Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

I contenitori per gli oli esausti saranno distribuiti gratuitamente dal Comune a partire da lunedì 6 marzo

Smaltire l’olio di frittura senza danni per l’ambiente? È possibile con qualche accortezza in più. Basta chiuderlo in appositi contenitori e consegnarlo ai centri di raccolta per avviare la cosiddetta “catena” del riciclo. Gli oli esausti, infatti, possono essere destinati all’industria, per esempio per la produzione di lubrificanti, bio-diesel, tensioattivi e saponi. Diversamente, se versati nel lavandino, danneggiano le tubature e creano problemi alle condotte fognarie. Gli studi dimostrano che la natura impiega 10 anni per assimilare 1 litro di olio esausto, che è in grado di inquinare 1 milione di litri d’acqua. Questo perché dopo la frittura, gli oli vengono modificati, ossidandosi e assorbendo le sostanze inquinanti prodotte dalla carbonizzazione dei residui alimentari.  
Per diffondere la “buona pratica” del corretto smaltimento, il Comune ha deciso di distribuire gratuitamente 300 taniche da 5 litri “raccogli-olio”. Per richiederne una è possibile rivolgersi, dal 6 marzo, alla reception del Comune (lunedì, martedì e giovedì dalle 14.30 alle 18, sabato dalle 8.30 alle 12) muniti di carta d’identità, indicando il nominativo del capofamiglia. Le taniche con l’olio usato dovranno essere consegnate al Centro Ambientale Mobile di Amsa o alla piattaforma ecologica di Monticello. Nel mese di marzo, l’Amsa (dalle 8 alle 12) toccherà tutti i punti nevralgici della città: il 3 sarà in piazza La Pira, l’11 a Poasco, il 18 in via Di Vittorio, il 25 in via Rodari. Per il calendario completo, basta consultare la sezione eventi del sito comunale. 
 
«La nostra Amministrazione – riferisce l’Assessore alle politiche ambientali Andrea Battocchio –, da sempre sensibile alla tutela dell’ambiente, affronta l’argomento con misure concrete. La distribuzione gratuita delle 300 taniche ne è un esempio. Siamo certi che i cittadini risponderanno con responsabilità all’iniziativa».

Log in to comment

Inviato: 09/03/2017 13:34 da Renato Tramutoli #4335
Avatar di Renato Tramutoli
E' tanto che ci pensavo , credo che sia assolutamente necessario conferire gli olii vegetali in discarica per alleggerire i depuratori dell'acqua bene comune , ieri ho ritirato
la mia tanica e spero che lo facciano in molti .
Inviato: 28/02/2017 12:47 da Mirco Rainoldi #4317
Avatar di Mirco Rainoldi
Sicuramente sarebbe ancor più incisivo incentivare la raccolta casalinga. Per far ciò non è necessario l'utilizzo dei codici a barre sulla tanica, ma decisamente più pratica l'esibizione del tesserino del codice fiscale di chi conferisce l'olio alla discarica. Già oggi se non erro i Centri Ambientali Mobili (CAM) di Amsa presenti periodicamente a San Donato lo fanno sia per il conferimento di apparecchi RAEE di dimensioni contenute che per la raccolta di olio vegetale e minerale che normalmente viene conferito dai cittadini tramite bottiglie di plastica.

www.amsa.it/gruppo/cms/amsa/cittadini/sa...ato/servizibase/cam/

Redazione RecSando

Da Aprile 2014 – La rete Civica - Recsando è  il giornale online dei cittadini del Sud Milano con iscrizione  presso il Trib. di Milano n.146 del 16/04/14.
La redazione di Recsando lavora per garantire il coordinamento delle informazioni, promuove  ricerche  e  approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi