Va a rifornirsi di sigarette e viene rapinato. Brutta avventura per un tabaccaio della zona, rimasto vittima di tre malviventi dopo aver fatto il pieno di stecche ai Monopoli di Stato di San Donato Milanese. L’uomo è stato derubato anche dell’auto, oltre che delle «bionde».
L’episodio risale a lunedì, quando il malcapitato è uscito dal deposito dei tabacchi di via Parri, dove aveva fatto rifornimento per il proprio locale.

Tre uomini a volto coperto, che probabilmente lo avevano seguito, gli hanno lasciato appena il tempo di risalire in auto e percorrere alcune centinaia di metri, prima di sbarrargli la strada con un furgone e costringerlo a fermarsi. I tre, armati di pistola, hanno avvicinato la vittima e, minacciandola, l’hanno convinta a consegnare l’auto con l’intero contenuto.

Con un bottino formato da una Station wagon e dieci scatoloni di stecche, i malviventi sono riusciti a fuggire e a far perdere le tracce. Il malcapitato ha denunciato il fatto ai carabinieri della compagnia di San Donato Milanese, che hanno subito avviato le indagini. In queste ore i militari stanno cercando di raccogliere indizi e testimonianze utili a rintracciare i colpevoli. Le verifiche procedono a 360 gradi. 

Il Monopolio di Stato di San Donato era tornato in primo piano anche nell’ottobre del 2012. Due maghrebini, al servizio di una ditta di Novate Milanese, avevano raccontato ai carabinieri di essere stati fermati e sequestrati da due finti poliziotti, dopo essere usciti dallo spaccio e aver riposto il carico di sigarette sul camion dell’azienda. Le vittime erano state poi rilasciate a Cesano Maderno, in Brianza, mentre i banditi si erano dileguati con il veicolo e il carico. I militari avevano avviato le ricerche, anche se il racconto dei due maghrebini aveva sollevato alcuni dubbi.

 

Log in to comment