Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Capolinea della metropolitana assediato da mendicanti

Capolinea della metropolitana assediato da mendicanti
Sempre più numerosi gli episodi di furti e molestie ai danni dei passanti

 I sottopassaggi presi d'assalto da mendicanti

I pendolari nella stazione del metro di San Donato Milanese convivono oramai da tempo con nomadi che stazionano presso i dispositivi di erogazione automatici dei biglietti. Uomini e donne si alternano nel corso della giornata, per stazionare accanto alle “macchinette” e intascare denaro.

Alla meglio, viene aperta simbolicamente la mano, alla ricerca di una “volontaria” donazione. Ma non è raro ultimamente imbattersi in situazioni più rischiose.

Numerosi infatti gli episodi di furti ai danni dei passanti che seguiti vengono privati dei propri beni o ancora piccoli furti compiuti direttamente alla macchinetta. I pendolari infatti, ignari del problema, compiono un acquisto alla macchinetta attendendo, in alcuni casi, la restituzione del resto che viene subito “sequestrato” dai mendicanti posizionati ai lati.

 

Log in to comment

Inviato: 25/01/2014 15:15 da Giorgio Soave #1309
Avatar di Giorgio Soave
Credo che il nostro sindaco dovrebbe contattare la direzione dell'ATM o la Questura milanese perchè introducano qualche forma di sorveglianza al capolinea M3. Quella stazione è diventata un suk.
Inviato: 25/01/2014 14:31 da Andrea Ardemani #1308
Inviato: 21/01/2014 07:35 da Giorgio Soave #1240
Avatar di Giorgio Soave
Non vedo per ora pericoli di atti illegali. Ma credo che non sia affiliato a una di quelle organizzazioni mafiose che importano persone dal terzo mondo e le distribuiscono sul territorio per mendicare (e restituire all'organizzazione metà del ricavato per rimborsare il viaggio). Questo tipo che si sposta qua e là non ha avuto assegnato un "posto" dove stare e si ingegna a trovarselo.
Uno così intraprendente potrebbe avere una sistemazione in attività promozionali, dove l'intraprendenza è importante. Lo vedo già affrontare i passanti per vendere polizze di assicurazione: farebbe affari d'oro.
Scherzo, ma mi sta diventando simpatico.
Inviato: 20/01/2014 18:03 da Andrea Ardemani #1236
Avatar di Andrea Ardemani
Giorgio Soave ha scritto:
Il problema della mendicità molesta è generale e in certi casi antipatico.
Per esempio al parcheggio a fianco della chiesa Santa Barbara si è installato un africano. Non sta solo lì a chiedere soldi, ma ti balza addosso appena esci dall'auto e "pretende" l'elemosina. Un po' troppo aggressivo.
Quando non c'è il mercato del martedì si sposta, arrivando fino al cancello della banca di via Europa, e anche lì "aggredisce" i passanti. Insomma andrebbe controllato perchè sta diventando noioso.

Confermo, oramai lo trovo tutte le mattine in via caviaga per andare alla metropolitana.

Si piazza davanti, ti porge una lettera in italiano dove c'è scritto che ha bisogno di lavorare e di soldi e non ti molla fino a quando gli dai qualcosa. E' da tenere d'occhio, perché il giorno che avrà racimolato poco, sarà nervoso, avrà fame e si troverà la poveretta indifesa di turno non so se gli basterà un bel "no, mi spiace".
Inviato: 10/01/2014 17:57 da Giorgio Soave #1065
Avatar di Giorgio Soave
Non è così semplice. Quelle donne si appostano a fianco delle macchinette e si autonominano assistenti. Chiedono: che tipo di biglietto vuoi ? Ecco: e premono i bottoni, anche se nessuno gli ha chiesto niente. Alla fine chiedono soldi, e dato che hanno fatto loro l'operazione si è quasi costretti a dare qualcosa.
Per me è una forma di mendicità molesta, che non è legittima.
Inviato: 10/01/2014 14:41 da Lucas Bregonzio #1061
Avatar di Lucas Bregonzio
Domandare (mendicare) è lecito. Rispondere è cortesia (se la domanda è cortese).
Le trovo anche io fastidiose ma onestamente credo che siamo più animati dalla paura del furto che dal fastidio della mendica.
Credo quindi che domanda di moneta basti rispondere con un sì o con un no.
Mentre ad una mano infilata in tasca si può rispondere con una mano più pesante. Ma non confondiamo le due cose.
Inviato: 10/01/2014 12:54 da Giorgio Soave #1055
Avatar di Giorgio Soave
A parte il fatto che acquistare un biglietto con il bancomat è più laborioso, cosa impedirebbe alle "zingarelle" di chiederti soldi una volta completata l'operazione ?
O pensi che la vista di una carta di credito generi in loro un timore reverenziale ?
Inviato: 09/01/2014 17:43 da Marcello Tarabbia #1044
Avatar di Marcello Tarabbia
Giorgio Soave ha scritto:
[...]Chi non vuole litigare con le "zingarelle" che stanno lì a dare un'assistenza non richiesta può sempre comprare il biglietto alla tabaccheria.Devono essere tanti quelli a cui non va di litigare, perchè la coda alla tabaccheria è sempre lunga...[...]

So che non può essere considerata una soluzione però a volte può essere utile: ultimamente ho acquistato il biglietto pagando con la carta di credito (ho usato una ricaricabile), si può usare anche il bancomat; è un modo per non usare denaro, così nessuno può chiederti niente anche se prima o poi potrebbero attrezzarsi per clonare le carte :-(
Inviato: 08/01/2014 09:31 da Giorgio Soave #1010
Avatar di Giorgio Soave
E' il normale sviluppo di una situazione di assenza totale di sorveglianza, a cui il comune di San Donato non può rimediare perchè la stazione è sotto la giurisdizione di Milano e a cui dell'ATM non importa niente.
Chi non vuole litigare con le "zingarelle" che stanno lì a dare un'assistenza non richiesta può sempre comprare il biglietto alla tabaccheria.Devono essere tanti quelli a cui non va di litigare, perchè la coda alla tabaccheria è sempre lunga...

Il problema della mendicità molesta è generale e in certi casi antipatico.
Per esempio al parcheggio a fianco della chiesa Santa Barbara si è installato un africano. Non sta solo lì a chiedere soldi, ma ti balza addosso appena esci dall'auto e "pretende" l'elemosina. Un po' troppo aggressivo.
Quando non c'è il mercato del martedì si sposta, arrivando fino al cancello della banca di via Europa, e anche lì "aggredisce" i passanti. Insomma andrebbe controllato perchè sta diventando noioso.

Ragazzi a confronto

"I have a dream"

IMG 4658

Spesso si sente parlare degli adolescenti come di una categoria senza idee, con poca voglia di impegnarsi in discorsi seri, lontani dal mondo che li circonda, capaci a comunicare solo attraverso un cellulare, attraverso un  social network, per evitare così un confronto <face to face>.
Non è questo il caso di due gruppi di giovani che si sono incontrati lo scorso 16 dicembre presso la sede dell’Associazione Sabil,  (Per chi non la conoscesse, è un’associazione culturale che rappresenta la comunità araba di San Giuliano Milanese).
Abbiamo chiesto a  Chiara, studentessa di S. Donato Milanese che frequenta la quinta Liceo all’Omnicomprensivo, come è nato l’incontro, ed ecco il suo racconto:

Leggi tutto...

Log in to comment

Uomo precipita dal balcone

L'Humanitas di Rozzano, dove l'uomo è stato ricoveratoL'Humanitas di Rozzano, dove l'uomo è stato ricoveratoCi sarebbe la tragica volontà di farla finita dietro al volo di 15 metri dell’ingegnere 41enne di San Donato, precipitato dal 5° piano di un palazzo in via Moro mercoledì 18 dicembre.

L’uomo viveva con i genitori, i quali, al momento dell’accaduto, non erano in casa.

I soccorritori giunti sul posto avevano trovato l’uomo ancora cosciente riverso sul prato condominiale e lo avevano trasportato d’urgenza presso l’Humanitas di Rozzano.

I carabinieri e la polizia locale di San Donato avevano immediatamente avviato le indagini per far luce sull’accaduto e, a poche ore dall’episodio, prende piede l’ipotesi che non si sia trattato di un incidente.

Gli investigatori avrebbero infatti rinvenuto in casa un biglietto, scritto dal 41enne per spiegare ai suoi genitori le ragioni di quello che si delinea sempre più come un tragico gesto. L’uomo si trova tutt’ora ricoverato presso il nosocomio di Rozzano, dove i medici temono possa rimanere paralizzato a causa delle gravi ferite riportate dopo l’impatto con il suolo.

Log in to comment

Ruba un profumo come regalo alla sua amata

 

Arrestato un 18enne straniero che ha tentato di compiere un furto all'Esselunga

 

 Piazza Bobbio - Esselunga San Donato Milanese

Il tentato furto all'Esselunga

Voleva fare un regalo di Natale alla sua amata e così un cittadino di 18 anni si è recato all’Esselunga di San Donato tentando di rubare profumi per circa 130 euro. Quando il giovane ha tentato di uscire senza pagare però è stato fermato dalla sorveglianza che aveva notato movimenti sospetti mentre il ladro cercava di infilare i profumi sotto la giacca. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di San Donato che hanno identificato e arrestato il ragazzo.

 

Log in to comment

ANCORA INGOMBRANTI ABBANDONATI IN VIA

INGOMBRANTI ABBANDONATI 23.12.13

Gli “ecofurbi” non si fermano nemmeno nell’imminenza del Natale, lo sappiamo. Anzi, durante le Feste sono molti coloro che, invece di smaltire regolarmente la grande quantità che si produce in seguito ai cenoni, agli scambi di regali ecc., preferiscono disfarsene gettandoli dove viene più comodo. Però questo cumulo non è di oggi e nemmeno di ieri: è datato inizio dicembre, mentre il 17  dicembre, il Comitato lo ha segnalato al numero verde di AMSA. Da allora, nessun intervento, e il triste spettacolo è destinato a rimanere anche a Natale sotto gli occhi dei cittadini di via Di Vittorio.

Log in to comment

PULIZIA DEL PARCHEGGIO: NON E’ UN OPTIONAL

Protocollato oggi in Comune un documento del Comitato Di Vittorio/Parri/Certosa che chiede formalmente la pulizia del parcheggio di via Adda, parcheggio che finora è rimasto escluso dalla pulizia meccanizzata nonostante una convenzione di molti anni fa attribuisca al nostro Comune la manutenzione ordinaria e straordinaria del sito. Non si capisce perchè, nonostante il passaggio ad AMSA dell’appalto di pulizia stradale, questo parcheggio sia ancora una volta stato escluso. Forse si è trattato di un errore o di una trascuratezza ma ora i cittadini non ci stanno più a sopportare questa situazione (ben nota peraltro) e hanno deciso di rivolgersi non solo all’Assessore competente (Andrea Battocchio) ma anche al Sindaco e a tutto il Consiglio Comunale, opposizioni comprese. Questo per far valere finalmente il diritto di avere la stessa pulizia che c’è in tutti gli altri luoghi pubblici della nostra città dato che, oltretutto, da una veloce indagine coi tecnici dell’AMSA si è capito che non ci sono impedimenti tecnici per pulire l’area con mezzi meccanici, perfino con la spazzatrice grande col facilitatore. Dunque, che cosa si aspetta?

Log in to comment

A Natale puoi ...

 

Una merenda “Speciale”

Un’ora di festa, quella della merenda, al 3^ Piano del complesso B dell’Ospedale di San Donato Milanese.

Il reparto è quello di cardiochirurgia pediatrica. Un’eccellenza di questo polo ospedaliero. Nel tardo pomeriggio del 18 dicembre, è stata preparata per i piccoli ospiti la Festa di Natale. Un piccolo concerto con le canzoncine più famose da Bianco Natale a Happy Days passando da Jingle Bells molto ben intonate da tre operatori del reparto: Dora accompagnata da Fabio e Luigi, con le chitarre.

 

 

Leggi tutto...

Log in to comment

Amici a 4 zampe - La scelta del cane una scelta responsabile

Cane in canileCane in canileSi dice che il cane sia il migliore amico dell’uomo, ma ci siamo mai chiesti se l’uomo lo sia anche per lui? Il cane è un essere senziente, con veri e propri sentimenti, e non un mero oggetto a nostro uso e consumo. Lui ci ama incondizionatamente per quello che siamo ed è sempre al nostro fianco, ma richiede anche impegno e sacrificio da parte nostra sia in termini di tempo sia in termini economici.

Proprio per questo motivo, quando si decide di accogliere in famiglia un cane, si deve essere sempre coscienti che anche loro hanno bisogno di amore, cure, passeggiate, gioco e rispetto, insomma tempo da dedicargli.

Il cane va mantenuto con cibo adeguato, vaccinazioni, profilassi annuale di prevenzione per filaria e parassiti, va sterilizzato e va eventualmente stipulata una polizza di assicurazione contro infortuni contro terzi o per tutelare ulteriormente la sua salute.

Bisogna anche considerare che nel corso della sua vita possa ammalarsi e che abbia quindi bisogno di cure veterinarie a volte costanti e magari anche costose.

Una volta che si è realmente coscienti delle necessità del cane potrete finalmente accoglierlo in casa.

Come spesso accade, molte persone attirate dal cucciolo, dal cane di razza oppure perché imperversa la moda, si rivolgono a negozianti o allevatori alimentando così un cospicuo giro d’affari.

Soffermiamoci invece per un attimo a pensare che i canili/rifugi sono pieni, spesso proprio di cani di razza acquistati da cuccioli e poi abbandonati.

Non esistono cani di serie A o di serie B e un cane abbandonato dà le stesse garanzie di uno acquistato se non di più.

Quello che ci sentiamo di consigliarvi e di affidarsi con fiducia alle associazioni certificate che operano all'interno di queste strutture che vi daranno tutte le informazioni sul cane e vi sapranno consigliare con competenza e chiarezza anche sulla adozione giusta per voi.

Evitiamo invece di adottare cani per corrispondenza o da annunci su internet di provenienza dubbia, spesso nascondono traffici che si consumano sulla pelle dei nostri amici a quattro zampe.

Se nella maggior parte dei casi la scelta di una famiglia ricade su un cucciolo, va sempre tenuto bene in mente che il cucciolo è come un bambimo e richiede molte più attenzioni e tempo soprattutto per la sua educazione, non va dimenticato che i cani più grandi di età o anziani hanno molto da dare in termini di affetto e fedeltà.

Visto l’avvicinarsi del Natale, vorremmo ricordare a tutti che GLI ANIMALI NON SONO GIOCATTOLI da regalare, ma SONO ESSERI VIVENTI DA AMARE E RISPETTARE!

L’ esperienza dell’adozione in canile apre il cuore e ci arricchisce a livello personale perciò, se decidete di intraprendere questo tipo di cammino, fatelo in maniera consapevole e responsabile e ricordate che un cane è per sempre!

Dog Angels Onlus

Log in to comment

Trasporto pubblico a Milano: gli orari delle festività natalizie

 

Trasporto pubblico localeTrasporto pubblico localeAtm ha reso noti gli orari che metropolitane e mezzi di superficie osserveranno durante le imminenti festività natalizie.

Mercoledì 25 dicembre, in occasione del Santo Natale, il servizio delle quattro linee metropolitane (M1-M2-M3-M5) e delle linee di superficie (bus, tram e filobus) sarà effettuato dalle 7.00 alle 19.30 circa.

Martedì 31 dicembre, in occasione del Capodanno, il servizio della metropolitana sarà prolungato sulle tratte urbane (fino a Molino Dorino sulla M1 e fino a Cascina Gobba e Abbiategrasso sulla M2) con gli ultimi passaggi in centro alle 2.00 circa. Sul sito www.atm.it sono disponibili gli orari delle prime e ultime partenze della metropolitana e delle linee di superficie del 25 dicembre e gli ultimi passaggi in centro dei treni previsti per il 31 dicembre.

Giovedì 26 dicembre, mercoledì 1° gennaio e lunedì 6 gennaio, sia in metrò sia in superficie, sarà in vigore l’orario festivo.

Nei restanti giorni feriali (23, 24, 27, 31 dicembre e 2 e 3 gennaio), in concomitanza con la chiusura delle scuole, il servizio seguirà l’orario del sabato. Da sabato 21 a martedì 24 dicembre saranno previste corse aggiuntive in metropolitana.

 

Log in to comment

Tre nuove foreste nel sud Milano

 

Tre nuove foreste nel sud Milano
Obiettivo valorizzare le rive del Lambro e farle conoscere, interessate anche Levadina e la zona fra Eni e Paullese.

Tre nuove foreste sul territorio con una svolta anche per la zone che unisce San Donato a San Giuliano candidate ad ospitare una serie di esemplari arborei autoctoni.

Per raggiungere questo obiettivo l’esecutivo sandonatese ha aderito al bando della Provincia di Milano che mette a disposizione finanziamenti per progetti di forestazione urbana. Le aree candidate ad ospitare queste nuove piantumazioni sono: Levadina, lungo le rive del Lambro, lo spazio di oltre 18mila metri quadrati più a sud che si estende tra la Paullese e i laboratori dell’Eni, sempre in prossimità del fiume che attraversa il sud Milano e lo spazio a ridosso del comparto urbano che collega i due comuni limitrofi dove da anni è prevista la realizzazione di un grande parco.

 

Log in to comment

Inviato: 22/12/2013 08:24 da Giorgio Soave #912
Avatar di Giorgio Soave
Fornisco qui un'immagine della zona presa da Google Maps. E' evidente che a fronte dellepoche centinaia di metri fra le Cort Borromee e la via Maritano, è necessario un percorso di parecchi chilometri fino alla Paullese e poi fino a via Moro e via De Gasperi per arrivare a via Maritano
Questa immagine è nascosta ai visitatori. Prego accedi o registrati per visualizzarli.
Inviato: 22/12/2013 07:07 da Giorgio Soave #911
Avatar di Giorgio Soave
Meno male che qualcuno se ne ricorda !
Mi pare anche di ricordare che qualcuno tempo fa scriveva di un finanziamento che il centro Corti Borromee (oggi penalizzato dalla difficoltàdi accesso da/a San Donato) era disponibile a fonire per migliorre i collegamenti.
Purtroppo mi pare che qualunque ponte sul Lambro che colleghi San Donato alla via cieca che passa davanti alle Corti Borromee rischierebbe di peggiorare la viabilità già asfittica di San Donato. Un ponte che partisse dall'estremità della via cieca per arrivare ai campi dietro i nuovi laboratori e poi in via Monticello strozzerebbe definitivamente questa via già insufficiente (che lo sarà ancora di più dopo la realizzazione del nuovo insediamento alle cascine Monticello).
Sarebbe meglio partire da più vicino alla Paullese, all'altezza di via Gela, pure insufficiente ma almeno con sbocco su via Maritano e poi su via DeGasperi (e forse scaricherebbe un po' anche la via Monticello).
Il pericolo è che parte del traffico dalla Paullese si riversi sulla nuova via, forse è proprio per questo che non si fa niente, preferndo che tutto il traffico "estraneo" resti a intasare la via Monticello.
Credo che la chiave delproblema sia la via Emilia, troppo strozzata dai semafori di San Giuliano che obblgano chi arriva da Melegnano a buttarsi verso via Monticello.
Ci vorrebbe sulla via Emilia qualche rotatoria in più per fluidificare il traffico. Sempre che non finisca come la grande rotatoria di Melegnano, perennemente bloccata.
Inviato: 21/12/2013 19:34 da Luigi Verdicchio #910
Avatar di Luigi Verdicchio
Giorgio Soave ha scritto:
Visto che i futuri lavori sulla Paullese comporteranno quasi sicuramente la chiusura dei residui varchi verso San Donato, ad esclusione del groviglio finale di svincoli che già si è dimostrato insufficiente, perchè non pensare anche a un altro accesso a San Donato scavalcando il Lambro ?

Fai bene a sollevare l'argomento perché fin dai tempi della Giunta Achilli (fine anni '90) si era individuata quale soluzione per ridurre il traffico di attraversamento su Via Maritanto - Morandi e in vista dell'eliminazione dei semafori sulla paullese la realizzazione della bretella Peschiera / Ospedale / Via Emilia.
Durante la legislatura presieduta da Dompè sembrava confermato il progetto con l'indicazione anche degli stanziamenti spettanti alla provincia e ai tre comuni coinvolti. La provincia aveva anche l'incarico della progettazione dell'infrastruttura. Suppongo che, visto il tempo trascorso, il progetto esecutivo fosse già disponibile alla fine della legislatura.

Subito dopo l'insediamento, l'attuale Giunta ha dichiarato che la bretella avrebbe interessato il solo tratto Peschiera / rotonda dell'Ospedale.
Ma poi, poco più di un mese fa, si è sperimentata la soppressione dell'ingresso a San Donato di Via Gela / Maritano con l'intento di verificare la funzionalità di un solo accesso dalla all'altezza del terminal M3.
La sperimentazione sembra sia fallita e ora attendiamo di sapere se, oltre alla foresta tra i laboratori e monticello, si tornerà a prevedere il collegamento che tu ipotizzi.
Inviato: 20/12/2013 06:49 da Giorgio Soave #901
Avatar di Giorgio Soave
Visto che i futuri lavori sulla Paullese comporteranno quasi sicuramente la chiusura dei residui varchi verso San Donato, ad esclusione del groviglio finale di svincoli che già si è dimostrato insufficiente, perchè non pensare anche a un altro accesso a San Donato scavalcando il Lambro ?

Con La regina della neve Al Troisi è bianco Natale

CS SDMLa Rassegna teatrale per ragazzi propone, in perfetto clima festivo, una fiaba a lieto fine

Sabato 21 alle 16, per il secondo appuntamento a teatro rivolto ai ragazzi (l'ultimo del 2013), la Compagnia teatrale Alma Rosè porterà in scena una delle più belle avventure nate dalla penna di Hans Christian Andersen. La regina delle nevi, fiaba scritta dall'autore danese nel 1844, racconta il viaggio che una bambina, Gerda, si trova a dover affrontare per salvare il suo vicino di casa nonché migliore amico, Kay. Il ragazzo, colpito dal frammento di uno specchio malvagio, ha perso la sua vera identità ed è rimasto intrappolato in una realtà di ghiaccio: una triste regina ha letteralmente congelato la sua esistenza e quella del suo regno per non soffrire più le pene dell'amore. Il racconto è costituito da sette episodi collegati tra loro come scatole cinesi, un percorso di formazione che porta a scendere gradualmente in profondità, là dove si scontrano la ragione e il sentimento. Una riflessione quanto mai attuale in una società che privilegia sempre più la "freddezza tecnologica" rispetto al calore umano.

Leggi tutto...

Log in to comment

Si lancia dal quinto piano: miracolosamente non muore

 Il fatto è avvenuto a San Donato nel primo pomeriggio: l'uomo, 41enne, è in gravi condizioni, ma si è salvato. 

Un 41enne di San Donato ha probabilmente cercato di uccidersi lanciandosi da un piano alto di un palazzo in via Angelo Moro (forse dal quinto), nella cittadina sudmilanese.

E' avvenuto nel primo pomeriggio. Dalle prime informazioni avute dal 118, sembrerebbe che, miracolosamente, non sia deceduto. E' caduto su un terrapieno. 

Le sue condizioni sono gravi - gambe spezzate, altre fratture - ma dovrebbe cavarsela. E' stato portato all'Humanitas di Rozzano. 

 

Log in to comment