SANDOLAB ESCE DALLA MAGGIORANZA
 
Non si viveva poi così bene in Italia, non ci hanno lasciato cambiare niente... e allora gli ho detto: avete vinto voi, ma almeno non riuscirete a considerarmi vostro complice; così gli ho detto, e son tornato qui” (Mediterraneo, diretto da G.Salvatores,1991)
 
E’ con questa citazione che vogliamo comunicare a coloro che ci hanno sostenuto che Sandolab non può più essere parte della coalizione che governa la nostra città.
 
Questa decisione deriva dalla presa di coscienza che la nostra azione politica non può più giocarsi all’interno di questa maggioranza.
Due anni fa, candidandoci con @PdSanDonatomilanese e @Noiperlacittà, abbiamo visto l’occasione di rappresentare un’anima politica nuova e differente, in termini generazionali, di contenuto e modalità, all’interno di una coalizione che ci appariva vicina, coerentemente con quanto il programma elettorale che avevamo condiviso prometteva.
Questa occasione ci è stata negata una prima volta dalla decisione del Sindaco Andrea Checchi di escluderci dalla formazione della neo-giunta. Abbiamo accettato tale scelta, ritenendo comunque di poter provare a dare il nostro contributo portando proposte all’interno della maggioranza e continuando l’attività di laboratorio politico sul territorio.
Ad oggi, il recente “rimpasto di giunta” esclude entrambe le liste civiche e lascia alla città un’amministrazione in cui l’unica forza politica rappresentata è il Pd. Tale conformazione, che premia l’autoreferenzialità a scapito del pluralismo, ci trova fortemente in disaccordo. Questa scelta conferma la mancata considerazione del principio di equa rappresentanza di tutte e tre le forze politiche di maggioranza che il rispetto del voto delle cittadine e dei cittadini meriterebbe e incrina irrecuperabilmente i rapporti di stima e fiducia reciproci. Rende inoltre evidente la volontà di non lasciare che i giovani abbiano spazio all’interno dei luoghi decisionali, in cui si esercita il potere politico, e il non voler provare a spendersi ed investire nella formazione di ragazze e ragazzi che si sono messi in gioco per la propria città. Soprattutto questa scelta ci dà la sensazione che quell’idea di comunità plurale, inclusiva e solidale che aveva animato la nostra campagna elettorale non sia più così preziosa, ed è meglio prendere atto che sono altri i principi a cui fa riferimento questa coalizione ora.
 
La conclusione di questo percorso, per quanto ci abbia deluso e ci lasci umanamente amareggiati, non spegne il nostro entusiasmo, la nostra voglia di fare politica e di farla nella nostra città, ma ne sposta soltanto il campo d’azione. Sandolab continuerà a esistere come laboratorio politico permanente per diffondere contenuti, ascoltare idee e proposte e creare una cittadinanza attiva. Per tornare chissà, tra qualche anno, più forti e numerosi/e di prima!

*Per maggiori dettagli rimandiamo al nostro comunicato di luglio:https://www.facebook.com/labsando/posts/741119692970569? tn =K-R. Chiunque abbia voglia di avere spiegazioni più approfondite di questa scelta/percorso può contattarci: rimaniamo disponibilissimi al confronto. A presto!



Per i lettori di RecSando che non sono iscritti a facebook rimandiamo all'articolo presente qui nella rete civica.
Rimpasto di Giunta: La Posizione di Sando Lab

 
Log in to comment