Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Tre nuove foreste nel sud Milano

 

Tre nuove foreste nel sud Milano
Obiettivo valorizzare le rive del Lambro e farle conoscere, interessate anche Levadina e la zona fra Eni e Paullese.

Tre nuove foreste sul territorio con una svolta anche per la zone che unisce San Donato a San Giuliano candidate ad ospitare una serie di esemplari arborei autoctoni.

Per raggiungere questo obiettivo l’esecutivo sandonatese ha aderito al bando della Provincia di Milano che mette a disposizione finanziamenti per progetti di forestazione urbana. Le aree candidate ad ospitare queste nuove piantumazioni sono: Levadina, lungo le rive del Lambro, lo spazio di oltre 18mila metri quadrati più a sud che si estende tra la Paullese e i laboratori dell’Eni, sempre in prossimità del fiume che attraversa il sud Milano e lo spazio a ridosso del comparto urbano che collega i due comuni limitrofi dove da anni è prevista la realizzazione di un grande parco.

 

Log in to comment

Inviato: 22/12/2013 08:24 da Giorgio Soave #912
Avatar di Giorgio Soave
Fornisco qui un'immagine della zona presa da Google Maps. E' evidente che a fronte dellepoche centinaia di metri fra le Cort Borromee e la via Maritano, è necessario un percorso di parecchi chilometri fino alla Paullese e poi fino a via Moro e via De Gasperi per arrivare a via Maritano
Questa immagine è nascosta ai visitatori. Prego accedi o registrati per visualizzarli.
Inviato: 22/12/2013 07:07 da Giorgio Soave #911
Avatar di Giorgio Soave
Meno male che qualcuno se ne ricorda !
Mi pare anche di ricordare che qualcuno tempo fa scriveva di un finanziamento che il centro Corti Borromee (oggi penalizzato dalla difficoltàdi accesso da/a San Donato) era disponibile a fonire per migliorre i collegamenti.
Purtroppo mi pare che qualunque ponte sul Lambro che colleghi San Donato alla via cieca che passa davanti alle Corti Borromee rischierebbe di peggiorare la viabilità già asfittica di San Donato. Un ponte che partisse dall'estremità della via cieca per arrivare ai campi dietro i nuovi laboratori e poi in via Monticello strozzerebbe definitivamente questa via già insufficiente (che lo sarà ancora di più dopo la realizzazione del nuovo insediamento alle cascine Monticello).
Sarebbe meglio partire da più vicino alla Paullese, all'altezza di via Gela, pure insufficiente ma almeno con sbocco su via Maritano e poi su via DeGasperi (e forse scaricherebbe un po' anche la via Monticello).
Il pericolo è che parte del traffico dalla Paullese si riversi sulla nuova via, forse è proprio per questo che non si fa niente, preferndo che tutto il traffico "estraneo" resti a intasare la via Monticello.
Credo che la chiave delproblema sia la via Emilia, troppo strozzata dai semafori di San Giuliano che obblgano chi arriva da Melegnano a buttarsi verso via Monticello.
Ci vorrebbe sulla via Emilia qualche rotatoria in più per fluidificare il traffico. Sempre che non finisca come la grande rotatoria di Melegnano, perennemente bloccata.
Inviato: 21/12/2013 19:34 da Luigi Verdicchio #910
Avatar di Luigi Verdicchio
Giorgio Soave ha scritto:
Visto che i futuri lavori sulla Paullese comporteranno quasi sicuramente la chiusura dei residui varchi verso San Donato, ad esclusione del groviglio finale di svincoli che già si è dimostrato insufficiente, perchè non pensare anche a un altro accesso a San Donato scavalcando il Lambro ?

Fai bene a sollevare l'argomento perché fin dai tempi della Giunta Achilli (fine anni '90) si era individuata quale soluzione per ridurre il traffico di attraversamento su Via Maritanto - Morandi e in vista dell'eliminazione dei semafori sulla paullese la realizzazione della bretella Peschiera / Ospedale / Via Emilia.
Durante la legislatura presieduta da Dompè sembrava confermato il progetto con l'indicazione anche degli stanziamenti spettanti alla provincia e ai tre comuni coinvolti. La provincia aveva anche l'incarico della progettazione dell'infrastruttura. Suppongo che, visto il tempo trascorso, il progetto esecutivo fosse già disponibile alla fine della legislatura.

Subito dopo l'insediamento, l'attuale Giunta ha dichiarato che la bretella avrebbe interessato il solo tratto Peschiera / rotonda dell'Ospedale.
Ma poi, poco più di un mese fa, si è sperimentata la soppressione dell'ingresso a San Donato di Via Gela / Maritano con l'intento di verificare la funzionalità di un solo accesso dalla all'altezza del terminal M3.
La sperimentazione sembra sia fallita e ora attendiamo di sapere se, oltre alla foresta tra i laboratori e monticello, si tornerà a prevedere il collegamento che tu ipotizzi.
Inviato: 20/12/2013 06:49 da Giorgio Soave #901
Avatar di Giorgio Soave
Visto che i futuri lavori sulla Paullese comporteranno quasi sicuramente la chiusura dei residui varchi verso San Donato, ad esclusione del groviglio finale di svincoli che già si è dimostrato insufficiente, perchè non pensare anche a un altro accesso a San Donato scavalcando il Lambro ?

Con La regina della neve Al Troisi è bianco Natale

CS SDMLa Rassegna teatrale per ragazzi propone, in perfetto clima festivo, una fiaba a lieto fine

Sabato 21 alle 16, per il secondo appuntamento a teatro rivolto ai ragazzi (l'ultimo del 2013), la Compagnia teatrale Alma Rosè porterà in scena una delle più belle avventure nate dalla penna di Hans Christian Andersen. La regina delle nevi, fiaba scritta dall'autore danese nel 1844, racconta il viaggio che una bambina, Gerda, si trova a dover affrontare per salvare il suo vicino di casa nonché migliore amico, Kay. Il ragazzo, colpito dal frammento di uno specchio malvagio, ha perso la sua vera identità ed è rimasto intrappolato in una realtà di ghiaccio: una triste regina ha letteralmente congelato la sua esistenza e quella del suo regno per non soffrire più le pene dell'amore. Il racconto è costituito da sette episodi collegati tra loro come scatole cinesi, un percorso di formazione che porta a scendere gradualmente in profondità, là dove si scontrano la ragione e il sentimento. Una riflessione quanto mai attuale in una società che privilegia sempre più la "freddezza tecnologica" rispetto al calore umano.

Leggi tutto...

Log in to comment

Si lancia dal quinto piano: miracolosamente non muore

 Il fatto è avvenuto a San Donato nel primo pomeriggio: l'uomo, 41enne, è in gravi condizioni, ma si è salvato. 

Un 41enne di San Donato ha probabilmente cercato di uccidersi lanciandosi da un piano alto di un palazzo in via Angelo Moro (forse dal quinto), nella cittadina sudmilanese.

E' avvenuto nel primo pomeriggio. Dalle prime informazioni avute dal 118, sembrerebbe che, miracolosamente, non sia deceduto. E' caduto su un terrapieno. 

Le sue condizioni sono gravi - gambe spezzate, altre fratture - ma dovrebbe cavarsela. E' stato portato all'Humanitas di Rozzano. 

 

Log in to comment

Arriva il quinto albergo in città, riqualificata un'area periferica e inutilizzata del Comune

CS SDMLa Giunta approva l'operazione che porterà nella zona ai confini con Milano una struttura di categoria 3 Stelle Lusso da 140 posti letto. Previste opere di rimboschimento e servizi accessori

San Donato potenzia la sua capacità ricettiva in vista di Expo 2015. La città avrà presto il suo quinto hotel sul territorio comunale (dopo Crown Plaza, Rege, Santa Barbara e Delta) grazie a un'operazione immobiliare che consentirà al contempo di riqualificare (con opere accessorie di rimboschimento) un'area di scarso pregio e inutilizzata al confine con Milano, di eliminare volumetrie già previste in zone altamente urbanizzate, di offrire opportunità di lavoro e servizi aggiuntivi alla città. Tutto questo oltre agli introiti, utilizzabili in conto investimenti dal Comune di San Donato, per circa 1 milione di euro legati agli oneri di urbanizzazione previsti per legge.

Leggi tutto...

Log in to comment

Inviato: 18/12/2013 21:15 da Mirco Rainoldi #887
Avatar di Mirco Rainoldi
"Tutto questo oltre agli introiti, utilizzabili in conto investimenti dal Comune di San Donato, per circa 1 milione di euro legati agli oneri di urbanizzazione previsti per legge."

A questo proposito mi permetto di ricordare agli amministratori sandonatesi che la Piazza pedonale di Via Jannozzi sta attendendo da circa 30 anni una doverosa riqualificazione conseguente all'atto di cessione di detta piazza previsto dai rogiti stipulati già da qualche anno dalla quasi totalità dei residenti. Se qualche residente svogliato e più volte sollecitato (forse uno solo) manca ancora all'appello esiste sempre la possibilità di esproprio per pubblica necessità dei pochi metri quadri a lui riferibili.

Quinto albergo per San Donato

La catena Hilton investirà a San Donato con un nuovo hotel da 140 camere che verrà costruito nell’area a fianco del raccordo con la tangenziale, nei pressi del distributore di benzina.

Sotto i riflettori c’è la parte di territorio che si estende dietro il McDonald’s, ai confini con la metropoli, che da anni è punto di approdo per gruppi di nomadi. I preparativi, quanto meno sul piano burocratico, sono già decollati. La notizia è ufficiale: in vista dell’Expo 2015 sorgerà il quinto hotel della città dall’elevata concentrazione di terziario che ospita già il Crown Plaza, il Rege, il Santa Barbara e il Delta. L’operazione immobiliare porterà al comune oneri di urbanizzazione pari ad un milione di euro.

Log in to comment

In municipio 1208 firme per Borgolombardo

In municipio 1208 firme per Borgolombardo
Stop al degrado presso la stazione ferroviaria di Borgolombardo.

L’appello firmato da oltre 1200 cittadini per la riqualificazione della stazione ha raggiunto i piani alti del municipio. Nei giorni scorsi infatti i promotori della petizione si sono recati in Comune protocollando il documento ricco di sottoscrizioni da parte di residenti preoccupati dal degrado e dalla pericolosità della zona.

Stando alle ultime notizie la fermata della stazione dovrebbe essere presto al centro di un protocollo di intesa che attende di essere firmato dai rappresentanti di Trenitalia e dalle amministrazione comunali di San Donato e San Giuliano. In base agli accordi il comune dovrebbe intervenire sulla manutenzione ordinari mentre gli interventi straordinari della stazione spetterebbero all’ente gestore. In attesa di nuovi risvolti i cittadini hanno comunque vergato un documento che ha trovato ampi consensi tra i sandonatesi di via Di Vittorio.

Log in to comment

Un Dollaro in Duomo

 

Dopo i successi del WebRadio Festival di Roma che ha visto l’emittente sandonatese, creata da Matteo Castelnuovo e Dario Boemia nel gennaio 2011, arrivare nella top 20 delle emittenti online italiane, Twenty’z Radio continua il suo percorso in un mondo, quello della comunicazione, sempre in evoluzione.

Martedì 17 dicembre l’emittente sandonatese sarà la trasmissione itinerante “Un dollaro per librerie” a proiettare i giovani speakers verso un altro grande risultato, essere on air per la prima volta dal centro di Milano. A due passi dal Duomo del capoluogo lombardo, nella splendida location della libreria Bocca di Galleria Vittorio Emanuele, infatti, a partire dalle 20.30 andrà dunque in onda l’abituale appuntamento letterario del martedì sera condotto da Dario Boemia, Federico Rucco, con la regia di Tommaso Ghigna e l’assistenza di studio di Valentina Scarfia.

Ospiti della serata saranno lo scrittore Silvano Scaruffi insieme all’illustratore di fama nazionale Mauro Moretti che scenderanno dall’appennino tosco-emiliano per presentare il libro dal titolo “Un problema di creature mannare a Ligonchio”, trilogia surreale di un mondo a se stante. Nell’arco della serata, che sarà anche proposta in diretta anche dal portale RedaCon al pubblico dell’appennino reggiano, inoltre, verrà presentato anche il nuovo progetto con cui l’emittente sandonatese ha deciso di varcare le soglie dell’editoria digitale: l’audiolibro dello giornalista Massimo Zanicchi dal titolo “I colori dei pittori”.

Un concept semplice ma incisivo, pronto a incastonarsi perfettamente nell’ambientazione artistica della libreria più antica d’Italia, con racconti di vita vissuta dei grandi artisti del ’900 letti dallo stesso Zanicchi e dalla voce ufficiale di Twenty’z Radio, Giulia Villani. 10 racconti decisamente pop lanciati in grande stile dalla webradio sandonatese che prova a conquistare così anche il cuore del capoluogo meneghino con la sua esperienza formata ormai da 1000 giorni di dirette, oltre 300 ospiti intervistati, 60 giovani coinvolti sul territorio del sud Milano e il riconoscimento non solo delle proprie potenzialità, ma anche di quelle dei suoi speakers, attestatisi con Matteo Castelnuovo nei primi 10 posti della classifica maschile italiana e con Marta Villani nelle prime 20 posizioni di quella femminile. 

Log in to comment

L’atleta di San Donato Niina Virtala si aggiudica il campionato italiano di Taekwondo e raggiunge il primo posto nella ranking list europea

Niina VirtalaNiina Virtala

Niina Virtala, atleta sandonatese della società ASD Phoenix Milano, si è aggiudicata ad Arezzo la medaglia d’oro ai recenti Campionati Italiani di Taekwondo, cui hanno partecipato oltre 400 atleti.

Niina, cintura nera III DAN allenata da Enzo Thompson e Stefania Monaco, è salita sul gradino più alto del podio, regalando così alla Phoenix anche la coppa per il quarto posto nella classifica femminile per società. Insieme al Campionato, per la prima volta si è tenuto anche il Torneo dei Campioni, che ha visto sfidarsi i quattro migliori partecipanti alla competizione nazionale e altri atleti di spicco internazionale. Anche in questo caso, Niina si è guadagnata il primo posto, sbaragliando tutta l’agguerrita concorrenza. Si conclude così un 2013 ricco di soddisfazioni per la cintura nera sandonatese, che ha partecipato agli Open Classe A in Spagna, Belgio, Austria, Ungheria e Finlandia, vincendo 3 ori, 1 argento, 1 bronzo e raggiungendo il primo posto nella ranking list europea.

 

Log in to comment

Albanese condannato per droga viene ritrovato a San Donato dopo un anno di latitanza

ArrestoArrestoI carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Como hanno arrestato un 33enne albanese che, dopo un anno di latitanza, si era rifugiato in un appartamento di San Donato assieme alla sua fidanzata.

L’uomo era un volto molto noto alle forze dell’ordine, poiché sulla sua testa pendevano due distinti ordini di carcerazione emessi dalle Procure di Crema e Sanremo, per 3 anni e 8 mesi complessivi di reclusione. Da circa un anno, cioè subito dopo la notifica del primo mandato, l’uomo si era però reso irreperibile fuggendo in Albania. Da allora i carabinieri si sono messi all’opera per rintracciarlo, scoprendo recentemente che il 33enne era tornato in Italia, dove molto probabilmente aveva ripreso la sua attività di spacciatore. Le indagini hanno portato così le forze dell’ordine ad un appartamento di San Donato dove, nella mattinata di sabato 14 dicembre, è scattato il blitz. Sulle prime l’uomo ha esibito un passaporto romeno contraffatto, ma lo stratagemma gli è servito a ben poco. In casa i militari hanno rinvenuto un bilancino di precisione e una scorta di ben 50 proiettili calibro 9.

Log in to comment

Festività natalizie: strade pulite, senza multe

CS SDMDal giorno di Natale al primo dell'anno nuovo sospesa l'attività sanzionatoria per la pulizia delle vie

Natale senza l'assillo di dover spostare la macchina per la pulizia della strada. È questo l'effetto della decisione assunta dalla Giunta nel corso dell'ultima seduta in merito all'attività sanzionatoria per divieto di sosta in concomitanza con il passaggio programmato delle spazzatrici stradali. Durante il periodo natalizio – dal giorno di Natale (mercoledì 25 dicembre) al primo dell'anno (1 gennaio) – sarà possibile lasciare le auto parcheggiate, senza incorrere in sanzioni, nelle zone dove solitamente vige l'interdizione temporanea per consentire lo spazzamento delle vie cittadine.

Durante il periodo di sospensione delle multe, il servizio di pulizia sarà comunque garantito. I mezzi di Amsa, infatti, assicureranno il regolare servizio.

Log in to comment

Blitz dei vigili al mercato rionale

 

Blitz dei vigili al mercato rionale
Una decina di multe effettuate in un mese; gli agenti si sono concentrati sulla pulizia della strada, l'utilizzo dei mezzi e gli orari dei banchetti.

Controlli a tappeto nel mercato rionale del venerdì. Obiettivi, garantire ordine e rispetto delle norme. In particolare la polizia locale è intervenuta per porre fine ad alcune pratiche comuni errate, tra cui l’invasione di camion nella striscia di "pratone" che corre parallela alla via Gramsci.

Nel mirino inoltre gli orari di smantellamento dei banchetti con sanzioni per coloro che rimangono il più possibile. Inoltre molta attenzione allo smaltimento rifiuti con l’impegno a contrastare l’uso di abbandonare cassette e scarti di frutta e verdura in disordinati cumuli che devono poi essere ritirati dagli appositi mezzi del servizio di igiene ambientale.

I sopralluoghi da parte delle forze dell’ordine proseguiranno anche su altri mercati comunali come quello inaugurato da poco di Coldiretti lungo via Libertà.

 

Log in to comment

IL PASSAGGIO DELLA DISCORDIA

IMG00913-20131215-1011

Via Emilia, al confine con San Giuliano. Dopo la rotonda di Certosa, prima di entrare nel territorio del comune limitrofo, si trova questo passaggio pedonale che consente agli abitanti di Certosa di accedere direttamente allo store OVS, al supermercato Billa e al parco Nord di SGM senza dover andare fino al semaforo della rotonda (quello dove è recentemente avvenuto il tragico incidente nel quale è deceduta una nostra concittadina) oppure a quello di Borgolombardo (che consente in sicurezza solo l’accesso al parco, dato che manca il marciapiede).

Passaggio da sempre poco segnalato, illuminato da un lampione ma senza nessuna luce mirata a illuminare le strisce, con solo qualche riga bianca di avviso di decelerazione. All’insediamento della nuova Giunta, nel 2012, il Comitato Quartiere Certosa aveva già chiesto di mettere in sicurezza questo passaggio. Dopo un anno e mezzo, il Comitato Di Vittorio/Parri/Certosa è tornato a chiedere le stesse cose, con un documento che è stato protocollato ed illustrato in una riunione con il Sindaco, alla quale era presente anche l’Assessore alla Sicurezza Battocchio. Nel documento, tra le altre cose, si legge testualmente: “Chiediamo anche che venga messo in sicurezza l’attraversamento pedonale all’altezza dell’”Oviesse”, creando un apposito spartitraffico a metà carreggiata che consenta la sosta dei pedoni e la relativa illuminazione notturna con tutta la segnaletica del caso; nell’immediato chiediamo che sia subito rifatta la segnaletica orizzontale, in quanto le “strisce” sono quasi del tutto sbiadite, e l’apposizione di opportuna segnaletica verticale.” Bene, qual’è stato il risultato? Il passaggio è stato maldestramente cancellato con un po’ di vernice nera, come testimoniano le foto che pubblichiamo.

Senza tenere in nessun conto le indicazioni del Comitato, si è tolto a sorpresa un passaggio pedonale utile non solo per attraversare, ma anche per limitare la velocità di chi entra in San Donato da sud, senza nè consultare nè avvisare i cittadini, senza fornire loro un’alternativa e, per di più, creando una situazione ancora più pericolosa di quella già esistente. Già, perchè ora il passaggio è cancellato ma si intravede ancora, soprattutto controluce, e la segnaletica verticale non è stata tolta. Inoltre sono ovviamente rimasti gli inviti, scivoli e quant’altro, che invogliano i pedoni ad attraversare comunque. Una situazione ibrida che, in caso di incidente, potrebbe creare anche un contenzioso non da poco con l’Ente pubblico, senza calcolare il danno più grande, quello alle persone eventualmente coinvolte.

Insomma, l’intento di avvicinare il quartiere Certosa al resto di San Donato, come dichiarato in campagna elettorale,  resta una chimera e segna addirittura un passo indietro. Così come il coinvolgimento dei cittadini nelle scelte che li riguardano. Coinvolgimento che avrebbe dovuto concretizzarsi in Consulte territoriali, finora non avviate, e nel continuo dialogo tra comitati e Amministrazione, dialogo che finora pare funzionare solo a senso unico, in quanto manca il feedback da parte dell’Ente e, come quest’ultimo episodio conferma, vengono prese decisioni in contrasto con quanto chiesto dal Comitato senza confronto e senza giustificazioni di sorta. Un meccanismo, quello della partecipazione, che era sembrato avviarsi bene, anche con l’istituzione dell’Assessorato ai Quartieri (detenuto da Gianfranco Ginelli) e che ora sembra incepparsi in modo pesante.

Log in to comment

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi