annuo, nel nostro Paese, di oltre 8 miliardi di bottiglie in plastica.

Leggi tutto...

Log in to comment

SDM: Piano Sosta 2020

PIANO SOSTA: LE NOVITÀ PER IL 2020

A nove mesi dall’avvio del nuovo sistema di parcheggio, l’Amministrazione introduce ulteriori elementi correttivi

 

Importanti novità per il 2020: con l’approssimarsi del nuovo anno, cambiano alcune modalità di rilascio dei pass sosta e vengono introdotte nuove tariffe. Nell’ultima seduta di Giunta, l’esecutivo cittadino ha approvato tre correttivi al sistema di parcheggio avviato lo scorso 2 aprile.

Le novità, frutto anche delle valutazioni conseguenti al monitoraggio dei flussi di traffico, interessano residenti, dimoranti e lavoratori pendolari.

 

Proprio questi ultimi, a partire dal 2 gennaio, potranno usufruire di una tariffa sperimentale agevolata – disponibile in triplice formula, al prezzo di 200, 350 o 600 euro – che consentirà loro di parcheggiare sulle strisce blu della zona M4, rispettivamente per un trimestre, un semestre o un’intera annualità. Per quanto riguarda gli abitanti di San Donato, invece, i correttivi interverranno esclusivamente sulla fase di rilascio o di rinnovo del pass. Ciascun richiedente, infatti, a partire dal nuovo anno potrà avanzare domanda per il rilascio dell’autorizzazione esclusivamente per i veicoli intestati a se stesso. Per i dimoranti, invece, si è adottato lo stesso principio in vigore per altri servizi: è stata introdotta una tariffa diversificata rispetto a quella valida per residenti. L’importo del loro pass, pertanto, sarà di 240 euro annui, frazionabili in semestri.

 

«Le novità introdotte – spiega l’Assessore ai Parcheggi e al Piano Sosta Gianfranco Ginelli – hanno lo scopo di migliorare l’impianto generale e istituire un sistema di priorità. A fronte di 18mila veicoli che quotidianamente entrano in città e occupano una risorsa limitata quale è lo spazio stradale, l’Amministrazione ha deciso di privilegiare alcune fasce di popolazione, garantendo comunque a ciascuno la possibilità di movimento. L’introduzione delle tariffe agevolate cerca di stabilire un equilibrio tra l’interesse della cittadinanza e quello di quanti si recano in città ogni giorno per lavorare. L’obiettivo di fondo, in ogni caso, resta quello di favorire sul medio-lungo termine l’adozione di buone pratiche sostenibili dal punto di vista ambientale, economico e sociale».

 

San Donato Milanese, 30 dicembre 2019

Log in to comment

Bilancio 2019: osservatorio permanente contro il consumo di suolo e tutela del paesaggio

Osservatorio permanente contro il consumo di suolo e per la tutela del paesaggio nel Sud Est Milano

Comunicato stampa

 

Melegnano, 20 dicembre 2012
Questa fine d’anno ha portato nel nostro territorio una ventata di ottimismo:
·       il diniego dell’amministrazione comunale di Sordio a un nuovo, enorme insediamentologistico;
·       l’adesione, votata all’unanimità dal Consiglio Comunale di San Donato Milanese, al progetto Forestami con l’impegno di raddoppiare in breve tempo il patrimonio arboreocomunale;
·       l’approvazione all’unanimità del Consiglio Comunale di San Giuliano Milanese del progetto Un al- bero in più, che prevede la piantumazione di 38 mila alberi in pochi anni; una successiva delibera consiliare, pure votata all’unanimità, impegna il comune a finanziare ilprogetto.
Queste notizie che ci danno fiducia e alimentano nuove speranze.
Non che con questo la situazione nei nostri comuni sia rosea, nel corso dell’anno abbiamo già alzato la voce contro progetti che ricopriranno con nuovo asfalto e nuovo cemento il nostro suolo:
·       nuove abitazioni arriveranno a San Donato Milanese, Mediglia, Melegnano e VizzoloPredabissi;
·       nuove strade a Melegnano, avanguardia di un maxi-insediamento industriale e logistico che ricoprirà con asfalto e cemento l’8% del territorio comunale;
·       faraonici impianti sportivi (città dello sport oppure un nuovo stadio) a San DonatoMilanese;

Leggi tutto...

Log in to comment