Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Controlli sulla qualità dell'aria

Controlli sulla qualità dell'aria
L'assessore all'ecologia annuncia una serie di iniziative per monitorare l'incidenza delle polveri sottili nell'area urbana e avere un quadro della situazione.

Ad annunciarlo dagli uffici del municipio è l’assessore all’ecologia Battocchio, che a distanza di alcuni anni dalle ultime verifiche questa porzione di hinterland tornerà ad essere passato al setaccio con l’impiego di sofisticati dispositivi collocati nei tratti più esposti ai veleni dell’aria. Le centraline saranno collocate nel tratto di via Emilia all’ingresso con le tangenziali e lungo la Paullese, che rappresentano le parti di territorio in assoluto più esposte al traffico.

I criteri utilizzati saranno i medesimi di quelli utilizzati nelle centraline Arpa, responsabile del monitoraggio e controllo della qualità dell’aria in Milano, affinché prendendo come campione le postazioni delle metropoli più vicine a San Donato sarà possibile individuare una proporzione da utilizzare in comparazione. Sul piano operativo i monitoraggi verranno realizzati tramite un’unica centralina mobile.



 

 

Log in to comment

A gennaio la seconda rata della Tares

A gennaio la seconda rata della Tares
Nulla è dovuto per l'Imu prima casa e nulla è stato ancora deciso in merito ai tributi introdotti dalla Legge di Stabilità.

A gennaio la seconda rata della Tares

A gennaio i contribuenti sandonatesi dovranno versare al Comune un solo tributo. Si tratta della seconda rata della Tares. Il pagamento, in scadenza giovedì 30 gennaio, sarà dovuto esclusivamente da quanti a dicembre non hanno scelto di pagare in un’unica soluzione.

Nulla sarà dovuto, invece, in relazione alla cosiddetta Mini Imu sulla prima casa, in quanto, l’Amministrazione sandonatese – a differenza degli oltre duemila Comuni dove il tributo andrà versato entro il 24 gennaio – non ha innalzato l’aliquota base del 4 per mille. In merito al pagamento dei tributi comunali introdotti dalla Legge di Stabilità per il 2014 un comma, il numero 688, demanda direttamente ai Comuni la facoltà di stabilire numero e le scadenze delle rate di versamento.

Ad oggi, in attesa del perfezionamento del quadro normativo, il Comune di San Donato non ha ancora assunto alcuna decisione in proposito. Quando i dettagli delle nuove imposte saranno definiti, lo staff dell’Ente comunicherà ai cittadini scadenze e modalità di pagamento.



 

 

 

Log in to comment

Nuove assegnazioni per gli orti

Nuove assegnazioni per gli orti
Previste nuove assegnazioni per gli orti di via XXV Aprile

Nelle intenzioni dell’esecutivo anche l’apertura degli spazi che si estendono fino alle sponde del fiume Lambro. Nei prossimi mesi sono dunque previste una serie di iniziative che troveranno spazio nelle programmazioni ad alta attenzione ambientale.



 

 

Log in to comment

Inviato: 24/01/2014 16:58 da Marcello Tarabbia #1302
Avatar di Marcello Tarabbia
Valentino Stochino ha scritto:
Ciao Marcello
Sono d’accordo con te, che il comune dovrebbe attivarsi e creare ulteriori orti nella tua zona,penso anche non dovrebbe trovare difficoltà a reperire il terreno necessario.
Non sono sicuro, ma sembra che nella zona Poasco/Di Vittorio esistono già degli orti comunali forse più comodi per te, informarti presso il comune.
In ogni caso, se ci ripensi e decidi di affrontare la distanza in macchina o in bici,come tanti di noi
puoi rivolgerti a: ENI POLO SOCIALE DI GRUPPO Piazza Boldrini 1 (2’ palazzo uffici-ingresso visitatori).telefono e altre informazione le trovi nel nostro sito Eni Polo Sociale di San Donato.
Saresti il benvenuto tra i noi.
Salute


Grazie mille Valentino, lo terrò presente.
Inviato: 19/01/2014 21:53 da Valentino Stochino #1219
Avatar di Valentino Stochino
Ciao Marcello
Sono d’accordo con te, che il comune dovrebbe attivarsi e creare ulteriori orti nella tua zona,penso anche non dovrebbe trovare difficoltà a reperire il terreno necessario.
Non sono sicuro, ma sembra che nella zona Poasco/Di Vittorio esistono già degli orti comunali forse più comodi per te, informarti presso il comune.
In ogni caso, se ci ripensi e decidi di affrontare la distanza in macchina o in bici,come tanti di noi
puoi rivolgerti a: ENI POLO SOCIALE DI GRUPPO Piazza Boldrini 1 (2’ palazzo uffici-ingresso visitatori).telefono e altre informazione le trovi nel nostro sito Eni Polo Sociale di San Donato.
Saresti il benvenuto tra i noi.
Salute
Inviato: 19/01/2014 19:53 da Marcello Tarabbia #1218
Avatar di Marcello Tarabbia
Ciao Valentino, alla luce della tua doverosa precisazione penso che sarebbe un'ottima cosa se anche il Comune si attivasse per creare ulteriori orti magari per servire anche altre zone più a ovest come Poasco, Certosa, Via di Vittorio. Io personalmente sarei felicissimo di provare l'esperienza di un orto, ma abitando a Poasco via XXV Aprile per me sarebbe troppo lontana e non mi farebbe piacere usare l'auto per andare a curare un orto.
Inviato: 19/01/2014 18:09 da Valentino Stochino #1214
Avatar di Valentino Stochino
Sono pompe / pozzi profondi per estrazione acqua dal sottosuolo.
Nel nostro caso acqua per irrigazione orti.
Inviato: 19/01/2014 14:26 da Giuseppe Cartegni #1212
Avatar di Giuseppe Cartegni
Sono un curioso e, quando non capisco, chiedo spiegazioni. Cosa diavolo sono le “strutture sottosuolo” di un orto?
Peppo
Inviato: 18/01/2014 15:46 da Valentino Stochino #1203
Avatar di Valentino Stochino
OGGETTO: Richiesta immediata rettifica,/ articolo orti via xxv aprile.

L’espressione “patrimonio del comune di San Donato” non risponde al vero,
Preciso che ENI POLO SOCIALE DI GRUPPO insieme al sottoscritto ed ai soci FONDATORI si sono accollati totalmente le relative spese per la costituzione e per tutte le ditte fornitrici le strutture poste sopra e sotto suolo, pertanto sono sempre stati e rimangono i veri ed unici proprietari della sezione ortofloricoltura orti di via fiume Lambro, tutt’oggi documentabile.
Si ricorda che la sezione NON e stata MAI venduta a nessuno compreso il comune di San Donato Milanese.
Tutte le dichiarazioni apparse sulla stampa locale in questi ultimi tempi, non rispecchiando la realtà, risultano fortemente abusive, delittuose, e fortemente dannose disorientando la sezione.

Si chiede l’immediata rettifica.

A disposizione per eventuali altri chiarimenti.

Socio fondatore
Valentino Stochino

San Donato 18/01/2014

Rifondazione Sud Est Milano presenta il libro sul neofascismo: I Denti del Drago


RIFONDAZIONE  SUD EST MILANO PRESENTA IL LIBRO SUL NEOFASCISMO I DENTI DEL DRAGO

Il Circolo di Rifondazione Comunista del sud est Milano (che dall' inizio di quest' anno riunisce i circoli di San Donato Milanese, 
Peschiera Borromeo e Paullo) ha  organizzato una serie di iniziative rivolte ai cittadini.

Il primo appuntamento è fissato per Venerdì 17 gennaio ore 21 con la presentazione del libro "I denti del drago" di Saverio Ferrari. 
Sarà presente l' autore che illustrerà storia ed attualità della galassia neofascista. 
L' incontro si terrà presso la sala Matteotti di Via XXV Aprile n 1, Peschiera Borromeo (sotto il palazzo comunale).In allegato la locandina.

Per contatti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vi aspettiamo

Circolo Sud Est Milano
Partito della Rifondazione Comunista

Log in to comment

NASCE LA MENSA DEI POVERI A CERTOSA

Certosa al centro della tematica delle nuove povertà.

Se qualche giorno fa il nostro quartiere è stato alla ribalta della cronaca in senso negativo (per via della baraccopoli sotto il ponte di via Parri), oggi è invece sugli scudi: infatti, nei locali della Parrocchia, la Caritas organizzerà la prima mensa per i poveri, aperta tre sere la settimana.

Una bellissima iniziativa, di cui si sentiva davvero bisogno, e che farà del nostro quartiere un quartiere davvero solidale.

Sperando dunque che si risolva presto la triste vicenda dei senzatetto baraccati sotto il cavalcavia, salutiamo con entusiasmo questo nuovo capitolo che si sta aprendo, augurandoci che il nuovo anno sia all’insegna dello spirito di comunità che tanto auspichiamo.

Log in to comment

I tassisti locali nel bacino aeroportuale

I tassisti locali nel bacino aeroportuale
Ipotesi allo studio per 12 taxi locali in vista di Expo.

Ipotesi allo studio per 12 taxi sandonatesi

L’assessore al commercio e alle attività produttive Chiara Bacchiega ricorda che si tratta di un’ipotesi che potrebbe essere imposta dall’alto e che vedrebbe per 12 taxi di San Donato la possibilità di entrare nel bacino aeroportuale.

In questo modo quindi se un taxi del territorio accompagna un cliente a Milano potrà fermarsi nella metropoli ad effettuare altre corse e a svolgere il suo lavoro per l’intera giornata. Attualmente infatti i taxi del territorio non possono fermarsi a prestare servizio nella metropoli dopo aver accompagnato un cliente.

Come di consueto una parte di professionisti si schiera a favore della novità pronti ad accoglierla e altri sono più perplessi, in particolare quelli che ricordano che proprio di recente sono stati affrontati degli investimenti per legarsi ad una compagnia di taxi che entra in funzione la notte e nei festivi, su cui vengono dirottate le chiamate quanto non ci sono taxisti sul territorio.

Sviluppi in merito dovrebbero emergere nel corso dei prossimi incontri in municipio.

Log in to comment

Antenna Telecom in centro, il Comune vigila

CS SDMIl nuovo impianto RadioBase di via Sanguinetti è stato autorizzato dall'Arpa e rispetta tutti
i dettami di legge; l'Amministrazione incontrerà i cittadini in un'occasione pubblica

Negli ultimi giorni di dicembre Telecom Italia ha installato in via Sanguinetti (tra via Jannozzi e via Ravenna) un impianto RadioBase per la telefonia cellulare UMTS e LTE a copertura dell'area centrale di San Donato, fino a oggi pressoché sguarnita dei servizi di ausilio per la comunicazione cellulare. L'antenna così collocata, alta poco più di 35 metri fra struttura e pennone, ha immediatamente suscitato qualche preoccupazione fra i residenti della zona, timorosi dei possibili effetti delle emissioni elettromagnetiche sulla propria salute.

Leggi tutto...

Log in to comment

Approvato il secondo lotto della riqualificazione della Paullese. De Nicola: «Presto il progetto definitivo relativo al superamento delle intersezioni semaforiche di San Donato»

PaullesePaulleseLa Provincia di Milano ha approvato la riqualificazione del secondo lotto della ex SS 415, nel tratto compreso tra l'incrocio con la SP 39 Cerca (in Comune di Settala) fino all’intersezione con la TEM.

Nei prossimi giorni verrà pubblicato il bando di gara per l'esecuzione dei lavori. Il progetto prevedrà la realizzazione di due corsie per senso di marcia, di due svincoli a livelli sfalsati a Paullo-Conterico e Settala e di un nuovo ponte sul canale Muzza. Tra le opere complementari è prevista inoltre l'esecuzione di una contro strada, che consentirà l'accesso a tutti i frontisti e in particolare ai fondi agricoli. «Il secondo lotto della riqualificazione della Paullese è un progetto estremamente importante e molto atteso – ha commentato Giovanni De Nicola, assessore provinciale alla Mobilità - che permetterà ai cittadini di risolvere i problemi di mobilità che da tempo affliggono il tratto stradale. Nei primi mesi del 2014, inoltre, divenendo disponibili le risorse economiche necessarie, verrà approvato il progetto definitivo relativo al superamento delle intersezioni semaforiche di San Donato Milanese».

