'> '>

 

Tre nuove foreste nel sud Milano
Obiettivo valorizzare le rive del Lambro e farle conoscere, interessate anche Levadina e la zona fra Eni e Paullese.

Tre nuove foreste sul territorio con una svolta anche per la zone che unisce San Donato a San Giuliano candidate ad ospitare una serie di esemplari arborei autoctoni.

Per raggiungere questo obiettivo l’esecutivo sandonatese ha aderito al bando della Provincia di Milano che mette a disposizione finanziamenti per progetti di forestazione urbana. Le aree candidate ad ospitare queste nuove piantumazioni sono: Levadina, lungo le rive del Lambro, lo spazio di oltre 18mila metri quadrati più a sud che si estende tra la Paullese e i laboratori dell’Eni, sempre in prossimità del fiume che attraversa il sud Milano e lo spazio a ridosso del comparto urbano che collega i due comuni limitrofi dove da anni è prevista la realizzazione di un grande parco.

 

Log in to comment

Inviato: 22/12/2013 08:24 da Giorgio Soave #912
Avatar di Giorgio Soave
Fornisco qui un'immagine della zona presa da Google Maps. E' evidente che a fronte dellepoche centinaia di metri fra le Cort Borromee e la via Maritano, è necessario un percorso di parecchi chilometri fino alla Paullese e poi fino a via Moro e via De Gasperi per arrivare a via Maritano
Questa immagine è nascosta ai visitatori. Prego accedi o registrati per visualizzarli.
Inviato: 22/12/2013 07:07 da Giorgio Soave #911
Avatar di Giorgio Soave
Meno male che qualcuno se ne ricorda !
Mi pare anche di ricordare che qualcuno tempo fa scriveva di un finanziamento che il centro Corti Borromee (oggi penalizzato dalla difficoltàdi accesso da/a San Donato) era disponibile a fonire per migliorre i collegamenti.
Purtroppo mi pare che qualunque ponte sul Lambro che colleghi San Donato alla via cieca che passa davanti alle Corti Borromee rischierebbe di peggiorare la viabilità già asfittica di San Donato. Un ponte che partisse dall'estremità della via cieca per arrivare ai campi dietro i nuovi laboratori e poi in via Monticello strozzerebbe definitivamente questa via già insufficiente (che lo sarà ancora di più dopo la realizzazione del nuovo insediamento alle cascine Monticello).
Sarebbe meglio partire da più vicino alla Paullese, all'altezza di via Gela, pure insufficiente ma almeno con sbocco su via Maritano e poi su via DeGasperi (e forse scaricherebbe un po' anche la via Monticello).
Il pericolo è che parte del traffico dalla Paullese si riversi sulla nuova via, forse è proprio per questo che non si fa niente, preferndo che tutto il traffico "estraneo" resti a intasare la via Monticello.
Credo che la chiave delproblema sia la via Emilia, troppo strozzata dai semafori di San Giuliano che obblgano chi arriva da Melegnano a buttarsi verso via Monticello.
Ci vorrebbe sulla via Emilia qualche rotatoria in più per fluidificare il traffico. Sempre che non finisca come la grande rotatoria di Melegnano, perennemente bloccata.
Inviato: 21/12/2013 19:34 da Luigi Verdicchio #910
Avatar di Luigi Verdicchio
Giorgio Soave ha scritto:
Visto che i futuri lavori sulla Paullese comporteranno quasi sicuramente la chiusura dei residui varchi verso San Donato, ad esclusione del groviglio finale di svincoli che già si è dimostrato insufficiente, perchè non pensare anche a un altro accesso a San Donato scavalcando il Lambro ?

Fai bene a sollevare l'argomento perché fin dai tempi della Giunta Achilli (fine anni '90) si era individuata quale soluzione per ridurre il traffico di attraversamento su Via Maritanto - Morandi e in vista dell'eliminazione dei semafori sulla paullese la realizzazione della bretella Peschiera / Ospedale / Via Emilia.
Durante la legislatura presieduta da Dompè sembrava confermato il progetto con l'indicazione anche degli stanziamenti spettanti alla provincia e ai tre comuni coinvolti. La provincia aveva anche l'incarico della progettazione dell'infrastruttura. Suppongo che, visto il tempo trascorso, il progetto esecutivo fosse già disponibile alla fine della legislatura.

Subito dopo l'insediamento, l'attuale Giunta ha dichiarato che la bretella avrebbe interessato il solo tratto Peschiera / rotonda dell'Ospedale.
Ma poi, poco più di un mese fa, si è sperimentata la soppressione dell'ingresso a San Donato di Via Gela / Maritano con l'intento di verificare la funzionalità di un solo accesso dalla all'altezza del terminal M3.
La sperimentazione sembra sia fallita e ora attendiamo di sapere se, oltre alla foresta tra i laboratori e monticello, si tornerà a prevedere il collegamento che tu ipotizzi.
Inviato: 20/12/2013 06:49 da Giorgio Soave #901
Avatar di Giorgio Soave
Visto che i futuri lavori sulla Paullese comporteranno quasi sicuramente la chiusura dei residui varchi verso San Donato, ad esclusione del groviglio finale di svincoli che già si è dimostrato insufficiente, perchè non pensare anche a un altro accesso a San Donato scavalcando il Lambro ?