Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

 

Siamo arrivati al dunque: tra poco scatteranno anche nella nostra città le multe per chi non ricicla a dovere.

Ispettori di AMSA frugheranno tra i nostri rifiuti e, se non saranno correttamente differenziati, fioccheranno le sanzioni. Nascono già due fazioni, che si contrappongono anche in diversi gruppi su Facebook: coloro che sono favorevoli (“multare è l’unico modo per far rispettare le leggi, bisogna toccare tutti nel portafoglio”) e chi è invece contrario (“impossibile stabilire a chi appartengono i rifiuti, ci sarà sempre il furbo che getterà il suo sacchetto nel cassonetto di qualcun’altro”). Naturalmente il secondo gruppo appare più nutrito, le multe vengono percepite come l’ultima delle infinite vessazioni alle quali è sottoposto quotidianamente il cittadino.

Altro argomento importante per chi è contrario è la difficoltà ad eseguire una corretta differenziazione dei rifiuti da parte di persone anziane o troppo giovani, oppure straniere e quindi meno informate a causa della differenza di linguaggio. A questo proposito stanno cominciando ad essere affissi anche a Certosa i cartelli multilingue che il Comitato Di Vittorio/Parri/Certosa ha predisposto (con la “benedizione” del Comune) per informare meglio i cittadini sul servizio di raccolta degli ingombranti a domicilio. Se infatti nel nostro Comune la differenziata si ferma solo al 50%, parallelamente prosegue la cattiva abitudine di disfarsi dei rifiuti ingombranti gettandoli per strada. Raramente questi “ecofurbi” vengono colti in flagrante e multati, purtroppo. il Comitato ha deciso di agire sul fronte dell’informazione e noi di “Certosa Today” siamo in perfetta sintonia.

Le multe, a nostro avviso, andrebbero bene solo dopo un periodo di intensa campagna informativa da parte del Comune e di educazione (nelle scuole, nei luoghi di ritrovo, ecc.) e unite almeno ad un sistema di identificazione certa del sacco contenente gli scarti (per esempio utilizzando le chiusure con codice a barre che attribuisce il sacco a un preciso condominio o utente), altrimenti si rischia di sparare nel mucchio. Inoltre una politica repressiva andrebbe messa in atto solo dopo aver fatto di tutto per identificare non chi per sbaglio mette la scatoletta del tonno nella carta o butta nell’indifferenziato un Tetrapack riciclabile nella carta, ma chi getta per strada le macerie e i residui di lavori edili, gli oggetti sgomberati dalla cantina, i materassi vecchi. Se non si riescono a colpire questi che sono veri e propri delinquenti, con che spirito si andranno a multare condomini e villette che commettono errori nella differenziata? Con che animo si andranno a tartassare ancora di più i cittadini/contribuenti che già magari non riescono a pagare le spese di condominio? A noi sembra che si cerchi di passare dove l’acqua è bassa, come si suole dire, e che comunque a una politica basata sulla repressione sarebbe meglio sostituire o per lo meno affiancarne una basata sull’incentivazione. Premiare i comportamenti corretti, permettere di guadagnare qualcosa in prima persona recuperando i rifiuti, invoglierebbe le persone a non disfarsi in modo sconsiderato dei propri rifiuti. Ma le nostre sono parole al vento, dato che sembra che l’Assessore alla partita, Andrea Battocchio, sia ben intenzionato a seguire la linea della repressione pura e semplice. 

 

Log in to comment

Inviato: 30/01/2014 16:51 da Luca Isabella #1356
Avatar di Luca Isabella
A parte la dubbia applicabilità della multa, è proprio sbagliata la logica e il processo.

In Germania, l'Eden della raccolta differenziata, ci sono i raccoglitori di quartiere per tutti i tipi di rifiuto. Inoltre, la nettezza urbana entra nel portone e recupera i rifiuti nelle aree private, non c'è un sacco nel suolo pubblico. In un sistema ben organizzato, puoi anche prevedere sanzioni.

Se poi devo aggiungere il mio punto di vista, se si chiede precisione, bisogna anche dare precisione. A parte quanto ho scritto nel precedente post, la raccolta dei sacchi viene fatta in modo assolutamente approssimativo. Dopo il loro passaggio c'è una scia di cartacce e immondizia. Gli orari di raccolta sono imprevedibili, quindi i sacchi stazionano in strada anche fino alla mattina dopo.

Come si fa in questo contesto a dare una sanzione proprio non lo so. E - oggettivamente - sarebbero interessanti anche delle controsanzioni: la raccolta viene fatta male e lascia immondizia ovunque? Il condominio sanziona il Comune.

Eccheccavolo, solo noi dobbiamo pagare? La responsabilità vale per tutti!
Inviato: 30/01/2014 12:45 da Gianfranco Coribello #1354
Avatar di Gianfranco Coribello
Il 25/10/13 l’amministratore ci comunica che è stata notificata dalla PL una sanzione pecuniaria per l’errata esposizione dei rifiuti fuori dagli orari consentiti....in data.... 6 agosto 2013.....ed esattamente 2 sacchi di colore verde? 1 di colore marrone? E 3 neri.
Il tutto con verbale di accertamento di violazione amministrativa conferimento rifiuti.

Il 6 agosto....

Già il colore dei sacchi avrebbe dovuto far pensare qualcosa di anomalo. Io non sò il 6 di agosto quante famiglie su 12 fossero presenti e chi presente non aspettassero agosto per trasgredire....

Però sappiamo che spesso alcuni si fermano sul ciglio della strada e scaricano dall’auto rifiuti nello spazio dove c’erano gli ex bidoni con pedale, se non li buttano al “volo”.
Sappiamo che dalla stessa posizione per 2 volte ci hanno rubato il bidone bianco della carta (che non costa poco).

Domanda: Perchè i sacchi non sono stati aperti, come succede in altri comuni, per cercare elementi di identificazione come fanno altri comuni e poi sanzionare pesantemente il responsabile? Un lavoro troppo sporco? Meglio colpire nel mucchio e incassare? Perchè davanti al condominio, non significa del condominio.

Certo le isole ecologiche telesorvegliate avrebbero potuto aiutare, i soldi li abbiamo messi, le isole non ci sono e dei soldi non si sà più nulla.

gf
=====
Inviato: 30/01/2014 12:44 da Roberto Gambetti #1353
Avatar di Roberto Gambetti
Lucas, grazie per le informazioni .
Mi sorge un dubbio i rifiuti sono un problema/costo oppure un opportunità/ricavi i ?
In Italia mi pare che smaltire dei rifiuti è stato spesso una fonte di profitti illeciti a discapito del territorio....o sbaglio ?
Io come cittadino non mi indigno se pago per smaltire dei rifiuti attraverso un sistema di riciclo virtuoso, mi indigno quando scopro che i rifiuti sono stati interrati da qualche parte..... esempio terra dei fuochi
Da qualche parte dovremo pure iniziare ? mi fa specie che per far rispettare dei comportamenti che appaiano banali si debba ricorrere a obblighi, leggi e quindi sanzioni.
Mi verrebbe da dirti Benvenuti nel Bel Paese.
Saluti
Inviato: 30/01/2014 11:51 da Lucas Bregonzio #1352
Avatar di Lucas Bregonzio
Credo anche io che punire, sia la strada sbagliata. Era meglio premiare i virtuosi. Ma c'è un problema.

I rifiuti differenziati vengono venduti. E chi li vende guadagna. Quindi se ci comportiamo bene e facciamo una migliore differenziata, il venditore guadagna di più. E sarebbe invogliato a premiare i virtuosi. Ma ho scoperto che
1) il comune paga AMSA per la raccolta differenziata (sono soldi nostri)
2) AMSA raccoglie i rifiuti e li vende e si tiene il guadagno.... (sarebbero soldi nostri).

AMSA non ha interesse a premiarci...tanto i soldi li prende dal Comune.

Chiederò però che i proventi delle multe vadano a compensare i costi che il comune paga ad AMSA. Cioè... se il comune ricava 1000 euro dalle multe, quei 1000 euro serviranno a ridurre il peso della tassa rifiuti, non a pagare il riscaldamento della materna.
Ciò premesso. Il mio condominio espone i bidoni dell'umido (che presenta spesso anomalie), carta (sempre regolare), vetro e metallo (sempre regolari). Su questi bidoni, esposti collettivamente, la multa ci sta..... ma chiederò alla prossima assemblea che l'addetto non esponga i bidoni mal assortiti....

Per quanto riguarda la raccolta "indifferenziata" e la "plastica" ognuno di noi porta in strada il sacco. Su questi rifiuti esigerò che la multa sia inflitta al titolare del sacco e non al condominio. Chiederò quindi all'amministratore di non pagare multe relative a queste due frazioni. Se lo farà, entrerò in conflitto con il condominio trattendendo la quota dalle spese condominiali.
Inviato: 30/01/2014 11:24 da Roberto Gambetti #1351
Avatar di Roberto Gambetti
Andrea, grazie per la conferma.
Non devi chiedere venia , e soprattutto a me .....sono un cittadino di SDM ...... conto = 1
Saluti
Inviato: 30/01/2014 11:10 da Andrea Ardemani #1350
Avatar di Andrea Ardemani
Ho letto solo adesso la notizia linkata nel primo post!
Chiedo venia!
Inviato: 30/01/2014 10:55 da Roberto Gambetti #1349
Avatar di Roberto Gambetti
Andrea, non ne sono certo ma credo che sia già in programma a breve.....io sono un semplice cittadino....la Tua domanda puoi inviarla all'ufficio/ assessore preposto ?
Saluti
Inviato: 30/01/2014 10:50 da Andrea Ardemani #1348
Avatar di Andrea Ardemani
Ma dotare ogni nucleo familiare di n° sacchetti numerati per la raccolta della differenziata?
Inviato: 30/01/2014 09:02 da Roberto Gambetti #1346
Avatar di Roberto Gambetti
Giorgio, concordo al 100% e aggiungo che i comportamenti individuali ed il senso civico fanno la differenza.
Prima di dover raccoglierla non gettiamo la spazzatura dappertutto !!!!
Saluti
Inviato: 30/01/2014 07:45 da Luca Isabella #1345
Avatar di Luca Isabella
Giorgio Soave ha scritto:
E' più produttivo passare spesso a levare i rifiuti dispersi, perchè una città pulita non incoraggia il disordine.

Concordo al 100%
Inviato: 30/01/2014 06:34 da Giorgio Soave #1342
Avatar di Giorgio Soave
Strade mantenute lisce, senza buche, e sgombre da rifiuti darebbero un'immagine di efficienza e cura della cosa pubblica molto più fruttuosa in termini di consenso di tanti milioni spesi in qualche opera faraonica.
Detto questo, è un fatto che la crisi economica permanente sta producendo un degrado progressivo nell'ambiente e nel senso civico dei cittadini. E' inutile ipotizzare costosi rimedi elettronici; se qualuno vuole buttare i suoi rifiuti dove non si deve lo farà sempre, finchè non sarà colto in flagrante. E' più produttivo passare spesso a levare i rifiuti dispersi, perchè una città pulita non incoraggia il disordine.
Inviato: 29/01/2014 18:31 da Luca Isabella #1339
Avatar di Luca Isabella
E' un tema difficile da trattare. Fino a quando non c'è un meccanismo che permetta di identificare con certezza i trasgressori, è appunto difficile prevedere una pena...

In ogni caso, potrebbe essere utile una verifica a campione e quindi informare i condomini verificati di quanto risulta, in modo che hanno la possibilità di prendere misure correttive.

Però, vedendo quanto accade in zona, credo che sia un problema soprattutto culturale. Alcuni condomini ben precisi non rispettano le minime regole civili della gestione dei rifiuti, figuriamoci la differenziata. Aggiungerei anche un parametro di contesto: da quando la pulizia urbana è passata all'Amsa, mi sembra crollata verticalmente. Ci sono rifiuti e cartacce ovunque. L'area boschiva a lato del Viale De Gasperi che finisce nel parco tre palle è un immondezzaio, ma anche le aree più urbanizzate non sono da meno. Che ne dite se organizziamo una battuta di pulizia del parco in un weekend. Ci dotiamo di sacchi neri, guanti e ripuliamo tutto. Potrebbe essere un sabato mattina, secondo me ci si diverte pure.

Certo, amareggia il fatto che non si riesca a tener pulita una cittadina con i servizi collettivi normali. Ma purtroppo, così sembra e quindi, dove non riesce la politica, possono riuscirci i cittadini, dimostrando che con un po' di buona volontà si può tutto.

Ho un sentimento misto verso questa amministrazione comunale. Alcuni degli assessori li conosco e sono persone brave e competenti. Eppure certe cose non le riesco a spiegare. Ad esempio, i ripristini stradali. Già la rete stradale è a pezzi, con punti anche assai pericolosi. A questi si aggiungono i ripristini malfatti di terzi, come le opere del teleriscaldamento in via Kennedy e Triulziana: sono allucinanti. Ma anche quanto fatto la scorsa settimana in viale De Gasperi di fronte all'area di prossima costruzione del nuovo palazzo uffici è allucinante: buche alte anche 10 cm lasciate lì, senza segnalazione. I casi sono due: o nessuno del Comune controlla, o questi terzi hanno dato dei fondi al Comune per il ripristino definitivo e se li sono fumati. Veramente, non capisco.
Inviato: 29/01/2014 18:10 da Marcello Tarabbia #1337
Avatar di Marcello Tarabbia
Personalmente credo molto nella pratica della raccolta differenziata e la eseguo con grande rigore, quindi in linea di principio sarei anche d'accordo ad avere la mano pesante con i trasgressori, quello che trovo paradossale è che io debba pagare per loro qualora il mio condominio venisse multato.

Quando butto l'umido, per esempio, spesso vedo cose inconcepibili, ormai sono giunto alla conclusione che alcuni buttino i propri rifiuti interamente indifferenziati quotidianamente nel bidone dell'umido solo perché è quello sempre disponibile e perché non se li vogliono tenere in casa, anche nei bidoni del vetro e della carta vedo spesso (forse meno spesso) materiali che non c'entrano proprio.

Quello che non capisco è: perché se uno non ha voglia di fare la raccolta differenziata non si limita a fare un grande sacco nero e buttarci dentro tutto ? Perché deve andare a rovinare la differenziata che fanno gli altri ? Io nei confronti questa gente ribadisco che sarei assolutamente per la mano pesante !

Sostanzialmente il problema di base è che se non si controllano ed eventualmente puniscono i singoli si commette un'ingiustizia e non si ottiene nulla perché chi se ne frega della differenziata se ne frega anche della multa condominiale, tanto si divide.

Penso anch'io che si debba lavorare per creare un sistema diverso, dove per accedere ai contenitori della differenziata ci si debba identificare e che permetta la tracciabilità di ogni sacco conferito, chi non ha voglia faccia il sacco nero e butti tutto li; in un conteso del genere anche i premi e gli incentivi avrebbero un senso diverso perché sarebbe più facile per esempio far pagare eventuali tasse sui rifiuti secondo fasce diverse visto che si saprebbe chi differenzia (quanto e come) e chi no.
Inviato: 29/01/2014 17:23 da Mirco Rainoldi #1336
Avatar di Mirco Rainoldi
Filippo Pisoni ha scritto:
E' vero...
La stragrande maggioranza dei condomini, espone sulla pubblica via ipropri raccoglitori per la differenziata.
Un passante "distratto" come uno volutamente malintenzionato, rovescia un sacco di rifiuti misti nel bidone dell'umido.
Risultato: il condominio viene multato per inosservanza/errore sulla raccolta differenziata.

Come è dimostrabile che la raccolta mal eseguita sia colpa del condominio oppure sia da imputare ad un episodio "esterno"?
Personalmente, qualora una sanzione venisse comminata al mio condominio, se non dimostrerà palesemente ed incontestabilmente l'effettivo errore commesso, non pagherò.

Basterebbe dotare ogni famiglia di una tessera o chiavetta elettronica che riconosca l'utente e consenta l'apertura del contenitore per il conferimento differenziato dei rifiuti. La chiavetta elettronica deve consentire esclusivamente l'apertura dei contenitori dell'isola ecologica (es. isola condominiale) assegnata alle specifiche utenze di appartenenza (singolo condomino). In questo caso sarebbe molto più semplice tracciare ciascun conferimento. Vi sono numerosi esempi di questa modalità già operativi sia all'estero che in Italia. Un'esperienza indubbiamente positiva è quella già sperimentata da Hera in alcuni comuni emiliano/romagnoli (vedi link). Per cui più che le multe sarebbe bene che l'Amministrazione Comunale concordasse con AMSA strumenti di controllo al passo con le tecnologie attualmente disponibili e non dei sistemi punitivi peraltro con difficoltà di individuazione degli effettivi trasgressori che comporterebbero sicuramente contestazioni a non finire.

www.gruppohera.it/gruppo/com_media/dossi...ticoli/pagina39.html
Inviato: 29/01/2014 13:25 da Filippo Pisoni #1335
Avatar di Filippo Pisoni
E' vero...
La stragrande maggioranza dei condomini, espone sulla pubblica via ipropri raccoglitori per la differenziata.
Un passante "distratto" come uno volutamente malintenzionato, rovescia un sacco di rifiuti misti nel bidone dell'umido.
Risultato: il condominio viene multato per inosservanza/errore sulla raccolta differenziata.

Come è dimostrabile che la raccolta mal eseguita sia colpa del condominio oppure sia da imputare ad un episodio "esterno"?
Personalmente, qualora una sanzione venisse comminata al mio condominio, se non dimostrerà palesemente ed incontestabilmente l'effettivo errore commesso, non pagherò.

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi