Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Rissa in Discoteca

 

 

Rissa in discoteca a Milano in via Fabio Massimo, poi cercano di scappare: arrestati

Due italiani sono finiti agli arresti per resistenza a pubblico ufficiale dopo avere provocato una lite in discoteca e avere cercato di fuggire agli agenti di polizia ferendone uno. E' successo alle quattro di sabato mattina presso un locale di via Fabio Massimo (Porto di Mare).

Quando erano già stati allontanati dalla sicurezza del locale, due agenti in borghese presenti sul posto sono intervenuti per calmare la situazione ma sono stati colpiti dai due ragazzi, un 26enne e un 27enne (quest'ultimo pregiudicato). Nel frattempo il locale aveva avvertito il 113 ed erano arrivate due pattuglie. Allora, entrati nella loro auto, hanno tentato di investire un poliziotto che è rimasto ferito.

Rissa in discoteca a Milano in via Fabio Massimo, poi cercano di scappare: arrestati
Infine, nella vicina piazzale Rosa i due ragazzi hanno abbandonato l'auto e sono stati raggiunti e arrestati. MilanoToday

 

 

 

 

Log in to comment

Lo sconvolgimento arriva l'utimo giorno

Lo sconvolgimento arriva l’ultimo giorno. Auschwitz - Birkenau

Il penultimo era di relativo relax: Ci ha portati in giro per la Città, al Castello di Wavel che raccoglie i fasti delle presenze reali nei secoli passati, ma anche la Dama con l’Ermellino di Leonardo da Vinci; alla Cattedrale, per poi allungare fino al quartiere ebraico e fotografare il ristorante dove ha mangiato Spielberg quando ha girato Schindler ’List…La nota dolente, di quest’ultima parte, è stata la poca pulizia del quartiere, pur trovandosi a pochi passi dal centro pulito e ordinato. Per non parlare poi della decadenza e proprio della mancanza di cura del vecchio cimitero ebraico. Desolante è dir poco.

Ma torniamo all’ultimo giorno. Il meteo credo abbia voluto farci provare mezza goccia dell’oceano delle pene provate dai deportati. E la visita incominciava sotto il sole, alle 14.30!!!.

{gallery}https://www.flickr.com/photos/recsando/sets/72157635326364373/{/gallery}

La guida, signora splendida, ci ha parlato con una voce ferma e dolce delle più grandi atrocità, impossibili da immaginare, ma che sono state veramente perpetrate in quei luoghi dal 1940 al 1945, ai danni di popolazioni inermi e incolpevoli, dalle SS.

E così ci spostiamo, passando sotto quella beffarda dicitura famosa fin dai libri di scuola “Die Arbeit macht Frei” Il lavoro rende liberi, da una baracca all’altra, con letti a castello (!!!) per decine di persone tutte insieme, alle latrine x i bisogni, sempre tutti insieme, alle docce dove ci sono appesi i vestiti….alle vetrine con i barattoli della morte…e poi le valigie, i pettini, gli occhiali, le scarpe, le scarpine, i capelli, i numeri, le foto, con le date di nascita…di arrivo al campo e della morte (spesso pochi giorni dopo). Al muro della morte, alle forche.. Alle celle dove si poteva stare solo in piedi, alla cella del Beato Massimiliano Kolbe, che ha dato la propria vita in cambio di quella di un padre di famiglia…per finire con le camere a gas e i forni crematori, che i tedesci non son riusciti a distruggere per l’arrivo delle forze armate russe.

Ogni pensiero che ci può passare per la mente, sarà sempre lontano da quello che passa per la mente dei sopravvissuti a quell’orribile, inutile, mostruoso genocidio, fino al loro ultimo giorno.

 Il ritorno in albergo è un sollievo. Ma sono consapevole che quel binario, quella carrozza chiusa, quel filo spinato, lo ricorderò tutta la vita.

Redazione Recsando a.v.

 

Log in to comment

Tentata Truffa dell'Incidente

 

 

Tentata truffa dell'incidente

Tentata truffa dell'incidente

È accaduto nei giorni scorsi in piazza Tevere a San Donato. R.B. 57enne residente a Peschiera Borromeo era al volante della propria automobile quando ha dovuto fare i contri un comportamento alquanto bizzarro da parte di un pedone.

Il pedone infatti ha attraversato la strada senza prestare attenzione alle macchine in transito e cosi l’uomo ha dovuto frenare di colpo. Il pedone si è dunque avvicinato alla vettura e ha colpito volontariamente lo specchietto retrovisore esterno con una gomitata.

A quel punto R.B. scende dalla vettura per capire cosa stesse accadendo. È stato allora che il passante ha iniziato ad aggredire prima verbalmente poi fisicamente l’automobilista accusandolo di averlo urtato di proposito. L’aggressione si è interrotta quando R.B. si è accorto che un complice del pedone stava rovistando dentro la vettura.



Potrebbe interessarti: http://sandonato.milanotoday.it/tentata-truffa-via-tevere-2-settembre-2013.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/MilanoToday
Tentata truffa dell'incidente

L’uomo ha trascinato fuori il malvivente e sferrato un pugno ad entrambi. I malviventi se la sono cosi data a gambe levate e per una volta il giochetto del falso danno all’automobile non ha funzionato.MilanoToday

 

 

Log in to comment

In picchiata per 7mila metri: Paura in volo

 

 

In picchiata per 7 mila metri. Paura in volo

In picchiata per 7 mila metri. Paura in volo

Paura in volo per quindici passeggeri provenienti dal Sud Milano, San Donato, Cerro e Tavazzano, di ritorno in Italia dalla loro vacanza a Kelibia, in Tunisia.

Quaranta minuti dopo il decollo dall’aeroporto di Enfidha-Hammamet il comandante dell’aereo Tunisair ha deciso di rientrare alla base con una virata improvvisa quando il velivolo già sorvolava il mar Tirreno tra la Sicilia e la Sardegna.

L’areo ha perso infatti quota per oltre 7 mila metri, a bordo del velivolo è stato il panico. Dalle cappelliere sono improvvisamente scese le mascherine per l’ossigeno con il personale di bordo che ha invitato alla calma e ha fatto indossare le stesse ai passeggeri. Molti si aspettavano che l’aereo tentasse un atterraggio di fortuna in Italia, magari a Cagliari, invece ha fatto ritorno a bassa quota verso la Tunisia. Non più a Enfidha ma a Tunisi.

Le testimonianze dei passeggeri raccontano di pensieri orribili, in molti hanno pensato di morire, molte mascherine non sono nemmeno uscite dagli alloggiamenti che sono stati forzati dalle hostess con dei cacciavite. Una volta atterrati sani e salvi a Tunisi per i passeggeri è iniziata una lunga attesa durata più di sei ore senza cibo e viveri.



Potrebbe interessarti: http://sandonato.milanotoday.it/paura-volo-tunisair-famiglie-sud-milano-2-settembre-2013.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/MilanoToday
In picchiata per 7 mila metri. Paura in volo

Fortunatamente, alle 3.30 di domenica, i centotrenta turisti sono ritornati in Italia sani e salvi, con un giorno di ritardo.MilanoToday

 

 

Log in to comment

Riscossioni coatte, il Comune mette in gara la concessione

 
Bandita una procedura negoziata per il recupero dell’evasione
 
 
CS SDMIl Comune è pronto a stanare gli evasori. È scattata in questi giorni la gara con procedura negoziata per individuare il soggetto che si occuperà di incassare le entrate (tributarie ed extratributarie), le multe e gli altri crediti pregressi non versati o parzialmente versati negli anni scorsi. Il bando, pubblicato ieri anche sull’Albo Pretorio online del sito internet istituzionale (www.comune.sandonatomilanese.mi.it), si prefigge di individuare - una volta venuta meno la convenzione con Equitalia, che il 30 giugno ha interrotto il servizio per gli Enti Locali - un soggetto cui affidare, per due anni, la delicata incombenza a fronte di un aggio sulle partite recuperate che verrà definito in fase di aggiudicazione.
Il soggetto vincitore dovrà istituire un proprio ufficio, aperto 20 ore settimanali dal lunedì al venerdì, a disposizione dell’utenza, e utilizzerà proprio personale, opportunamente identificabile, per procedere all’esazione di legge. Stante la delicatezza della materia, verrà garantita la massima riservatezza a tutela degli interessi dei cittadini. La procedura negoziale si chiuderà il 30 settembre ed esclude il ricorso al subappalto.
 
«Si tratta di una decisione obbligata – spiega l’Assessore al Bilancio Angelo Bigagnoli – una volta venuta meno la gestione da parte di Equitalia e non avendo l’Ente la possibilità di procedere in proprio a questa incombenza. Il Comune non ha intenti persecutori nei confronti dei cittadini, ma è importante, in un’ottica di equità e legalità, che ciascuno paghi il dovuto per i servizi di cui ha usufruito; porremo la massima attenzione affinché l’aggio sia moderato, auspicando che la riscossione coatta sia modulata sulle effettive possibilità dei cittadini»
 
Sempre in queste ore l’Amministrazione ha bandito anche la gara per individuare il soggetto che dovrà occuparsi delle pubbliche affissioni, con relativa riscossione dell’imposta comunale sulla pubblicità; servizio fin qui in carico all’Azienda Comunale dei Servizi, oggi in liquidazione, e rientrato fra le competenze dirette del Comune.
 

 

Log in to comment

La raccolta differenziata “in tasca”

 
Il Gruppo A2A lancia “PULIamo”, una nuova applicazione per l’ambiente al servizio del cittadino
 
 
CS SDMAmsa, la società che da qualche mese gestisce i servizi di igiene ambientale nel territorio comunale, ha presentato in questi giorni un nuovo strumento per aiutare i cittadini a tenere pulita la propria città. Si tratta di “PULIamo”: una nuova applicazione sviluppata dal gruppo A2A (di cui Amsa fa parte) disponibile gratuitamente per smartphone e tablet.
 
Questa volta la tecnologia viene in aiuto di quanti spesso si trovano di fronte al dilemma “e questo dove lo butto?”. Grazie alla nuova applicazione basterà impugnare lo smartphone e la raccolta differenziata non avrà più segreti: in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento con “PULIamo” si potranno avere informazioni sul corretto smistamento dei rifiuti, conoscere il calendario della pulizia strade, localizzare le isole ecologiche più vicine, segnalare situazioni di degrado nonché richiedere il ritiro degli ingombranti a domicilio.
 
Accedere a questi e ad altri servizi è semplicissimo. È sufficiente collegarsi al sito di Amsa e scaricare l’App gratuita quindi inserendo l’indirizzo di riferimento, si possono subito scoprire i servizi disponibili nella zona selezionata.

 

Log in to comment

Trasporto pubblico locale, più corse e meno inquinamento

 

Trasporto pubblico locale, più corse e meno inquinamento

Al via la gara per la gestione del servizio nel triennio 2014‐2016; gli operatori passeranno da 2 a 1


CS SDMUn gestore unico del servizio, un maggior numero di corse, il ritorno del bus a chiamata e un minore impatto ambientale grazie alla tipologia dei mezzi prescelti, che dovranno essere ecologici. Sono queste le caratteristiche salienti che l’Amministrazione di San Donato Milanese ha deciso di adottare, a partire dal prossimo anno, per il nuovo servizio di Trasporto Pubblico Locale per assegnare il quale, in queste ore, ha avviato le procedure di gara pubblica.
I documenti relativi al bando per l’affidamento del servizio sono già disponibili sul sito dell’Amministrazione Comunale (sezione “Servizi alle imprese ‐ Bandi di gara”) e fissano alle ore 12 del 20 settembre la scadenza per la presentazione delle offerte.

Leggi tutto...

Log in to comment

Terreni inquinati a Monticello, via alla bonifica

 Snam Rete Gas ha presentato il piano per risanare l’area in cui sarà realizzato l’allacciamento locale al metanodotto
 
CS SDMSarà bonificata direttamente dall’operatore l’area contaminata in località Monticello oggetto del passaggio di un metanodotto di Snam Rete Gas. Dopo i rilievi effettuati dall’Arpa e le sollecitazioni del Comune di San Donato successive al rinvenimento, a fine maggio, di scarti di demolizioni, rsu, parti metalliche e plastiche e alla potenziale presenza di idrocarburi in una fascia di terreno a ridosso dello stabilimento Enipower, la società Comis srl , che cura la direzione lavori per conto di Snam Rete Gas, ha presentato nei giorni scorsi in municipio il Piano di caratterizzazione e bonifica ambientale necessario per poter riprendere le opere interrotte ormai da oltre due mesi.

Leggi tutto...

Log in to comment

Un rifugio per i senzatetto

 

Un rifugio per i senzatetto

Una cena per contribuire a fornire un tetto ai clochard durante il prossimo inverno.

È questo l’obiettivo per cui per la prima volta a San Donato si terrà una cena della solidarietà in cui saranno coinvolti le parti sociali, tra cui il comune nella persona dell’assessore al commercio Chiara Bacchiega, negozianti e gestori di attività pubbliche.



Potrebbe interessarti: http://sandonato.milanotoday.it/un-rifugio-per-i-senzatetto.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/MilanoToday
Un rifugio per i senzatetto

Il ricavato della cena verrà devoluto all’iniziativa di aprire nei mesi invernali la ex Casa parrocchiale legata alla Chiesa di San Donato Martire a coloro che non hanno un tetto.

Iniziativa che anche durante l’ultima stagione più dura ha visto un record di accessi e di persone supportate.

 

Log in to comment

San Donato Aderisce alla carta di Bruxelles

San Donato aderisce alla Carta di Bruxelles

Bruxelles

Mobilità sostenibile come obiettivo politico. Il comune del sud Milano sottoscrive la Carta di Bruxelles

 

San Donato aderisce alla Carta di Bruxelles
L’esecutivo sandonatese ha deciso di aderire alla Carta di Bruxelles a cui hanno aderito comuni da tutta Europa determinati a puntare su mezzi pubblici e spostamenti ciclabili.

San Donato aderisce alla Carta di Bruxelles
I traguardi puntano entro il 2020 a ridurre del 50% gli incidenti mortali dei ciclisti, attraverso corridoi sicuri e a far si che almeno il 15% degli spostamenti avvengano su ruota. San Donato su questo aspetto pare sia a buon punto con le molteplici iniziative ecosostenibili avviate.

 

Log in to comment

Fa il pieno di alcolici al Super ma non li paga: Arrestato

Il suo fare sospetto ha attirato l'attenzione dei carabinieri, che dopo averlo visto aggirarsi nel centro abitato lo hanno seguito fino a casa. Così un giovane pusher, che in giardino coltivava quattro piante di marijuana, è stato arrestato ieri sera a Mediglia con l'accusa di spaccio. Oltre alle piantine illegali, a casa del giovane sono stati trovati 35 grammi di hashish. Il pusher è un italiano di 27 anni, l'operazione è stata eseguita dai carabinieri di Paullo. L'arresto è stato convalidato ieri dai giudici del tribunale di Lodi, che tuttavia non hanno ritenuto di sottoporre il 27enne a misure cautelari.

A San Donato, invece, nella rete dell'Arma è finito un ladro di alcolici. Dopo aver rubato alcune bottiglie dagli scaffali del Billa, il supermercato lungo la via Emilia, l'uomo, un bulgaro 38enne senza fissa dimora, ha cercato di ritagliarsi una via di fuga ingaggiando una collutazione con una delle guardie del negozio. L'intervento di una pattuglia ha riportato la situazione alla normalità. Il taccheggiatore è stato bloccato e arrestato con l'accusa di rapina impropria. Ha trascorso la notte nelle celle di sicurezza della caserma, quindi, questa mattina, è comparso davanti ai giudici. L'arresto è stato convalidato e l'uomo è finito in cella. ( fonte Milano Today )

 

Log in to comment

Via Libertà, possibile isola pedonale

 

Un’isola pedonale nella prima parte di via Libertà, compresa la zona della scuola, caratterizzata da attività commerciali e bar, la parte di strada cioè che dall’incrocio con via Martiri di Cefalonia fino all’intersezione con via Curiel è normalmente frequentata da molti passanti proprio per via dei molteplici negozi.

Il percorso, che a tempo debito verrà condiviso con i commercianti, inizia dalla sperimentazione dei banchetti di produttori che a partire da fine settembre sbarcheranno a San Donato, in base all’iniziativa che punta a richiamare il commercio a km zero.

Via Libertà, possibile isola pedonale
In questa occasione verrà testata una circolazione del traffico alternativa che, qualora dovesse funzionare, potrebbe poi tornare utile nella fase in cui un pezzo di via Libertà potrebbe diventare chiusa al traffico. Per i pedoni significherebbe dunque trovare una viabilità cosi strutturata, un corso che parte da via Roma e prosegue sull’asse di via Libertà con un’unica interruzione data dall’attraversamento di via Martiri di Cefalonia.MilanoToday

 

Log in to comment
×

Attenzione

JFile: :read: Impossibile aprire file: https://query.yahooapis.com/v1/public/yql?q=SELECT+%2A+FROM+yql.query.multi+WHERE+queries%3D%27SELECT+%2A+FROM+flickr.photosets.info+WHERE+api_key%3D%22e2e817071fdf8909088c5960351c071d%22+and+photoset_id%3D%2272157635326364373%22%3B+SELECT+%2A+FROM+flickr.photosets.photos%28500%29+WHERE+api_key%3D%22e2e817071fdf8909088c5960351c071d%22+and+photoset_id%3D%2272157635326364373%22+and+extras%3D%22description%2C+date_upload%2C+date_taken%2C+path_alias%2C+url_sq%2C+url_t%2C+url_s%2C+url_m%2C+url_o%22%27&format=json&env=store%3A%2F%2Fdatatables.org%2Falltableswithkeys&_maxage=3600&callback=