Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Mentre una donna distraeva la vittima chiedendo informazioni, la complice si è impadronita della borsetta appoggiata sul sedile dell’auto

Borseggio

Borseggio Donna derubata a San Donato

Scaltre borseggiatrici in azione nel parcheggio del punto vendita Metro Cash & Carry di San Donato, in via XXV Aprile, che hanno derubato una donna che aveva appena terminato di fare la spesa. La tecnica adottata è ormai ampiamente collaudata e diversi episodi di questo tipo, soprattutto a danni di donne e anziani, sono stati registrati nei parcheggi dei centri commerciali del territorio.

In base a tale modus operandi i truffatori, che sono molto spesso rom, scelgono un obiettivo e lo tengono d’occhio a distanza, aspettando che quest’ultimo si avvicini alla sua auto dopo aver ultimato di fare acquisti. Quando la vittima inizia a caricare sulla vettura le borse della spesa, uno dei malviventi la distrae con la scusa di chiedere informazioni e, nel medesimo istante, il complice arraffa la borsetta o altri oggetti di valore depositati momentaneamente nell’abitacolo. Esattamente questo copione è andato in scena nei giorni scorsi nel parcheggio del supermercato sandonatese, dove una 40enne si è vista sottrarre la borsa con questa tecnica da una coppia di rom. La donna immediatamente denunciato il fatto ai carabinieri di San Donato, ma delle borseggiatrici ormai non c’era già più alcuna traccia. Anche alla luce di quest’ultimo episodio, le forze dell’ordine invitano i cittadini a prestare particolare attenzione e a segnalare alle autorità ogni presenza sospetta.

Log in to comment

Inviato: 12/01/2015 14:12 da Luca Mirotti #3006
Avatar di Luca Mirotti
E' un problema annoso e ormai endemico a partire dalla metropolitana, lo scopo è il vile soldo e non le carte di credito e bancomat, per le quali vale il consiglio di Rainoldi, perché l'unica cosa che non ha carta di identità è il vile denaro. Quindi, purtroppo da esperienze personali, il portafoglio viene immediatamente buttato. Io stesso alla ricerca di quello di mia moglie ne ho trovati ben tre nel capolinea della metropolitana, consegnati al gabbiotto dei controllori..... E la polizia se non li coglie sul fatto non può fare nulla, men che meno i controllori ATM, da loro è arrivato il consiglio di razzolare negli angoli bui, nei cestini e dietro le porte che chiudono gli accessi . Per inciso viaggiano sempre in coppia, visti di persona e minacciati son scappati come lepri, ragazzotti giovani lesti di mano che l'allungavano verso borse distrattamente lasciate aperte.
Consiglio spassionato è di avere sempre borsa/borsello ben chiuso a tracolla sul davanti, con mano appoggiata sopra, pensare di salvarsi solo tenendola chiusa non regge... credetemi. Stesso consiglio vale all'interno dell' ipercoop e altri supermercati o qualsiasi luogo affollato.
Inviato: 10/01/2015 12:33 da Mirco Rainoldi #2992
Avatar di Mirco Rainoldi
Ormai non basta più avere mille occhi ed utilizzate tutti gli accorgimenti consigliati dalle forze dell'ordine. Si è insicuri anche in casa nostra da quello che si legge quotidianamente. Ormai i furti negli appartamenti, nei box, negli autoveicoli ed i borseggi per strada e sui mezzi pubblici sono diventati per la cronaca un fatto di ordinaria amministrazione. Altri luoghi dove si ha notizia di episodi come quello dell'articolo sono la Galleria Borromea di Peschiera e i diversi supermercati Esselunga presenti sul nostro territorio (San Donato, San Giuliano e Pantigliate). Altra tecnica di borseggio segnalata lungo la Via Emilia è la moto che si affianca al veicolo in presenza di coda al semaforo rosso che con una veloce mossa del ladro sul sellino posteriore viene spaccato il vetro dell'auto lato passeggero e asportata la borsa. Per cui è opportuno che anche a portiere chiuse la borsa non venga mai lasciata appoggiata sul sedile passeggero. Tra l'altro il guaio più grosso non è il contante nel portafoglio, che solitamente dovrebbe essere sempre scarso, ma il disagio di rifare carta d'identità, patente, tessera sanitaria nonché bloccare bancomat e carta di credito. Per queste ultime è più che mai opportuno attivare il messaggino sms sul cellulare che avverte immediatamente in caso di operazioni effettuate che mette immediatamente in allarme il legittimo titolare consentendo il più delle volte, in presenza di denuncia alle forze dell'ordine, di far scattare l'assicurazione che la maggior parte delle Banche ha per proteggere i propri clienti in caso di uso illecito da parte dei ladri delle carte di plastica. In ogni caso altro accorgimento importantissimo è quello di non riportare i codici PIN delle proprie carte su foglietti o nella rubrica del cellulare che potrebbero essere, qualora contenuti nella borsa rubata, facilmente recuperati dai borseggiatori. Purtroppo poi per la nostra legge se qualche ladro maldestro si fa prendere viene rimesso in libertà il giorno successivo.
Inviato: 10/01/2015 05:57 da Giorgio Soave #2988
Avatar di Giorgio Soave
Quello che ho scritto vale per quando si è all'interno dell'auto.
Quando invece si stanno caricando le merci nel bagagliaio basta bloccare le portiere DOPO avere aperto il bagagliaio.
Inviato: 10/01/2015 05:53 da Giorgio Soave #2987
Avatar di Giorgio Soave
Quando si è in auto ci si crede l sicuro come in casa nostra. Invece non è vero. Per essere veramente sicuri basterebbe bloccare con l'apposito tasto l'apertura delle portiere.

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi