Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

dieci i tentativi di sgombero dei nomadi
In due anni effettuati dieci sgomberi, ma i nomadi di San Donato tornano puntualmente.

Svariati i tentativi già effettuati dalla polizia locale

Non sembra esservi soluzione all’invasione di nomadi lungo la tangenziale, accampati davanti all’area di rifornimento “Esso”, visto che negli ultimi due anni sono già stati eseguiti dieci sgomberi dalla polizia locale di Milano, con il supporto della polizia stradale, tutti senza successo visto che nel giro di poco tempo i nomadi tornano.

Nel 2012 gli agenti sono intervenuti ben sei volte, nel 2013 altre cinque allontanando gli abusivi dalla strada.

Una problematica che ha suscitato l’interesse da parte delle autorità, trattandosi di una problematica sia sanitaria che di sicurezza. Infatti ricordiamo che i nomadi attraversano a tutte le ore la tangenziale creando pericoli per se stessi e per gli automobilisti, senza contare i gruppi sempre più numerosi in cui si muovono facendo spola tra il centro abitato e i campi.

Log in to comment

Inviato: 14/02/2014 12:14 da Mirco Rainoldi #1466
Avatar di Mirco Rainoldi
Il regolamento approvato, già nel 2003, dal Comune di Parma è certamente uno sforzo più che meritorio per cercare di risolvere un tema sempre attuale relativo alla permanenza sul territorio di famiglie nomadi. Tuttavia ci sono alcuni passaggi significativi nel regolamento che limitano la fruizione dell'area attrezzata, termine che sicuramente in questo caso è corretto. Per un dettaglio complessivo di detti limiti ti rimando alla lettura degli art. 4, 5 e 9 del regolamento che hai allegato.
Cito solo alcuni vincoli tra i più significativi indicati:
  • devono essere in possesso di permesso di soggiorno che consenta lo svolgimento di regolare attività lavorativa;
  • per i richiedenti asilo politico che ne siano ugualmente in possesso devono essere inseriti in progetti di borsa lavoro al momento dell’ingresso nell’area di sosta.
  • devono sostenere un canone mensile stabilito per l’utilizzo della piazzola e dei servizi del campo, all’onere derivante dalle utenze per i consumi familiari, a quello derivante dall’importo della tassa rifiuti;
  • devono assolvere e a mantenere fede agli obblighi assunti per l’accesso all’area attrezzata;
Mi pare comunque che anche il Comune di Milano, ancor prima dell'era Pisapia, abbia tentato di intraprendere una strada più o meno simile. Tuttavia i nomadi che rientrano in questi limiti (che forse assomigliano di più a quelli di un campeggio classico) probabilmente sono solo una piccola minoranza rispetto a tutti quelli presenti sul territorio. In sostanza la soluzione del fenomeno non può essere ricondotta esclusivamente ad una messa a disposizione di "aree attrezzate".
Da ultimo che gli accampamenti in questione siano sul territorio del Comune di Milano o di quello di San Donato poco importa, il tema relativo alla loro sicurezza ed a quella degli automobilisti rimane.
Inviato: 14/02/2014 07:04 da Giorgio Soave #1461
Avatar di Giorgio Soave
C'è un dettaglio: quell'area di cui parli è nel comune di Milano.
E forse lo è anche l'altro insediamento abusivo vicino al McDonald's.
Se questo è vero, è un problema che deve risolvere l'amministrazione milanese.

Comunque sia,il problema degli attraversamenti si potrebbe risolvere recintando quei tratti di strada con reti (destinate, immagino, a venire subito tagliate per creare dei varchi, perchè gli uomini a differenza degli animali non si rassegnano a venire rinchiusi).

Ma perchè metti tra virgolette l'espressione "aree attrezzate" ? E' proprio così che si chiamano, o più per esteso "aree di sosta attrezzate per nomadi". Ti sembra strano che esistono aree di sosta per nomadi e che, ovviamente, vengano attrezzate di servizi elementari come qualunque area per il campeggio ?
Nel regolamento dell'area attrezzata di Parma, per fare un esempio, sta scritto:
www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&s...vm=bv.61190604,d.Yms

"ART. 2 – Strutturazione dell’area
1. L’area attrezzata è strutturata in un numero massimo di dodici piazzole di sosta, ciascuna delle quali destinata ad un nucleo familiare con almeno un componente maggiorenne, autorizzato ai sensi dell’art. 3 del presente regolamento.
2. All’interno della stessa i nuclei familiari accolti possono essere separati per nazione di appartenenza.
3. In ogni piazzola, fornita di allaccio acqua ed energia elettrica indipendente, trova sistemazione una roulotte. Ogni nucleo familiare ha l’accesso ad un proprio servizio igienico dotato di doccia, lavabo, water, di un lavatoio per la biancheria ed un adeguato spazio per la lavatrice. Per famiglie molto numerose potranno essere assegnate fino a n.2 piazzole.
4. All’interno dell’area sono previsti spazi comuni e strutture destinate all’attività socio-educative e comunitarie."

Ecco, questa è un'area attrezzata da un Comune che si occupa in modo serio dei problemi pratici legati allo spostamento dei nomadi. Non come il comune di Milano che concede degli spazi privi di attrezzature, non come il ricco e civile Comune di San Donato che cerca solo di tenerli lontani vietando il libero accampamento e tanto meno prevedendo aree attrezzate.
Inviato: 13/02/2014 19:03 da Mirco Rainoldi #1457
Avatar di Mirco Rainoldi
Giorgio Soave ha scritto:
Sono state emesse ordinanze di divieto di accampamento libero, che permettono di allontanare legalmente i nomadi. Ma visto che da qualche parte devono stare, si accampano dove possono e ci restano finché vengono cacciati. Non mi pare una soluzione efficace né umana.
Naturalmente a nessuno viene in mente di predisporre delle aree attrezzate, abbastanza distanti dall'autostrada...

Giorgio, mi pare che le "aree attrezzate", come dici tu, ci sono. Vicino al ristorante 2 Orsi a San Martino sulla Via Rogoredo ad esempio è da molto tempo che c'è un insediamento autorizzato con tanto di galline che razzolano nel prato antistante. Forse il problema è più legato alla difficile gestione della convivenza tra nomadi che provengono da paesi diversi. Giusto ieri sono passato in auto in tangenziale e ho notato che all'interno dello spartitraffico centrale tra il Mc Donald ed il distributore di benzina ci sono ancora diverse tende "abitate" e tanta immondizia. Gli attraversamenti pedonali della tangenziale, come ormai da diversi anni a questa parte, continuano quotidianamente. Chi di dovere non dovrebbe aspettare un incidente per trovare soluzione a questa situazione pericolosissima non solo per i nomadi, ma anche per gli automobilisti.
Inviato: 12/02/2014 18:32 da Giorgio Soave #1443
Avatar di Giorgio Soave
Sono state emesse ordinanze di divieto di accampamento libero, che permettono di allontanare legalmente i nomadi. Ma visto che da qualche parte devono stare, si accampano dove possono e ci restano finché vengono cacciati. Non mi pare una soluzione efficace né umana.
Naturalmente a nessuno viene in mente di predisporre delle aree attrezzate, abbastanza distanti dall'autostrada...

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi