Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Invisibili nei “Ristori” per la crisi Covid Scuole di Lingue e Centri di Certificazione Linguistica venerdì 13 novembre (alle 18) spengono le luci

Invisibili nei “Ristori” per la crisi Covid Scuole di Lingue e Centri di Certificazione Linguistica venerdì 13 novembre (alle 18) spengono le luci

Le Associazioni del comparto: “Luci spente come si sta spegnendo la speranza di poter continuare l’attività”


 

Venerdì 13 novembre alle 18, le scuole di lingue e i centri di certificazione linguistica spegneranno le luci in segno di disapprovazione nei confronti dell’ultimo DPCM e del Decreto Ristori bis.

Assimilate ai centri di formazione che possono operare solo con una didattica a distanza non adeguata alla fascia di studenti più giovani che le frequentano, dimenticate dal Decreto Ristori che non inserisce il codice ateco 85.59.30 a cui appartengono e con perdite di fatturato fino all’80%, le scuole di lingue sono vicine al collasso.

Migliaia di studenti sono costretti ad interrompere i corsi di lingua - per i quali le famiglie hanno investito tempo e risorse - perché la didattica a distanza su percorsi non curriculari non è così apprezzata e gli esami di fine corso non possono essere sostenuti online.

La crisi sanitaria priva in questo modo i giovani della possibilità di diventare competitivi in un mondo sempre più globalizzato ed i nostri studenti non possono dimostrare la competenza linguistica acquisita poiché le sessioni di esame sono state annullate. Per non parlare dei piccoli studenti cui è tolto il diritto di socializzare e di svilupparsi come individui, nonostante le nostre scuole abbiano aule con pochi studenti e dove è possibile apprendere in sicurezza, più di quanto accada nelle scuole statali dove la didattica in presenza è consentita.

Le scuole di lingue devono adeguarsi ed accettare le restrizioni imposte dai decreti assistendo al tracollo finanziario delle attività e risultando completamente invisibili agli occhi dei legislatori che non tutelano minimamente il nostro mondo votato all’educazione, soprattutto dei più giovani.

Le associazioni del comparto comprendono i tempi che stiamo vivendo, ed è per questo che sin da febbraio ci si è adoperati per poter operare in sicurezza. Ma ora è urgente l’appello al Governo affinché sostenga il settore.

Venerdì alle 18 verranno quindi spente le luci delle aule, così come la crisi sanitaria da Covid sta spegnendo la possibilità di imparare, di essere cittadini del mondo e di certificare la propria conoscenza linguistica. Verranno spente le luci così come si sta spegnendo la nostra speranza  di rimanere in attività.

Oggi pensiamo tutti ad “esserci come persone” al termine della crisi rispettando ogni necessario protocollo, ma, al tempo stesso, vengono chiesti sostegno ed attenzione per esistere ancora come scuole quando questa crisi sarà superata.

 

AISLi – Associazione Italiana Scuole di Lingue

ASILS – Associazione Scuole di Italiano come Lingua Seconda

CAMBRIDGE ASSESSMENT ENGLISH – Ente Certificazioni di lingua inglese

EDUITALIA – Associazione di Scuole ed Università che offrono corsi per studenti stranieri

FEDERLINGUE – Associazione Italiana Servizi Linguistici di CONFCOMMERCIO

FIDEF – Federazione Italiana Enti e Scuole di istruzione e formazione

ITALIAN IN ITALY – Associazione Scuole per la diffusione della cultura e della lingua italiana nel mondo

Log in to comment

Rocca Brivio, deserta la seconda gara e ora ?

ROCCA BRIVIO DESERTA LA SECONDA GARA, E ORA?




Sapevamo che era impossibile che anche la seconda gara avviata dal Commissario Liquidatore della società Rocca Brivio potesse avere un risultato positivo; solo un “ potente “ benefattore poteva avere interesse ad acquisire la struttura per ristrutturarla, investendo almeno 3 milioni di euro, rivalutandola creando un progetto di sviluppo socio culturale consentendo anche un utilizzo pubblico.

Leggi tutto...

Log in to comment

SAN DONATO E PESCHIERA UNITE NEL NOME DI BARTALI

CS SDMI due Sindaci hanno inaugurato la pista ciclopedonale che unisce le città. «Un gesto per guardare al futuro in questi giorni difficili»

CAMPIONE in gara e nella vita. Grazie al suo impegno, durante la seconda guerra mondiale, ha salvato centinaia di vite. E grazie alla sua vittoria nel Tour de France del 1948 ha saputo riunire il Paese, ferocemente diviso nei giorni in cui l’attentato a Palmiro Togliatti portò la Nazione sull’orlo della guerra civile. Da oggi, nel suo nome, si uniscono per la prima volta i territori di San Donato e Peschiera, finora connessi tra loro unicamente dalla Paullese. I Sindaci delle due città, in tarda mattinata, hanno inaugurato la pista ciclopedonale intitolata alla memoria di Gino Bartali, infrastruttura che riscrive il sistema di mobilità dolce dell’intero quadrante sud est del Milanese.

Leggi tutto...

Log in to comment

PIÙ POSTEGGI PER LE BICICLETTE CONDIVISE

CS SDMIl sistema di bike sharing potenziato con l’installazione di 16 nuovi stalli. Raddoppiata la stazione sotto il Municipio. Rinforzate quella dell’Ospedale e di via Maritano

SEDICI parcheggi in più per le biciclette condivise. Salgono a 126, distribuiti su 12 stazioni in diverse zone di San Donato, gli stalli per parcheggiare i mezzi del sistema cittadino di bikesharing. Negli scorsi giorni, infatti, è stato avviato l’intervento per rinforzare i punti di prelievo e rilascio più “sotto stress”. Al termine dell’operazione, la stazione nei pressi del Municipio risulta raddoppiata con i posti che salgono da 8 a 16. Rinforzate anche quella presso i laboratori Eni di via Maritano e quella di fronte al Policlinico in via Europa. In entrambe le postazioni sono stati aggiunti 4 posti (per un totale di 8)

Leggi tutto...

Log in to comment

GSD – L’ospedale si amplia in fretta e furia

sandonato riparteAlberi tagliati, mobilità al collasso e documentazione all’ultimo minuto SAN DONATO MILANESE – Il Gruppo San Donato rimodula la sua proposta di ampliamento per l’IRCCS Policlinico San Donato: rimangono i 10.000 metri quadrati per l’università, i 10.000 metri quadrati per l’edificio “corpo volano” e 4.000 metri quadrati dedicati alla ricerca. La nuova proposta, purtroppo, prevede anziché un parcheggio interrato un parcheggio auto a raso da 800 posti. Tra le opere di compensazione si prevede l'allestimento del Parco dei Conigli in via Leopardi, un nuovo ponte ciclopedonale e la riqualificazione della viabilità circostante. I lavori cominceranno il prossimo febbraio 2021.

San Donato Riparte, di fronte a questo progetto che è stato discusso martedì in Consiglio, apprezza la volontà del gruppo GSD di voler ampliare l’offerta formativa di livello universitario sul nostro territorio e della ricerca in ambito clinicosanitario; ciò che ci lascia perplessi sono la proposta del parcheggio a raso e le opere di compensazione. A nostro avviso la scelta del parcheggio a raso è una scelta che mira al risparmio, a discapito delle alberature sane ivi presenti che saranno abbattute. Il parcheggio, così come proposto nel nuovo progetto, non sarebbe filtrante e non prevede alcuna alberatura, con grave peggioramento del microclima locale.

Leggi tutto...

Log in to comment

Associazione Cuore Fratello onlus aderisce alla campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi #salvALI

cuorefratelloAssociazione Cuore Fratello onlus aderisce alla campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi #salvALI, che dall’1 al 15 novembre andrà a sostegno del Fondo Voli Sospesi di Flying Angels Foundation (www.flyingangelsfoundation.org).
Garantire miglia di emergenza per assicurare tempestivamente il trasporto aereo di bambini gravemente malati, che non possono essere curati nel loro paese, ma anche per le equipe mediche che partono per missioni chirurgiche nei paesi in via di sviluppo. È questa la missione di Flying Angels, che, grazie alla collaborazione con circa 100 associazioni non profit, come Cuore Fratello, dal 2012 ha permesso di salvare oltre 1960 bambini di oltre 70 paesi del mondo, finanziando circa 3.600 biglietti aerei.

Leggi tutto...

Log in to comment

AMPLIAMENTO POLICLINICO: E’ IN LINEA CON LA TUTELA DELLA SALUTE DEI CITTADINI?



Martedì 3 novembre 2020 andrà in scena il Consiglio Comunale di San Donato Milanese e, tra i punti previsti all’ordine del giorno, verrà portata in approvazione la delibera riguardante il “Progetto di ampliamento e riordino del Policlinico San Donato”.
Più precisamente il titolo del punto da votare recita: “Approvazione masterplan e contestuale modifica al piano dei servizi ex art. 9 comma 15 della Legge Regionale 12.2005 e variante, con valorizzazione e alienazione aree a servizi, al piano dei servizi ex art. 95 bis della Legge Regionale 12.2005”.
Tradotto dal burocratese, vuol dire che, approvando il progetto dell’ampliamento del Policlinico, verranno apportate alcune modifiche al Piano di Governo del Territorio (PGT), ovvero allo strumento di pianificazione urbanistica che ha lo scopo di definire l'assetto dell'intero territorio cittadino e che decide quale debba essere la destinazione d’uso delle varie aree presenti in ambito comunale.
Per dirla in maniera ancora più semplice, il PGT dovrebbe mettere in pratica la visione che ha chi governa sullo sviluppo della città. Ad esempio: decidere di non costruire più su aree attualmente libere dal cemento, oppure dove costruire un palazzo e dove fare un parcheggio, o ancora dove realizzare un parco e dove no.

Leggi tutto...

Log in to comment

Covid e Trasporti Pubblici: Esiste un legame ?

Il Trasporto pubblico è diventato nel nostro paese il primo “untore “ di covid che procura contagio a causa “dell’  assembramento “ con cui si muovono i passeggeri sia sui mezzi ( bus , metro, treni locali ) che alle fermate.

Questa è la foto rappresentativa del problema Covid come viene percepito e visto dai media e dai cittadini (si viaggia ammassati pochi mezzi )

 

Da qui il rimpallo di responsabilità che va avanti da settimane sul perché bus e vagoni della metropolitana  ancora oggi continuano a viaggiare pieni zeppi in alcune “fasce orarie” ben oltre ogni limite di sicurezza e di buon senso : colpa del Governo, o delle Regioni ,del ministero dei trasporti  o di quello dell’istruzione ?

La verità è che c’è poco tempo e bisogna fare presto, l’imperativo è che “si deve ridurre la capienza.

Non è una soluzione facile ma con un po’ di fantasia e con la collaborazione dei vari soggetti qualcosa è possibile fare.

 Analizziamo le proposte in campo da parte dei nostri “ esperti “, i politici in testa, i media e poi i cittadini  a soffiare sul fuoco .

Leggi tutto...

Log in to comment

Analisi sugli effetti del progetto Espansione Policlinico sulla vita dei Cittadini

Una grande e nuova espansione del Policnico San Donato Milanese.
Un commento sugli effetti del progetto sulla vita dei cittadini e sui risultati di anni di contrattazione della amministrazione.

Dunque sembra che la nostra Amministrazione, nel prossimo Consiglio Comunale di novembre, si accinga a dare il via libera ad una nuova espansione del Policlinico San Donato Milanese.
Il progetto prevede l’edificazione di alcuni nuovi edifici, per una superficie complessiva di 24.000mq (ventiquattromila metri quadri), nonché la formazione di un parcheggio raso terra di 800 (ottocento) posti auto.

Stando al progetto, il nuovo volume edificato sarà suddiviso in 4.000mq per i laboratori di ricerca, 10.000mq per l’università, e circa 10.000mq per il cosiddetto “corpo volano ”, un nuovo edificio multipiano incastrato fra il “serpentone” di via Morandi ed altri edifici residenziali di via Pascoli.

E’ ben chiaro cosa questo implicherà per la nostra città: la disponibilità di alcuni nuovi servizi, nonché il transito di un gran numero aggiuntivo di persone sulle strade, e nuovo traffico veicolare, con ovvie conseguenze sull’inquinamento atmosferico ed acustico.

Il plesso ospedaliero oggi.

Attualmente il plesso ospedaliero si sviluppa su una superficie di circa 50.000 mq compresi fra la via Morandi (dove si trovava il vecchio ingresso all’ospedale), diversi edifici residenziali lungo la via Pascoli, e la via Leopardi, dove si trova il nuovo ingresso.
Il plesso confina inoltre verso Est e verso Nord con il territorio del parco Agricolo del sud Milano.
La grandissima parte del parcheggio esistente (circa 420 posti auto), nonché di tutta l’area dell’elisoccorso, si trovano già, per antica convezione, all’interno delle aree tutelate del parco Agricolo, su aree in parte di proprietà comunali ed in parte del Policnico.



Figura sopra: vista del plesso ospedaliero oggi, e, rappresentato dalla linea continua verde, il confine con il territorio del Parco Agricolo del Sud Milano. Con il tratteggio è rappresentata inoltre l’area del Parco Agricolo già occupata, per convenzione, dal parcheggio dell ’ospedale e dell’elisoccorso. Questa area non è proprietà del Policlinico.

Leggi tutto...

Log in to comment

ORIENTAWEEK, UNA SETTIMANA CHE VALE UN FUTURO

CS SDML’Infogiovani lancia la piattaforma, realizzata insieme alle scuole del territorio, dedicata ai ragazzi di terza media. Da sabato un fitto calendario di incontri orientativi via web

SCEGLIERE il proprio futuro è difficile. Farlo nel bel mezzo di una pandemia lo è ancor di più. Per questo il Comune, attraverso il servizio Infogiovani, vuole continuare ad aiutare i ragazzi che si trovano di fronte a un bivio: la scelta della scuola superiore. Data l’impossibilità di creare un “vetrina in presenza” degli istituti scolastici del territorio, insieme a questi ultimi, è stato realizzato un portale ricco di informazioni che, da sabato 31 e per tutta la settimana a seguire, ospiterà una serie di incontri virtuali per far conoscere ai ragazzi e ai loro genitori le potenziali vie che i giovani potranno percorrere.

Leggi tutto...

Log in to comment

ROCCA BRIVIO DOPO 20 ANNI DI FALLIMENTI POLITICI RISCHIAMO DI PERDERE LA SENTINELLA DEL PARCO SUD MILANO

Incredibile, approfittando delle giornate del F.A.I. su iniziativa della Associazione Amici di Rocca Brivio è stato aperto al pubblico lo “scrigno del Sud Milano “con visite guidate , pur contingentate ,che si sono rilevate un successo di partecipazione ( tutto esaurito ) dimostrando grande entusiasmo.  La buona cultura paga sempre.

Visite di mezzora che hanno consentito un excursus storico ammirando le bellezze esterne, il cortile interno e ciò che resta del giardino all’italiana , le scuderie , le sale nobili , la cappella ,ed il piano “ sottotetto “  ristrutturato.

 Questo interesse dimostra da un lato “ la fame di cultura “che è palpabile fra le nostre genti e di contro dimostra la incapacità di una classe politica non in grado  di gestire un bene cosi prezioso.

Una storia quella di Rocca Brivio di oltre 20 anni  che è arrivata al suo epilogo; una “ battaglia di cultura “  che vede impegnati Cittadini ed Associazioni  battersi  per impedire che la struttura pubblica venga ceduta all’asta senza obiettivi , senza prospettive , senza un progetto  che ne garantisca un futuro.

UNA STORIA LUNGA 20 ANNI:

"da quanto i Comuni di San Donato Milanese, San Giuliano Milanese, Melegnano con la Associazione Rocca Brivio nel 1997 hanno acquistato dalla famiglia Sforza il gioiello Rocca Brivio ad un prezzo di 3 miliardi di lire coinvolgendo qualche anno dopo  nel 2005  il TASM ( oggi CAP Holding ) società pubblica di distribuzione acque partecipata dai Comuni del Milanese ( e non solo) come SOCIO FINANZIATORE , in che modo ? Assumendo  TASM  circa un miliardo di costi relativi alle  attuali ristrutturazioni accollandosi il relativo mutuo regionale  acquisendo in tal modo  il 51% del capitale attraverso un aumento di capitale sociale.
TASM Ha inoltre assunto l’impegno a  conferire  “ denaro fresco “ per 2,5 milioni da utilizzare per il proseguimento dei lavori di ristrutturazione , naturalmente questo denaro era a carico anche degli altri azionisti ( i Comuni ) secondo le quote di partecipazione.   Di fatto questi interventi di ristrutturazioni non sono stati ne programmati ne effettuati."

Leggi tutto...

Log in to comment

Una brutta pagina di storia, uno schiaffo alla democrazia, sul mensile del Comune di San Donato Milanese


SUCCEDE A SAN DONATO: CENSURATO SU SDMESE di Ottobre 2020 IL MOVIMENTO POLITICO SAN DONATO RIPARTE

Una brutta pagina di storia, uno schiaffo alla democrazia, sul mensile del Comune di San Donato Milanese.
È stata censurata una forza politica attiva in consiglio comunale per aver espresso opinioni diverse dalla Amministrazione su problemi concreti, togliendogli lo spazio sancito da accordi decennali. Ecco in estrema sintesi i fatti

Potete leggere il Comunicato Stampa di SAN DONATO RIPARTE, pervenuto alla redazione di RecSando:
Siamo vittime della censura del Sindaco Andrea Checchi

Cosi scriveva SANDONATO RIPARTE: sconcertante episodio di censura da parte del Sindaco Checchi che ha vietato la pubblicazione del nostro articolo su SDmese nello spazio istituzionale dedicato al nostro gruppo, del tutto indifferente sulla vicenda il presidente del Consiglio Comunale Sargenti .

Leggi tutto...

Log in to comment