Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente


CONOSCIAMO IL COMPOST?


E’ questo il titolo di un workshop che si è svolto sabato 22 ottobre, alle ore 10.30 presso gli Orti Urbani di via Fiume Lambro.
L’appuntamento, aperto non solo agli ortisti, ma a tutti cittadini, era organizzato dalla storica “sezione Orti” di Eni polo sociale che da sempre gestisce i circa 400 orti (prima della Snam e ora del Comune).
L’appuntamento, che ha visto riunite circa 40 persone, era tenuto dalla dottoressa Nora Bertolotti e si è trattato di un appuntamento totalmente “pratico”.
Tante le domande poste dagli orti perchè fare il compost è un po’ come realizzare una ricetta, ognuno ha i suoi metodi e i suoi segreti.
Quello che conta è invece riconoscere al composto le qualità di “oro nero”, un qualcosa metodo che consente di chiudere il ciclo, ridare alla terra cioè gli scarti di coltivazione e gli scarti alimentari.

Trasformare i nostri “residui” organici in  humus soffice, scuro e profumato.


Ecco qualche consiglio direttamente da Bertolotti:
più vari sono gli scarti, più equilibrio si ha nell'apporto di nutrienti nel compost finale;
non introdurre scarti da prodotti animali (ossa, carni, formaggio) perché attirano i roditori, né deiezioni animali (potenziali vettori di patologie). L'unica eccezione sono i gusci d'uovo, che andrebbero però sciacquati e rotti preventivamente;
non lasciare lo scarto alimentare all'aria, coprirlo con una manciata di terra o di sostanza secca;
non introdurre scarti di cibo cucinato, salato o “grasso”;
girare ogni tanto il cumulo con una forca;
non introdurre troppi scarti di agrumi contemporaneamente (il limonene è tossico per i lombrichi e le bucce sono ricche di oli che rallentano la decomposizione);
la sostanza fresca (erba tagliata, foglie fresche, scarti di cibo) deve essere circa 1/3 del totale, quella secca (cartone non stampato, rametti, paglia) 2/3;
un cumulo grande è più efficiente (la dimensione ottimale è di circa un m²);
il cumulo non deve essere mai né secco, né fradicio;


Le dispense del workshop sono a disposizione presso la segreteria di Enipolosociale di gruppo (0252042713)

di Giuseppe Fiorito

Galleria Fotografica

(foto di Giorgio Platè)
Log in to comment

Redazione RecSando

Da Aprile 2014 – La rete Civica - Recsando è  il giornale online dei cittadini del Sud Milano con iscrizione  presso il Trib. di Milano n.146 del 16/04/14.
La redazione di Recsando lavora per garantire il coordinamento delle informazioni, promuove  ricerche  e  approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi