Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

San Donato Milanese – Al via la SportLifeCity

Milano | San Donato Milanese – Al via la SportLifeCity

 

Ci siamo, SportLifeCity è ai blocchi di partenza: è arrivata dalla giunta comunale di San Donato Milanese (MI) la tanto attesa autorizzazione al progetto da oltre 150 milioni di euro, coordinato dallo studio WiP Architecture Technical Engineering, che prevede una cittadella dello sport di 300.000 mq nel quartiere San Francesco, con un’arena da 20-25mila posti. L’ambizioso piano, commissionato dalla società SportLifeCity Srl, nasce dalla collaborazione tra WiP insieme a studio FORM_A e un pool di professionisti con l’obiettivo di creare un polo con un mix di funzioni in grado di ospitare grandi eventi, destinato a diventare un punto di riferimento sportivo e culturale a livello locale e nazionale.

SportLifeCity sorgerà in una posizione strategica, ben connessa alla rete del trasporto locale, regionale e nazionale. L’area, nelle vicinanze dell’aeroporto di Linate, è facilmente raggiungibile in auto grazie alla prossimità delle autostrade A1 e A51 e in treno, attraverso la fermata del passante ferroviario posta a ridosso del sito di intervento.

Leggi tutto...

Log in to comment

Inviato: 22/02/2019 20:56 da Enrico Coviello #4603
Avatar di Enrico Coviello
Ringrazio Recsando per aver informato di questo progetto, che ho segnalato ieri alla redazione con un po' di stupore per il fatto che non ce ne fosse notizia.
Viviamo in un comune caratterizzato da una superficie limitata ed una cementificazione del suolo tra le più elevate, non ci occorre un arena più grande del forum di Assago ed il relativo traffico. Chi si è opposto al progetto sulla stessa area per lo stadio di calcio ha già sentito i tentativi di ammantare di verde, le immagini di migliaia di persone che arrivano ad eventi e centri commerciali solo con il passante o in bici. Da pendolare (col passante e in bici) mi sento ulteriormente preso in giro.
Inviato: 22/02/2019 12:50 da Mirko Mureddu #4602
Avatar di Mirko Mureddu
:(
Ovviamente sono un disinformato qualsiasi. Però parlare di un quartiere (che non immaginavo neanche esistesse) che si chiama S. Francesco, ha un po' di blasfemia, visto che ora ci sono prati e campi (oppure le foto aeree di Google sono vecchie ed io non mi sono mai accorto di nulla? :-) )

La mia impressione è che sarà una bellissima cattedrale nel deserto, per "grandi eventi" (20-25 mila posti è un grande evento per San Donato, non certo per Milano) di cui si immagina il mix: sport e cultura locale e nazionale.

Si certo, un po' come Expo, poi raccoglieremo la ruggine dell'ennesimo "albero della vita", sottraendo una delle rare aree verdi all'ambiente, con la cementificazione di un'opera di cui i sandonatesi non sentono di certo il bisogno.

cui prodest?
Inviato: 22/02/2019 01:36 da Anita Fontanella #4601
Avatar di Anita Fontanella
Una domanda sorge subito:chi sono gli amministratori di questa srl da poco costituitasi e con sede in via Cesare Battisti 12? I vari partner di cui il loro sito si vanta sono solo partner tecnici, ma ho la certezza che ovviamene non siano i finanziatori. In altre parole, chi può permettersi di finanziare quest'opera sovradimensionata per ben 150 milioni di euro? Che tipo di operazione sarebbe quella che inizia con un progetto di massima che ha superato il primo scoglio burocratico ma che, in fatto di trasparenza, lascia me, e tanti altri piuttosto perplessi (per usare un eufemismo)?
Naturalmente sono d'accordo con Fabrizio sui discorsi su scelte urbanistiche che chiamerei scellerate, sull'ulteriore consumo di suolo, sulle promesse elettorali perennemente disattese. E non mi venga a parlare nessuno di riqualificazione, come se questa fosse possibile solo con tonnellate di asfalto e cemento.
Avremo tempo e modo per parlarne, soprattutto se dalla nostra amministraione trapelerà qualche notizia certa, al di là delle solite frasette di circostanza negli articoli sui media
Inviato: 22/02/2019 00:45 da Fabrizio Cremonesi #4600
Avatar di Fabrizio Cremonesi
Ricordo ancora quel giorno in sala consiliare mentre registravo il podcast, quando il Sindaco disse che avrebbe realizzato il Parco Gustavo Hauser collegandolo con le Abbazie di Viboldone e Chiaravalle. Parlò del sentiero dei Monaci e riuscì anche ad emozionarmi. Pensavo fosse vero quel che diceva, pensavo tra me e me che sarebbe stato un grande gesto per la città e una ricompensa per la battaglia condotta insieme al Comitato Giù le Mani dalla Campagnetta e pensavo al mio amico Gustavo che avrebbe sicuramente applaudito un così etico progetto per il territorio. Sarebbe stato un dono per la città, restituire ai pellegrini e ai turisti un sentiero antico e spirituale che avrebbe attratto persone da tutto il mondo e valorizzato il nostro territorio.
Ecco oggi sono amareggiato, deluso, profondamente adirato da questa notizia devastante che distrugge il suolo, una scelta scellerata che non guarda al futuro e alla nostra salute.
Inviato: 21/02/2019 23:44 da Fabrizio Cremonesi #4599
Avatar di Fabrizio Cremonesi
RecSando ha scritto:
Il programma funzionale prevede un’Arena da 20/25.000 posti, destinata ad...

San Donato Milanese – Al via la SportLifeCity

Eppure il Sindaco Andrea Checchi durante la campagna elettorale, nella sala consigliare del Comune di San Donato Milanese raccontava ai cittadini che nel suo programma di governo si sarebbe realizzato il sentiero della Valle dei Monaci, il percorso naturale che partendo da Abbazia di Chiaravalle passando per il Parco Gustavo Hauser - La Campagnetta sarebbe arrivato all' Abbazia di Viboldone. Forse non si ricorda bene ( ma noi di RecSando come sempre abbiamo realizzato il podcast, disponibile nel nostro sito ufficiale) Adesso ci dovrebbe spiegare se stava raccontando falsità in campagna elettorale e il suo obiettivo è fare cassa con oneri di urbanizzazione devastando il suolo, oppure se quello che viene scritto il 19 Febbraio 2019 è pura fantasia.. #DistruggereIlSuolo è un crimine contro l'umanità ..... ecco il podcast integrale dove il nostro Sindaco racconta del sentiero dei Monaci www.mixcloud.com/RecSando/andrea-checchi...e-liste-e-candidati/
Ora invece dovrebbe raccontare alla città come intende realizzare quello che sosteneva concedendo il permesso per realizzare un’Arena da 20/25.000 posti, destinata ad ospitare eventi poli-sportivi e d’intrattenimento in generale; un distretto commerciale di 5.000 mq e uno direzionale di 1.500 mq, uno Sport Center da 1.500 posti e 8 campi sportivi multifunzionali, per attività indoor e all’aperto; 7.800 mq per uno sport residence; aree fitness, palestre e piscine per 3.300 mq; un centro medico sportivo di 7.000 mq; uno sport business center di 3.400 mq; un liceo scientifico sportivo su modello dei campus anglosassoni, destinato ad ospitare 400 studenti, con annesso un Athletic Center coperto di 3.800 mq. L’area sarà servita da quasi 5.000 parcheggi per auto, moto, biciclette e bus; il complesso sarà immerso in 105.000 mq di aree verdi.
Inviato: 21/02/2019 23:44 da Fabrizio Cremonesi #4598
Avatar di Fabrizio Cremonesi
pazzesco, tutto questo

San Donato Fighters - 17 Febbraio 2019


I Fighters sono una squadra che trova la propria casa all’Accademia del Ghiaccio SDM , il team ufficiale viene presentato a fine settembre del 2018 e con molto entusiasmo decide di intraprendere il campionato della cisalpina con relativo distaccamento dedicato alle sole squadre milanesi .
Il punto di forza di questo Team sta sicuramente nei loro coach Roman Simunek e Pietro Piraino giocatori che hanno  militato in campionati di alti livelli

Fighters

I ragazzi di San Donato vanno dai 14 anni ai 64 anni del più ‘’ anziano ‘’ (che poi anziano non è come dimostra lui stesso sul ghiaccio) del capitano.

Leggi tutto...

Log in to comment

I Semper Giuvin al Troisi portano in scena l'Umiltà



Ancora un tutto esaurito al Teatro Sandonatese per il ritorno sul palcoscenico  della Compagnia Teatrale Amatoriale Sangiulianese  "I  Semper Giuvin". 
Nell'ultimo  anno  ci sono stati dei cambiamenti nel cast, ma questo non ha causato grossi scossoni al fine dei loro propositi: sostenere economicamente  altre associazioni che a loro volta, con l'ausilio di numerosi  volontari, aiutano concretamente il prossimo. Perchè comunque,  ci sono sempre spese da affrontare per mantenere  un'associazione. 

Leggi tutto...

Log in to comment

Biciplan: Commenti al Piano della Mobilità Ciclabile

Commenti al Piano Urbano della Mobilità Ciclistica da parte della Consulta della Mobilità Ciclabile,
suggerimenti e spunti per costruire e realizzare la città del futuro, in collaborazione con le associazioni del territorio



A seguito dell’incontro avuto lo scorso lunedì 11 febbraio 2019  presso la sede della Rete Civica RecSando / Bicipolitana Network, che ha ospitato i membri della Consulta della Mobilità Ciclabile,  rendiamo pubblici i commenti emersi per l'attuazione del Biciplan prima della presentazione ufficiale che si è tenuta  in Sala Consigliare nella serata del 12 Febbraio 2019.

Come concordato, Claudio Lanaro incaricato a partecipare alla Consulta della Mobilità Ciclabile da parte di Bicipolitana Network e attuale Presidente della stessa ha redatto questo verbale che contiente i contributi di tutti i presenti

Noi di RecSando / Bicipolitana Network , in accordo con Claudio Lanaro vi chediamo di esaminare e leggere attentamente le osservazioni e commenti emersi  e inviare eventuali vostre ultime osservazioni entro martedì 19 febbraio, scrivendo a bicipolitana @ gmail.com


Commenti all’”Accompagnatoria Biciplan”

Siamo in accordo sia sull’impostazione (che vuole dare più ampio respiro al Biciplan, chiamato Piano Urbano della Mobilità Ciclistica, inteso non semplicemente come rete di piste ciclabili, ma come strumento per creare una città composta di quartieri più vivibili, mediante il concetto di “Città 30”) che sul progetto e sulla gradualità dell’esecuzione.

Ci sono però dei commenti di carattere generale che ci sentiamo di fare:

Leggi tutto...

Log in to comment

Una proposta per rilanciare il Picchi

CS SDMLa costituenda ati capitanata dalla società sportiva dilettantistica San Donato Volpi Verdi ha depositato un progetto di riqualificazione dell’impianto di via Di Vittorio

Un project financing per la gestione, ristrutturazione e adeguamento normativo del Picchi. Lo ha presentato negli scorsi giorni la costituenda associazione temporanea di imprese capitanata dalla società sportiva dilettantistica San Donato Volpi Verdi, che a sostegno della proposta ha versato un deposito cauzionale di circa 20mila euro (per la precisione 18.937,59 euro). L’Amministrazione, preso atto dell’iniziativa, ha avviato il procedimento per la valutazione della documentazione presentata, iter che dovrà concludersi nell’arco di 3 mesi.

Leggi tutto...

Log in to comment

Al via il tagliando alle aree cani

CS SDMGli interventi di manutenzione straordinaria riguarderanno sette spazi, in diverse zone della città, dedicati ai quattro zampe. Cantieri aperti da fine febbraio

 Sistemazione del fondo, sostituzione delle recinzioni e di alcuni elementi di arredo, interventi sui cancelli. Sono alcune delle attività programmate per rimettere in sesto sette aree cani cittadine. Nel dettaglio, gli spazi sottoposti alla manutenzione straordinaria, che in totale costerà circa 30mila euro, sono: quella di via Parri, due di via Di Vittorio (dietro l’Ufficio Postale e nei pressi della Casetta dell’Acqua), quella del Parco Tadini (in via Kennedy), quella del Parco delle Maioliche (di via Moro/Rodari), due del Parco Trepalle e quella del Parco Pertini a Poasco.

 I lavori, a seconda della portata dell’intervento, determineranno limitazioni temporanee all’uso degli spazi. La prima area in programma è quella di via Parri che sarà sottoposta a un rifacimento integrale che interesserà anche la recinzione. I cantieri saranno avviati lunedì 25 febbraio.

Leggi tutto...