Log in to comment

Inviato: 13/01/2014 13:54 da Roberto Gambetti #1111
Avatar di Roberto Gambetti
Giorgio, capsico le Tue "obiezioni" , se un sttopasso è costruito in modo adeguato nella Provincia di Milano ve ne sono a decine non dovrebbero mai allagarsi, nel nostro caso sarebbe l'ideale come quello costruito a Pantigliate . lo spazio necessario sarebbe +/- identitico , probailmente i sovrapasso e meno costoso e più facile da realizzare ?
Il sopasso che "sogno" in realtà è l'interramento della SPaulese da Via Moro a Via Gela .......ho paura che i costi sarebbero esorbitanti.
Come abbiamo scritto più volti tutti concordiamo che si "inrtervenga" in tempi brevi
Saluti
Inviato: 10/01/2014 18:06 da Giorgio Soave #1066
Avatar di Giorgio Soave
>ho la senzazione che dei ponti rischirebbero di entrare nelle fnestre di Via Moro/Spilamberto

Non credo, se i sovrapassi passano sopra le vie di sbocco.
Dall'altra parte della Paullese c'è tutto lo spazio per le curve necessarie a creare quel percorso.
Non mi piacciono i sottopassi in generale, anche per la facilità con cui si riempiono d'acqua nel caso di forti piogge. Sì lo so, si possono prevedere delle pompe, ma poi ricevono poca manutenzione e dopo qualche anno possono fare cilecca.
Ma se un sottopasso può funzionare meglio, mi va bene. Comunque lo spazio che occuperebbero gli svincoli sulla via di uscita sarebbe più o meno lo stesso di un sovrappasso.
Inviato: 10/01/2014 13:30 da Roberto Gambetti #1060
Avatar di Roberto Gambetti
Giorgio, ho segnalato il sottopasso di Monza perchè e proprio il simbolo di come nel nostro paese sia complicato reallizare delle infrastrutture, pensa a quei cittadini che hanno dovuto attedere 20 anni ......
Non sono un tecnico ma ho la senzazione che dei ponti rischirebbero di entrare nelle fnestre di Via Moro/Spilamberto, un sottopasso "stile" Monza , unirebbe/valorizzerebbe l'aree di Metanopli/Bolgiano con l'area della Metro....... concordo sul fatto che è necessario intervenire "in tempi rapidi".
Saluti
Inviato: 10/01/2014 12:47 da Giorgio Soave #1053
Avatar di Giorgio Soave
Roberto Gambetti ha scritto:
il sottopasso a Monza sulla SP 38 è fantastico ........se sono stati costruiti dei sottopoassi a Peschiera e Pantigliate ..........perchè non a SDM ? perchè non procedere almeno alla " mini tangenzaile" dalla Galleria Borromee a SDM (in parte già costruita e chiusa)
Il tunnel di Monza ci sono voluti 20 anni per farlo; Ce ne vorranno altrettanti per fare un sottopasso della Paullese ? Spero di no.
E poi perchè un sottopasso ? Non sarebbe meglio un sovrappasso per cui c'è meno bisogno di scavare ? Parlo da profano.
Inviato: 09/01/2014 18:40 da Roberto Gambetti #1047
Avatar di Roberto Gambetti
Mirco, come Tu scrivi mi auguro che sia arrivato il momento e la volontà di risolvere il problema , ho sempre espresso la mia perpelssità/contrarietà in qualità di cittadino di SDM sul fatto che non si fosse interveuti nel tratto della Paulese in territorio SDM è che la Metroplitana non fosse stata prolungata almeno fino a Peschiera Borromeo., (fregiandoci con il nome del capolinea, rovinando la mia Via Caviaga ! )con fermata nell'area del Policlinico ....da tempo siamo in una morsa insopportabile.
La mia speranza e fiducia è che in altre aree metroplitane Milanesi si è intervuto in modo egregio, mi riferisco per esempio all'eree di nord di Milano , il sottopasso a Monza sulla SP 38 è fantastico ........se sono stati costruiti dei sottopoassi a Peschiera e Pantigliate ..........perchè non a SDM ? perchè non procedere almeno alla " mini tangenzaile" dalla Galleria Borromee a SDM (in parte già costruita e chiusa) Mattei aveva previsto un congiugimento tra Via Emilia e SS Paulese, sic ! non gioverebbe anche alla COOP ? qui di lavoro ce ne a volontà....
Saluti
Inviato: 08/01/2014 18:50 da Mirco Rainoldi #1025
Avatar di Mirco Rainoldi
Giorgio Soave ha scritto:
>
Prima devono arrivare le risorse economiche, poi verrà approvato il progetto e poi bisognerà avere tutte le autorizzazioni, dallo Stato e dalla Regione e dalla Provincia e dall'ANAS e dalle Belle Arti e dai sindaci e assessori coinvolti e chissà da chi altro. E poi iniziaranno i lavori. Campa caval...

Giorgio a mio parere dovrebbe succedere esattamente il contrario: prima si predispongono i possibili progetti con relativi costi, benefici e si imposta una prima ipotesi di piano finanziario, poi si sottopongono i progetti alternativi ai vari interlocutori interessati che discutono e concordano per la soluzione più idonea ed infine si impegnano i fondi per passare poi alla fase attuativa. Per cui un'idea di massima su quello che si vorrebbe fare dovrebbe già esserci. Oltretutto i soldi sono sempre quelli messi a disposizione dai costruttori della Galleria Borromea. Quello che è mancato sinora mi pare sia la volontà di risolvere veramente il problema.
Inviato: 08/01/2014 15:41 da Giorgio Soave #1023
Avatar di Giorgio Soave
>"Nei primi mesi del 2014, inoltre, divenendo disponibili le risorse economiche necessarie, verrà approvato il progetto definitivo relativo al superamento delle intersezioni semaforiche di San Donato Milanese".

Prima devono arrivare le risorse economiche, poi verrà approvato il progetto e poi bisognerà avere tutte le autorizzazioni, dallo Stato e dalla Regione e dalla Provincia e dall'ANAS e dalle Belle Arti e dai sindaci e assessori coinvolti e chissà da chi altro. E poi iniziaranno i lavori. Campa caval...
Inviato: 08/01/2014 15:05 da Mirco Rainoldi #1022
Avatar di Mirco Rainoldi
Giuseppe Cartegni ha scritto:
Poiché il progetto “definitivo”coinvolgerà necessariamente il territorio di SDM, in comune qualcuno dovrebbe saperne qualcosa. Sarebbe cosa gradita conoscerne i dettagli. Oppure deve essere una sorpresa da farci trovare nel uovo di Pasqua? A meno che non sia uno scherzo di carnevale
Peppo

Hai perfettamente ragione Peppo. Mi auguro che su questo argomento, contrariamente a quanto sta succedendo su strisce blu, antenna di Via Sanguinetti, Guardia Medica ecc. ecc, si abbia il buon gusto di informare in anticipo i cittadini su cosa bolle in pentola.
Inviato: 08/01/2014 14:51 da Giuseppe Cartegni #1020
Avatar di Giuseppe Cartegni
Poiché il progetto “definitivo”coinvolgerà necessariamente il territorio di SDM, in comune qualcuno dovrebbe saperne qualcosa. Sarebbe cosa gradita conoscerne i dettagli. Oppure deve essere una sorpresa da farci trovare nel uovo di Pasqua? A meno che non sia uno scherzo di carnevale
Peppo
Inviato: 08/01/2014 13:15 da Mirco Rainoldi #1017
Avatar di Mirco Rainoldi
La Saga della Paullese continua: (De Nicola) "Nei primi mesi del 2014, inoltre, divenendo disponibili le risorse economiche necessarie, verrà approvato il progetto definitivo relativo al superamento delle intersezioni semaforiche di San Donato Milanese".
Chissà se dopo i tiramolla degli ultimi anni e la buffonata dei semafori sempreverdi questa volta i soldi siano veramente disponibili. Chi vivrà vedrà !

Dramma della povertà a San Donato: sorto un mini accampamento di senzatetto sotto il ponte di via Parri

Una baracca abusivaI residenti dei quartieri Certosa, Parri e Di Vittorio a San Donato segnalano la presenza di un accampamento abusivo sorto nei giorni scorsi in città.

Nello specifico, il bivacco ha fatto la sua comparsa sotto il cavalcavia di via Parri, a poca distanza dall’intersezione con via Olona, e appare come un rifugio improvvisato realizzato con qualche asse di legno e pannelli di cartone. La notizia ha fatto rapidamente il giro dei social network e i residenti dell’area hanno immediatamente compreso di trovarsi di fronte a un vero e proprio dramma della povertà. In base a quanto riferito, nella dimora di fortuna si troverebbero quattro persone adulte, molto probabilmente originarie dell’est europeo, sebbene ancora non vi sia certezza sulla loro nazionalità. Gli abitanti hanno segnalato la situazione al Comune, manifestando nel mentre l’intenzione di prendere contatto con gli ancora ignoti senzatetto, onde prestare loro un primo aiuto.

Log in to comment

Capolinea della metropolitana assediato da mendicanti

Capolinea della metropolitana assediato da mendicanti
Sempre più numerosi gli episodi di furti e molestie ai danni dei passanti

 I sottopassaggi presi d'assalto da mendicanti

I pendolari nella stazione del metro di San Donato Milanese convivono oramai da tempo con nomadi che stazionano presso i dispositivi di erogazione automatici dei biglietti. Uomini e donne si alternano nel corso della giornata, per stazionare accanto alle “macchinette” e intascare denaro.

Alla meglio, viene aperta simbolicamente la mano, alla ricerca di una “volontaria” donazione. Ma non è raro ultimamente imbattersi in situazioni più rischiose.

Numerosi infatti gli episodi di furti ai danni dei passanti che seguiti vengono privati dei propri beni o ancora piccoli furti compiuti direttamente alla macchinetta. I pendolari infatti, ignari del problema, compiono un acquisto alla macchinetta attendendo, in alcuni casi, la restituzione del resto che viene subito “sequestrato” dai mendicanti posizionati ai lati.

 

Log in to comment

Inviato: 25/01/2014 15:15 da Giorgio Soave #1309
Avatar di Giorgio Soave
Credo che il nostro sindaco dovrebbe contattare la direzione dell'ATM o la Questura milanese perchè introducano qualche forma di sorveglianza al capolinea M3. Quella stazione è diventata un suk.
Inviato: 25/01/2014 14:31 da Andrea Ardemani #1308
Inviato: 21/01/2014 07:35 da Giorgio Soave #1240
Avatar di Giorgio Soave
Non vedo per ora pericoli di atti illegali. Ma credo che non sia affiliato a una di quelle organizzazioni mafiose che importano persone dal terzo mondo e le distribuiscono sul territorio per mendicare (e restituire all'organizzazione metà del ricavato per rimborsare il viaggio). Questo tipo che si sposta qua e là non ha avuto assegnato un "posto" dove stare e si ingegna a trovarselo.
Uno così intraprendente potrebbe avere una sistemazione in attività promozionali, dove l'intraprendenza è importante. Lo vedo già affrontare i passanti per vendere polizze di assicurazione: farebbe affari d'oro.
Scherzo, ma mi sta diventando simpatico.
Inviato: 20/01/2014 18:03 da Andrea Ardemani #1236
Avatar di Andrea Ardemani
Giorgio Soave ha scritto:
Il problema della mendicità molesta è generale e in certi casi antipatico.
Per esempio al parcheggio a fianco della chiesa Santa Barbara si è installato un africano. Non sta solo lì a chiedere soldi, ma ti balza addosso appena esci dall'auto e "pretende" l'elemosina. Un po' troppo aggressivo.
Quando non c'è il mercato del martedì si sposta, arrivando fino al cancello della banca di via Europa, e anche lì "aggredisce" i passanti. Insomma andrebbe controllato perchè sta diventando noioso.

Confermo, oramai lo trovo tutte le mattine in via caviaga per andare alla metropolitana.

Si piazza davanti, ti porge una lettera in italiano dove c'è scritto che ha bisogno di lavorare e di soldi e non ti molla fino a quando gli dai qualcosa. E' da tenere d'occhio, perché il giorno che avrà racimolato poco, sarà nervoso, avrà fame e si troverà la poveretta indifesa di turno non so se gli basterà un bel "no, mi spiace".
Inviato: 10/01/2014 17:57 da Giorgio Soave #1065
Avatar di Giorgio Soave
Non è così semplice. Quelle donne si appostano a fianco delle macchinette e si autonominano assistenti. Chiedono: che tipo di biglietto vuoi ? Ecco: e premono i bottoni, anche se nessuno gli ha chiesto niente. Alla fine chiedono soldi, e dato che hanno fatto loro l'operazione si è quasi costretti a dare qualcosa.
Per me è una forma di mendicità molesta, che non è legittima.
Inviato: 10/01/2014 14:41 da Lucas Bregonzio #1061
Avatar di Lucas Bregonzio
Domandare (mendicare) è lecito. Rispondere è cortesia (se la domanda è cortese).
Le trovo anche io fastidiose ma onestamente credo che siamo più animati dalla paura del furto che dal fastidio della mendica.
Credo quindi che domanda di moneta basti rispondere con un sì o con un no.
Mentre ad una mano infilata in tasca si può rispondere con una mano più pesante. Ma non confondiamo le due cose.
Inviato: 10/01/2014 12:54 da Giorgio Soave #1055
Avatar di Giorgio Soave
A parte il fatto che acquistare un biglietto con il bancomat è più laborioso, cosa impedirebbe alle "zingarelle" di chiederti soldi una volta completata l'operazione ?
O pensi che la vista di una carta di credito generi in loro un timore reverenziale ?
Inviato: 09/01/2014 17:43 da Marcello Tarabbia #1044
Avatar di Marcello Tarabbia
Giorgio Soave ha scritto:
[...]Chi non vuole litigare con le "zingarelle" che stanno lì a dare un'assistenza non richiesta può sempre comprare il biglietto alla tabaccheria.Devono essere tanti quelli a cui non va di litigare, perchè la coda alla tabaccheria è sempre lunga...[...]

So che non può essere considerata una soluzione però a volte può essere utile: ultimamente ho acquistato il biglietto pagando con la carta di credito (ho usato una ricaricabile), si può usare anche il bancomat; è un modo per non usare denaro, così nessuno può chiederti niente anche se prima o poi potrebbero attrezzarsi per clonare le carte :-(
Inviato: 08/01/2014 09:31 da Giorgio Soave #1010
Avatar di Giorgio Soave
E' il normale sviluppo di una situazione di assenza totale di sorveglianza, a cui il comune di San Donato non può rimediare perchè la stazione è sotto la giurisdizione di Milano e a cui dell'ATM non importa niente.
Chi non vuole litigare con le "zingarelle" che stanno lì a dare un'assistenza non richiesta può sempre comprare il biglietto alla tabaccheria.Devono essere tanti quelli a cui non va di litigare, perchè la coda alla tabaccheria è sempre lunga...

Il problema della mendicità molesta è generale e in certi casi antipatico.
Per esempio al parcheggio a fianco della chiesa Santa Barbara si è installato un africano. Non sta solo lì a chiedere soldi, ma ti balza addosso appena esci dall'auto e "pretende" l'elemosina. Un po' troppo aggressivo.
Quando non c'è il mercato del martedì si sposta, arrivando fino al cancello della banca di via Europa, e anche lì "aggredisce" i passanti. Insomma andrebbe controllato perchè sta diventando noioso.

Ragazzi a confronto

"I have a dream"

IMG 4658

Spesso si sente parlare degli adolescenti come di una categoria senza idee, con poca voglia di impegnarsi in discorsi seri, lontani dal mondo che li circonda, capaci a comunicare solo attraverso un cellulare, attraverso un  social network, per evitare così un confronto <face to face>.
Non è questo il caso di due gruppi di giovani che si sono incontrati lo scorso 16 dicembre presso la sede dell’Associazione Sabil,  (Per chi non la conoscesse, è un’associazione culturale che rappresenta la comunità araba di San Giuliano Milanese).
Abbiamo chiesto a  Chiara, studentessa di S. Donato Milanese che frequenta la quinta Liceo all’Omnicomprensivo, come è nato l’incontro, ed ecco il suo racconto:

Leggi tutto...

Log in to comment

Uomo precipita dal balcone

L'Humanitas di Rozzano, dove l'uomo è stato ricoveratoL'Humanitas di Rozzano, dove l'uomo è stato ricoveratoCi sarebbe la tragica volontà di farla finita dietro al volo di 15 metri dell’ingegnere 41enne di San Donato, precipitato dal 5° piano di un palazzo in via Moro mercoledì 18 dicembre.

L’uomo viveva con i genitori, i quali, al momento dell’accaduto, non erano in casa.

I soccorritori giunti sul posto avevano trovato l’uomo ancora cosciente riverso sul prato condominiale e lo avevano trasportato d’urgenza presso l’Humanitas di Rozzano.

I carabinieri e la polizia locale di San Donato avevano immediatamente avviato le indagini per far luce sull’accaduto e, a poche ore dall’episodio, prende piede l’ipotesi che non si sia trattato di un incidente.

Gli investigatori avrebbero infatti rinvenuto in casa un biglietto, scritto dal 41enne per spiegare ai suoi genitori le ragioni di quello che si delinea sempre più come un tragico gesto. L’uomo si trova tutt’ora ricoverato presso il nosocomio di Rozzano, dove i medici temono possa rimanere paralizzato a causa delle gravi ferite riportate dopo l’impatto con il suolo.

Log in to comment

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi