Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Ballottaggio per San Donato Milanese tra Checchi e Mannucci






Fonte: Sito ufficiale del Comune di San Donato Milanese


Staff RecSando

Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint

Log in to comment

Inviato: 21/06/2017 17:28 da Renato Tramutoli #4430
Avatar di Renato Tramutoli
A proposito di partecipazione e democrazia , non per propaganda ma come contributo al dibattito ,
pubblico , pensando di fare cosa gradita solo agli interessati ,
il link della assemblea pubblica tenutasi a Roma il 18 Giugno 2017- che non ha avuto purtroppo molto risalto nei media
saluti


Assemblea Nazionale per la Democrazia e l’Uguaglianza-

cambiailmondo.org/2017/06/19/assemblea-n...nza-video-integrale/
Inviato: 17/06/2017 22:19 da Luciano Monti #4428
Avatar di Luciano Monti
Devo ammettere che ogni tanto mi viene da pensare: << meglio così, se a votare ci va solo la metà di quelli che ne avrebbero diritto significa che il mio voto vale il doppio>>.
Purtroppo questo è esattamente il contrario dello spirito di vita democratica e quindi capisco che è un pensiero profondamente sbagliato. A volte però la tentazione è forte.
Inviato: 17/06/2017 17:33 da Mirco Rainoldi #4427
Avatar di Mirco Rainoldi
Aggiungo che, salvo gravi impedimenti, chi non si reca alle urne non può poi accampare scuse o lamentarsi di come vanno le cose nella nostra Cittadina o nell'intero Paese. Ricordo che un insigne Professore universitario di Diritto Pubblico, sosteneva che chi senza giustificato motivo non vota firma una delega in bianco a favore di chi invece esprime la propria volontà amplificandone gli effetti. Praticamente oggi questo comportamento potremmo, in chiave contemporanea, chiamarlo "effetto Tafazi".

Questa immagine è nascosta ai visitatori. Prego accedi o registrati per visualizzarli.

.
Inviato: 16/06/2017 10:04 da Renato Tramutoli #4426
Avatar di Renato Tramutoli
Caro Luciano , mi riferivo infatti ai dati sull'astensione e non alla qualità dei programmi o dei candidati , sarebbe improbo esprimere un giudizio di merito su entrambi .
Chi non va a votare non si sogna certo di informarsi sui programmi o sulla preparazione , competenza e motivazioni dei candidati . Forse non lo fa nemmeno chi va a votare , lasciandosi orientare dalle facce raramente dalle proposte . Mi viene in mente la battutaccia del cinico Sgarbi , che certamente non condivido , secondo cui "in Italia , il voto è sempre di scambio" ..!
Credo quindi che il giudizio negativo e anche un po' " qualunquista " sulla politica e che prevale in generale , a livello nazionale ed anche locale , sia il frutto di anni di personalismi, leaderismi e fatalismi innaugurati e perpetrati in 20 anni di berlusconismo imperante col mito dell'uomo dei miracoli che ha fatto prevalere le " facce" o i "like" alle idee e ai programmi .
Se non si riesce ad uscire dal luogo comune conclamato e dal loop : " son tutti uguali , son tutti ladri , ecc" senza distinzioni , c'è da aspettarsi che la metà degli elettori non vada a votare . A queste amministrative infatti il dato è peggiorato del 10% rispetto alle analoghe del 2012 .
D'altra parte però a conferma che di crisi di credibilità della" politica " si tratta e non in generale dell'interesse per i principi e per i valori costituzionali , ci soccorre il dato confortante della partecipazione al referendum costituzionale del 4 dic. 16 , in assoluta controtendenza .
Troppo spesso da molte forze politiche ci si sente elencare una serie di problemi di cui ci si " indigna" facilmente e gratuitamente senza che nessuno riesca ad esprimere compiutamente una soluzione vera chiara credibile e realizzabile . In pratica si confondono continuamente i sintomi o gli effetti con la malattia o le cause . Ma tant'è questo serve solo a raccattare voti per il potere , non certo per governare e cercare di risolvere seriamente i problemi che affliggono questa nostra ingiusta e tormentata società ..
grazie Luciano , con amicizia ..
Inviato: 15/06/2017 19:44 da Luciano Monti #4425
Avatar di Luciano Monti
Renato, il tuo è un ragionamento di cui si potrebbe discutere se riferito alla politica nazionale.
Non sono invece d'accordo se riguarda le elezioni locali, perchè secondo me nei vari programmi presenti nelle diverse liste sandonatesi ci sono sia motivazioni, sia idee e proposte di cui vale la pena di discutere. E in più, comunque ognuno la pensi, sono presenti candidati che hanno tutte le caratteristiche per fare, come dici tu, <<...una politica seria, comprensibile, pulita, onesta...>>. Occorre fare uno sforzo per chiedere, leggere e informarsi.
A San Donato non mancano liste, programmi e persone fra cui scegliere i nostri rappresentanti per i prossimi 5 anni.
Inviato: 15/06/2017 19:17 da Luciano Monti #4424
Avatar di Luciano Monti
....<<....Infatti ,dopo aver ignorato le 2000 firme contro la chiusura della materna di Bolgiano e le 3000 contro lo spostamento del consultorio e il centro vaccinale, non si poteva immaginare più di tanta affezione al voto di tanti cittadini inascoltati e delusi....>>....
Non entro nel merito delle altre questioni da te sollevate, ma solo su questa tua correlazione fra la diminuzione dei votanti e le numerose firme ignorate.
In più di una lista elettorale erano presenti candidate/i che avevano promosso la raccolta di firme, quindi gli elettori, invece di astenersi e "andare al mare", avrebbero potuto scegliere queste persone per sostenere le loro proposte e dare il voto e preferenza a queste/i promotori, proprio per evidenziare il loro dissenso dalle scelte effettuate dall'amministrazione uscente. Quindi avevano la possibilità di scegliere. A mio parere la disaffezione al voto non è in proporzione alle firme raccolte, in quanto la delusione poteva esprimersi anche nel voto, non solo nel firmare una petizione.
Il calo dei votanti è purtroppo generalizzato in quasi tutta Italia e questo è in contrasto con il concetto stesso di "democrazia".
Inviato: 14/06/2017 19:11 da Renato Tramutoli #4423
Avatar di Renato Tramutoli
E così il sindaco dei 25.000 sandonatesi aventi diritto al voto sarà eletto da solo un quarto di essi.
A proposito di partecipazione Gaber cantava che “la libertà non è star sopra un albero”, ma deve essere frutto di una conquista, di un impegno quotidiano, insomma della “partecipazione”...
E’ vero, ma ci vuole una motivazione; e questo sarebbe il ruolo della vera, buona politica; lanciare idee, delineare programmi su cui valga
la pena di discutere, di cui ciascuno si senta parte attiva e non reciti la parte dell’escluso.
Insomma, la partecipazione – che è il sale della democrazia – ha bisogno di una politica seria, comprensibile, pulita, onesta.
E questo, come sappiamo, in Italia non c’è; c’è invece molto bisogno di una rigenerazione della buona politica, proprio per riavvicinare i cittadini alle Istituzioni ed alla politica stessa.
Inviato: 14/06/2017 14:14 da Mirco Rainoldi #4420
Avatar di Mirco Rainoldi
Il voto esteso anche al lunedì per cercare di limitare il fenomeno, ormai evidente da tanti anni, della disaffezione per il voto è a mio parere un falso problema. Chi desidera esercitare appieno il sacrosanto diritto di voto (conquistato soprattutto grazie al sacrificio di tanti che ci hanno preceduto e di molti nostri anziani connazionali ancora tra noi) trova sicuramente il tempo e soprattutto la voglia per recarsi alle urne anche solo la domenica. Chi non si reca al seggio lo fa per menefreghismo senza alcun alibi salvo poi continuare a lamentarsi in tutte le occasioni. Situazione ancora più evidente di questi tempi con il diffondersi dei cosiddetti social network dove, dietro l'anonimato di una tastiera e di uno schermo, si può criticare tutto e tutti con sterili polemiche che non portano da nessuna parte. A mio modesto parere ogni critica và attentamente valutata da qualsiasi parte provenga, purchè costruttiva, quella distruttiva non la ammetto. Personalmente credo di aver trasmesso ai miei figli la sensibilità che con l'espressione del nostro singolo voto, ovviamente nel rispetto della propria libera scelta personale, si manifesta il senso più alto della democrazia di cui ancora oggi tutti noi disponiamo e siamo tenuti a difendere e conservare. Questo non lo si fà certo disertando le urne accampando le scuse più disparate tra cui la trita e ritrita "Tanto chi viene eletto fà quello che vuole". Queste affermazioni personalmente mi offendono. Concordo in parte con i commenti di chi mi ha preceduto, ma mi auguro sinceramente di vedere alla prossima tornata (l'ottimismo è una mia prerogativa) ancor più elettori, soprattutto giovani, ai nostri seggi.
Inviato: 13/06/2017 11:20 da Renato Tramutoli #4419
Avatar di Renato Tramutoli
Come darti torto ?
Inviato: 12/06/2017 22:41 da Filippo Pisoni #4418
Avatar di Filippo Pisoni
Non credo il problema sia tutto qui....Sicuramente per qualcuno sarà così ma - a mio avviso - il problema è molto più vasto, triste e preoccupante.
Il voto del proprio comune, è forse l'unica vera occasione di poter scegliere un candidato locale e conosciut, a differenza di quello nazionale.
Un'affluenza (generalizzata in tutto il paese) denota in primis, un grande disamoramento verso la politica in generale ma evidenzia anche un diffuso e dilagante menefreghismo e mancanza di senso civico... è preferibile trascorrere una giornata al mare piuttosto che scegliere (per quanto possibile) qualcuno che amministri in maniera "soggettivamente" oculata 5 anni della propria vita cittadina.
Altrettanto triste è il perseverare nella scelta di questi periodi per eventi così importanti e - in questo caso - limitare l'affluenza alle urne ad un solo giorno (evitando il "solito" lunedì mattina).... si potrebbe dire "gatta ci cova"...
In ogni modo, un'affluenza così limiterà la "libertà" di molte persone di amentarsi delle future scelte dell'amministrazione prescelta.....
Inviato: 12/06/2017 19:44 da Renato Tramutoli #4417
Avatar di Renato Tramutoli
Il dato più preoccupante alla fine dell'amministarzione Checchi è quello sulla %le dei votanti : 53,6 % che è c.a. il 10 % in meno rispetto al 2012. Non credo che la giunta uscente possa essere soddisfatta se è questo il bilancio sulla partecipazione al voto e alla vita della città. Evidentemente il tanto elogiato " bilancio partecipativo" dell'ottimo Assessore Ginelli si rivela una inutile operazione di marketing a fine elettorale .. !! Infatti ,dopo aver ignorato le 2000 firme contro la chiusura della materna di Bolgiano e le 3000 contro lo spostamento del consultorio e il centro vaccinale, non si poteva immaginare più di tanta affezione al voto di tanti cittadini inascoltati e delusi. Ignorare 5000 firme ( pari a tre volte il numero dei partecipanti al concorso " bilancio partecipativo ") per risparmiare sui costi di servizi essenziali e spendere 300.000€ per progetti non prioritari ,non sembra solo a me una scelta responsabile . Ma tant'è , avremo le destre al ballottaggio con una affluenza probabilmente ancora minore !! Auguri ex Assessore Ginelli !

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi