Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

L’Amministrazione comunale ha deciso di razionalizzare il sistema cittadino delle scuole dell’infanzia sfruttando al meglio gli spazi disponibili
 
Razionalizzare gli spazi e ridurre i costi, sfruttando al meglio le disponibilità dei vari plessi cittadini, alla luce delle mutate condizioni demografiche e delle scelte dei genitori circa le scuole in cui far studiare i propri figli, senza toccare la qualità dei servizi garantiti alle famiglie. Questi i motivi alla base della scelta dell’Amministrazione di ridefinire la distribuzione territoriale dell’offerta didattica della scuola dell’infanzia (lasciandola invariata dal punto di vista numerico) dislocando altrove (in via Moro e in via Greppi) – a partire dall’anno scolastico 2015/16 – le due sezioni di Bolgiano. A essere interessati dal cambio di sede saranno 29 bambini: 8 non residenti, 18 provenienti da altre zone della città e soltanto 3 appartenenti allo specifico bacino d’utenza.  
La decisione, adottata ieri dalla Giunta, arriva al termine di un percorso avviato nel 2013 con le tre direzioni didattiche della città ed esplicitato ai genitori nel gennaio 2014. L’intenzione dell’Amministrazione, già nota alle famiglie all’atto dell’iscrizione per l’anno scolastico 2014/2015, è stata di recente ribadita nel corso di un incontro che, di fatto, ha anticipato ai genitori quale sarebbe stato il contenuto formalizzato nella deliberazione dell’esecutivo cittadino. L’atto, nei piani dell’Amministrazione, oltre a puntare alla razionalizzazione dell’offerta didattica (visto lo “sbilanciamento” degli iscritti, in quanto, solo il 10% è del bacino d’utenza di Bolgiano), avvia un programma di valorizzazione degli spazi pubblici attraverso la promozione negli stessi di attività sociali rivolte alla cittadinanza, destinazione che in futuro sarà affidata ai locali di Bolgiano.
 
«In questo percorso di rimodulazione dei servizi rivolti ai bambini in età prescolare – spiega l’Assessore all’Istruzione Chiara Papetti – abbiamo coinvolto sin dall’inizio, con la massima trasparenza, le direzioni didattiche e le famiglie, affinché la scelta – che noi riteniamo essere di buon senso nella gestione delle risorse pubbliche – avesse un impatto minimo sull’utenza, già consapevole della direzione verso la quale avevamo pianificato di orientarci. Il lavoro di squadra tra Amministrazione e dirigenti scolastici consentirà di accompagnare i genitori dei bambini iscritti oggi a Bolgiano nella scelta più idonea per il proseguimento del percorso educativo. La futura dislocazione delle sezioni non comporterà una riduzione dell’offerta scolastica che sarà adeguata alle richieste del territorio».
Log in to comment

Inviato: 24/02/2015 14:18 da Laura Cirillo #3257
Avatar di Laura Cirillo
Buongiorno a tutti,
la questione "chiusura asilo Bolgiano" è ben più complessa di quanto esposto dal Comune SDM e i comunicati stampa, le lettere ai genitori dall'amministrazione comunale e gli incontri sul tema non sono mai stati esaustivi e chiari.

Sono una mamma, rappresentante dei genitori in Consiglio d'Istituto IC Via Croce Rossa e membro del Comitato Genitori, e premetto la mia assoluta neutralità di "bandiera" (credo molto più nelle idee e volontà delle singole persone che nel colore che si appiccicano addosso :) )

Sul web sono presenti tutti gli scambi, i comunicati dell'amministrazione Comunale e quelli della Direzione Didattica dell'Istituto Comprensivo.
La Dirigente dell'Istituto è contraria alla chiusura del plesso di Bolgiano (così come il corpo docenti e tutti i genitori coinvolti) per le motivazioni fondate che condivido.
Per chiarezza riassumo brevemente le motivazioni che mi fanno pensare che questa decisione del Comune sia sbagliata e discriminante verso i piccoli sandonatesi e le loro famiglie :
La motivazione dell'ottimizzazione degli spazi legata ad una diminuzione delle nascite in questo specifico caso è stata assolutamente smentita dai dati di fatto: a fronte dei 96 bambini uscenti dalla materna Cefalonia l'IC Via Croce Rossa ha già ben 117 nuove iscrizioni solo su Cefalonia (senza contare i trasferimenti da Bolgiano!): 21 bambini in più, quasi una classe in più che non trova posto nella struttura di Cefalonia, già satura, portando quindi un aumento importante di bambini per classe, dagli attuali 24/25 bambini ai 27/28, con chiare conseguenze negative su didattica, attività ricreative, sicurezza, sonno pomeridiano, ecc.
La motivazione legata ai problemi strutturali è incompleta e fuorviante: la struttura richiede solamente la normale manutenzione ordinaria che viene chiesta regolarmente per TUTTI i plessi scolastici; nessun intervento straordinario o di messa in sicurezza è necessario!
La proposta del Comune di dislocare una sezione in Greppi (Certosa) ed una in Moro mantenendo la gestione da parte dell'IC Via Croce Rossa è impercorribile: a parte il disagio oggettivo per tutti quei genitori che dovrebbero portare i bimbi in un luogo per loro probabilmente molto più scomodo rispetto a Bolgiano, via Moro ha già dichiarato che preferisce non prendere una sezione che afferisce ad altro Istituto, mentre la struttura di Greppi è assolutamente NON idonea strutturalmente ad ospitare altri bambini: i due spazi "disponibili" in realtà sono già adibiti ad altre attività imprescindibili, in uno spazio i bimbi svolgono le attività didattiche e ricreative, l'altro è lo spazio nanna! Se dovessero inserire altri bambini dovrebbero penalizzare tutti, compresi i bimbi già presenti in Greppi!
La cancellazione di un intero plesso può avere delle conseguenze molto importanti sul tema della "verticalizzazione": il rischio di accorpare 3 plessi in 2 diventerebbe sempre più concreto e vicino
Per ultimo, ma non meno importante, comunque verrebbero cancellati due posti di lavoro in una situazione oggettiva opposta: più che chiudere bisognerebbe addirittura quasi ampliare!

Alla richiesta (interrogazione di un consigliere comunale) sulla
destinazione d'uso dei locali non è ancora stata data risposta chiara!
Confidiamo che questa risposta venga fornita nel Consiglio Comunale straordinario convocato per Martedì 24/2 ore 20.30.
Inviato: 05/02/2015 10:50 da Vito Lettieri #3123
Avatar di Vito Lettieri
Di seguito la risposta dell'Amministrazione Comunale alla lettera di noi genitori: "Buongiorno Signora Milano,
dopo gli incontri avuti con i genitori il 22 e 27 gennaio u.s. e la successiva lettera inviata da voi il giorno 30 gennaio l'Amministrazione Comunale
in data 2 febbraio ha riunito i Dirigenti Scolastici degli Istituti Comprensivi e del 3 Circolo Didattico al fine di definire e concordare le modalità operative per la diversa dislocazione delle classi e l'inserimento per l'anno scolastico 2015/16 dei bambini frequentanti la scuola dell'infanzia di Bolgiano.
Durante l'incontro sono state prese in considerazione le ipotesi da voi proposte, ciò richiede un ulteriore approfondimento tra i Dirigenti Scolastici stessi oltre che con l'Ufficio Scolastico Regionale e Provinciale.
Appena avremo chiarito alcuni aspetti giuridico/organizzativi sarà nostra premura comunicarvelo.

Cordiali saluti

Chiara Papetti

Questo percorso di razionalizzazione ,che vuole applicare l'Amministrazione Comunale, spero non diventi un percorso di destabilizzazione dei bambini e dei genitori che avevano deciso di iscrivere i loro figli alla materna di Bolgiano.Da cittadino mantengo intatta la mia fiducia nell'Amministrazione Comunale,nella speranza che venga realmente trovata una soluzione a questa situazione spiacevole.
C'è un fatto importante ,comunque ,da sottolineare;i genitori che avevano iscritto i bambini per l'anno 2013/2014 non erano stati informati,motivo in piu' per sperare che Amministrazione Comunale e Dirigenti Scolastici risolvano al piu' presto questo increscioso problema.
Inviato: 04/02/2015 19:36 da Dagmar Bregonzio #3116
Avatar di Dagmar Bregonzio
Grazie
Inviato: 04/02/2015 16:21 da Dagmar Bregonzio #3115
Avatar di Dagmar Bregonzio
www.7giorni.info/cronaca/san-donato-mila...rna-di-bolgiano.html

Questa è la risposta dei genitori alla chiusura della scuola materna di Bolgiano.
Ad oggi non ci è pervenuta ancora alcuna risposta e mi chiedo se arriverà entro il 14 febbraio, data in cui bisogna presentare l'iscrizione alla scuola materna.
Inviato: 04/02/2015 07:42 da Giorgio Soave #3110
Avatar di Giorgio Soave
Hai detto bene.
Forse hanno trovato un modo di tenere occupati a buon mercato i numerosi disoccupati.
Forse stanno tentando di dare l'impressione di una partecipazione diretta alla vita politica. Ma il vero potere è altrove...
Inviato: 03/02/2015 18:05 da Andrea Lanzoni #3107
Avatar di Andrea Lanzoni
Chi volesse parlarne su facebook, invece....trova qui la discussione

www.facebook.com/groups/lasandonatochevo...ink/844433248928930/

Perchè andare su Facebook? C'è già Recsando in cui si possono leggere post su Forum di argomenti cittaini e vari.

Ho provato una volta a navigare sul Gruppo "La San Donato che vorrei", penso che ben difficilmente ci tornerò.....
Essendo l'unità di misura il 'cinguettio' , ho trovato interventi lunghi al massimo erano 2-3 righe. Spesso neanche definibili "interventi", tutttalpiù degli SMS.

Ci sono i soliti 'mi piace' (forse non hanno ancora imparato che l'UNICA ragione di essere dei 'mi piace' è dare informazioni ai pubblicitari per profilare gli utenti?).
Soprattutto ho notato un consumismo di post che dopo meno di un giorno fa sì che ciò che uno ha scritto sia ormai obsoleto perchè travolto da un'infinità di altri post (o meglio frasette flash).
A me questo non sembra nè dialogare nè comunicare, ma una gara a chi scrive più battute (da 200-300 caratteri max).
Gli iscritti al gruppo sono meno dei visitatori dei forum su San Donato su Recsando. Non conosco però il numero di visitatori del gruppo Facebook, se sono un multiplo (e di quanto) rispetto agli iscrittti al Gruppo.

Penso che Facebook sia uno strumento adolescenziale di successo, ma che i forum su Recsando mantengono livelli di serietà e approfondimento che meglio si prestano come struento di confronto sulle tematiche cittadine.

Forse la gente ha un estremo bisogno di esternare il più possibile in termini sintetici e non articolati. Probabilmente non interessa nemmeno se viene letto quanto esternano.
Inviato: 03/02/2015 08:30 da Giorgio Soave #3104
Avatar di Giorgio Soave
Mi scuso di essere così arretrato e passatista, ma non sono (e non voglio essere) iscritto a Facebook.
Inviato: 02/02/2015 21:34 da Lucas Bregonzio #3103
Avatar di Lucas Bregonzio
Qui la delibera di giunta
drive.google.com/file/d/0B5wME1b0YfVWRVZ...cWc/view?usp=sharing

Mi astengo da commenti per il momento. Sono certo che a breve i genitori coinvolti diranno la loro anche in questo spazio.

La delibera di giunta è delle ore 17. Alle 16 dello stesso giorno terminava la riunione coi genitori. Tempestiva ....

Chi volesse parlarne su facebook, invece....trova qui la discussione

www.facebook.com/groups/lasandonatochevo...ink/844433248928930/
Inviato: 31/01/2015 07:34 da Giorgio Soave #3094
Avatar di Giorgio Soave
La "razionalizzazione" dell'offerta didattica poteva comportare lo spostamento dei bambini in via Martiri di Cefalonia la sede più vicina. Invece la scelta delle sedi di via Moro e adirittura di via Greppi (!), obbligherà genitori e nonni a lunghi percorsi in auto, vista la lontananza delle nuove sedi.
Per fare un esempio la nostra nipotina, residente in via 1° Maggio e con i nonni residenti in via Libertà, avrebbe dovuto essere destinata da subito in via Cefalonia, come già la sorella maggiore, ma il Comune aveva deciso per la via Unica e ora chissà dove la manderà. Via Moro e va Greppi (!) sono lontane e ci obbligheranno a lungi tragitti in auto. Bella razionalizzazione !
Non sarebbe stato bene ascoltare le famiglie prima di decidere le nuove sedi ?

Redazione RecSando

Da Aprile 2014 – La rete Civica - Recsando è  il giornale online dei cittadini del Sud Milano con iscrizione  presso il Trib. di Milano n.146 del 16/04/14.
La redazione di Recsando lavora per garantire il coordinamento delle informazioni, promuove  ricerche  e  approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi