Operai al lavoro per interventi di manutenzione ordinaria nelle aree ludiche cittadine. Obiettivo: garantire la sicurezza dei piccoli utenti e l’efficienza dei giochi

30mila euro per la sicurezza dei bambini e l’efficienza delle strutture ludiche. Nei parchi gioco della città sono in corso lavori di manutenzione ordinaria. Gli interventi giungono al termine di un monitoraggio accurato e capillare di tutte le 23 aree verdi pubbliche attrezzate. Negli scorsi mesi un tecnico esterno, come previsto dalla normativa UNI EN 1176, dopo aver ispezionato in loco gli spazi e le strutture comunali ha stilato un elenco di tutti gli interventi necessari per garantire un elevato livello di protezione dei piccoli utenti contro i rischi di infortunio durante il gioco.  
L’elenco su cui stanno lavorando gli operai della ditta incaricata per realizzare la manutenzione è eterogeneo. Tra le voci indicate figurano il serraggio, la sostituzione e integrazione degli elementi di fissaggio, la riverniciatura e il ritrattamento con materiali atossici delle superfici, la lubrificazione dei giunti, la sostituzione delle parti usurate e dei componenti strutturali difettosi. Gli interventi più consistenti riguarderanno i parchi giochi di via Jannozzi e via Venezia, dove saranno demolite e sostituite due altalene pericolanti.
 
«Usura, utilizzo improprio e atti di vandalismo – commenta l’Assessore all’arredo urbano Chiara Papetti – limitano la sicurezza e la fruibilità dei giochi presenti nelle tante aree ludiche cittadine. Gli interventi in corso d’opera consentono di garantire a centinaia di bambini spazi adeguati alle loro esigenze per trascorrere, ogni giorno, ore spensierate in compagnia degli amici. Resta, purtroppo, ancora aperta la “questione” del parco Tadini. La giostra bruciata dai vandali è già stata acquistata, ma la sua installazione impone il rifacimento della pavimentazione antitrauma, intervento assai oneroso. Sempre al Tadini, sono in via di soluzione i problemi con la ditta aggiudicataria dell’intervento per aggiungere giochi adatti ai bambini più grandi. Come promesso, avremmo voluto restituire agli utenti il parco ripristinato e ampliato già da tempo, ma la volontà amministrativa e gli interventi dei tecnici sono spesso rallentati da complicazioni burocratiche».

 

Log in to comment