Log in to comment

Buon Compleanno RecSando, festeggia con noi in Cascina Roma

 
A recsando, di canalemusica

Per festeggiare il nostro 23esimo compleanno abbiamo organizzato un'evento aperto a tutti in Cascina Roma, il giorno 18 Febbraio 2019 alle ore 21:00. Abbiamo invitato con una email ufficiale tutte le Associazioni di San Donato Milanese e di San Giuliano Milanese,  tutti i  Sindaci e gli Assessori del Sud Est Milano e i consiglieri di maggioranza e di  minoranza del nostro Comune ( abbiamo scritto a tutte le segreterie delle ammistrazioni comunali di estendere l'invito a tutti i consiglieri, dato che su alcuni siti instituzionali  mancano le email ufficiali) Invitiamo tutti voi, i veri protagonisti del Sud Est Milano, i cittadini.

etica, crowdfunding, Bilancio partecipativo: quale futuro per la democrazia ?


Questo è il tema che verrà discusso nelle antiche mura di Cascina Roma, insieme getteremo le basi per un nuovo futuro.

TI ASPETTIAMO

Staff RecSando

Log in to comment

Interrogazione e Mozione: Concessione per la gestione e uso della pista di atletica, campo da rugby e struttura adiacente del Centro Sportivo Enrico Mattei

Interrogazione e mozione presentate dalle Liste Civiche Insieme per San Donato  e San Donato Ci Piace


8 Febbraio 2019
Pervengono alla Redazione RecSando, con preghiera di diffusione, documenti in pdf relativi alla Interrogazione  e alla Mozione presentata dalle liste civiche Insieme per San Donato e San Donato Ci Piace,  al Sindaco Andrea Checchi e al Presidente del Consiglio Comunale di San Donato Milanese Matteo Sargenti.
Oggetto: Concessione per la gestione e uso della pista di atletica, campo da rugby e di struttura adiacente del Centro Sportivo Enrico Mattei di Via Caviaga 4

interrogazione

mozione


Gina Falbo, Vincenzo di Gangi, Giovanni Di Pasquale
Log in to comment

A San Donato APP@CON fa squadra con il territorio per il benessere della scuola

appaconPremessa del progetto APP@CON è la consapevolezza di vivere in un tempo di contesti educativi in profonda trasformazione che richiedono l’assunzione di nuove e inedite forme di responsabilità educative da parte delle tradizionali agenzie preposte: famiglia e scuola in primis, comunità locale.  APP@CON sostiene la comunità nel processo di tessitura paziente di legami, alleanze  condivise  per ridare valore all'educazione, per condividere le coordinate di un nuovo orizzonte educativo, per ridare valore ad una funzione educativa diffusa, per garantire alle nuove generazioni nuovi luoghi, nuove opportunità per crescere e vivere il proprio presente.

I processi educativi rappresentano uno degli ambiti della vita delle persone maggiormente in grado di condizionare la piena realizzazione personale e inclusione sociale di lungo termine, pertanto il rischio cui sono esposti i bambini e i giovani che, per diverse ragioni, incorrono in una situazione di povertà sotto questo profilo, è di vedere da subito ridotto lo spettro dei possibili corsi di vita. Per questo è importante operare affinché tutti i giovani possano accedere ad un livello di opportunità di sviluppo personale cognitivo, emotivo e culturale dignitoso.

Leggi tutto...

Log in to comment

Lombardia soffocata dallo smog: Milano un giorno su tre sfora i limiti

Lombardia soffocata dallo smog: Milano un giorno su tre sfora i limiti ma per la Regione: “Inquinanti sconfitti”

Il dossier annuale Mal’aria di Legambiente sull’inquinamento atmosferico nelle città lombarde conferma un quadro drammatico a causa dell'NOx (Ossidi di azoto) e i suoi “fratelli”: ozono in estate e polveri secondarie in inverno. A Milano, nel 2018, i giorni di superamento dei limiti sono stati 135, ovvero oltre un giorno su tre. Peggio è andata per gli abitanti di Brescia, in testa alla classifica con 150 giorni, seguita da Lodi (149) e Monza (140). 
In particolare, per quanto riguarda i valori di Pm10, Lodi (centralina Vignati) guida la classifica delle città lombarde che hanno oltrepassato il limite quotidiano -fis­sato come media per legge a 50 μg/mc- per ben 78 giorni, seguita da Milano (centralina viale Marche) per 74 giorni: siamo a oltre il doppio del limite dei 35 giorni l’anno “consentiti” dalle norme vigenti. Nemmeno i mesi estivi, meno colpiti dalle concentrazioni delle polveri, hanno mostrato segnali positivi: l’ozono troposferico -un inquinante secondario che si forma per reazioni fotochimiche a partire da inquinanti precursori quali gli Ossidi di azoto e i composti organici volatili (VOC) - nei capoluoghi di provincia ha superato i limiti di legge, con in testa Brescia (con 103 giorni rispetto ai 25 consentiti) tra le città peggiori per questo inquinante.
Ricordiamo che ogni anno in Europa, stando ai dati dell’Agenzia Europea per l’ambiente, sono oltre 422mila le morti premature all’anno per inquinamento atmosferico e l’Italia si colloca tra i paesi con più decessi in rapporto alla popolazione, pari a più di 60.600 nel solo 2015, di cui 20.500 riconducibili al Biossido di Azoto, mentre 3.200 sono legate ad alte concentrazioni di Ozono (O3).

Cause e rimedi per respirare più pulito

Seppur la media annuale sia migliorata nell’ultimo decennio, restano elevati i picchi di concentrazioni di polveri sottili e ozono, che rendono l’aria irrespirabile nella maggior parte dei mesi invernali ed estivi. Secondo quanto dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia “tra le principali fonti di emissione figurano il traffico, con l’auto privata, che continua d essere di gran lunga il mezzo più utilizzato, il riscaldamento domestico, le industrie e le pratiche agricole. Inoltre, continua a pesare la mancanza di un’efficace strategia antismog. 

Occorre ridurre il traffico motorizzato privato e cambiare la mobilità urbana incentivando il trasporto pubblico locale, su ferro e lo sharing”. 

Oggi la sfida per Regione Lombardia deve essere quella di ridurre il tasso di motorizzazione e di fare della mobilità sostenibile il motore del cambiamento. È necessario ripensare le città per le persone, non per le auto, con regolamenti che disincentivino l’uso delle automobili, incentivando davvero la mobilità sostenibile, potenziando il trasporto pubblico locale, urbano e pendolare e prevedendo reti ciclabili che attraversino nelle diverse direttrici i centri urbani, prendendo esempio dalle maggiori città europee che si muovono in questa direzione già da tempo. “Come sta avvenendo a Milano, per esempio, una città dove già oggi il 50% degli abitanti usa i mezzi pubblici, cammina e pedala e l’esperienza dell’Area C ha condotto all’introduzione da quest’anno di una più vasta zona a emissioni limitate (Low Emission Zone) l’area B, con pedaggi per l’ingresso ai veicoli più inquinanti.

Per uscire dall’emergenza cronica dello smog occorre che le città redigano PUMS ambiziosi ripensando l’uso di strade, piazze e spazi pubblici, creando ampie “zone 30” e prevedendo nuove aree verdi nei centri urbani”conclude Meggetto.

Leggi tutto...

Log in to comment

Stop al consumo di suolo: Ovvio, altrimenti mangeremo solo cemento

Regione Lombardia: “entro il 2050 stop al consumo di suolo”
Ovvio, altrimenti mangeremo solo cemento


20 dicembre 2018. Riduzione del consumo di suolo agricolo e riqualificazione delle aree dismesse e degradate. Sono questi i capisaldi dell’Integrazione al Ptr, Piano territoriale regionale della Lombardia, approvato lo scorso agosto. L’adozione definitiva del documento, che porterà la Lombardia “a essere la prima Regione italiana ad aver adottato uno strumento urbanistico che recepisce le linee guida della Ue sull’azzeramento del consumo di suolo entro i prossimi trent’anni, spetterà al Consiglio regionale ed è prevista entro la fine del 2018”. Beh, noi abbiamo cercato a lungo nel sito della Regione, ma dell’adozione dello stop al consumo di suolo in Lombardia entro il 2050 non abbiamo trovato traccia (ma siamo solo al 20 di dicembre).
E, comunque, se 30 anni per continuare a depredare il suolo vi sembrano pochi… basti vedere la sequenza di immagini realizzate da Legambiente e Coldiretti per capire la voracità con cui la nostra regione inghiotte ettari di agricoltura.

Leggi tutto...

Log in to comment

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi