Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente


Chiediamo ai cittadini sandonatesi di aiutarci a dare un nome ed un ruolo alla struttura esistente nel parco del Laghetto Europa

Così ha iniziato la neo-assessore Serenella Natella nell'introdurre il dibattito sulla futura destinazione di questo bene comune, da troppi anni rimasto inutilizzato.

Mercoledì 5 novembre in aula consigliare si è tenuto l'incontro pubblico voluto dall'Amministrazione comunale per far partire il processo di partecipazione che porterà a definire con la cittadinanza le linee guida del bando di assegnazione della struttura del Laghetto. Oltre a Serenella Natella, sono intervenuti il Sindaco Andrea Checchi e l'assessore Gianfranco Ginelli, precisando che  l'unico punto fermo per l'Amministrazione sarà che la gestione di questa struttura dovrà avere un taglio sociale, con il coinvolgimento di realtà del terzo settore e garantire attività, iniziative ed eventi aperti alla città nel suo complesso.
Nel corso della serata, Samuele De Gradi di Action Aid, ha ricordato che i 100 metri quadri di questa struttura si trovano in uno stato di degrado che necessiterà di interventi per renderla agibile, con costi stimati fra 35000 e 50000 €, in funzione del tipo di servizio che verrà proposto. Successivamente è passato ad illustrare le domande del questionario predisposto per raccogliere le idee e le proposte dei cittadini. I questionari compilati potranno essere riconsegnati all’Ufficio Relazioni con il Pubblico entro giovedì 20 novembre.
Chi non ha preso parte all’incontro potrà esprimere il proprio punto di vista compilando il questionario, disponibile in forma cartacea all’Urp e in formato digitale sul sito istituzionale dell’Ente comunale www.comune.sandonatomilanese.mi.it

L'incontro ha poi visto come protagonisti alcuni dei cittadini presenti, che hanno espresso il loro parere su cosa dovrà diventare questa struttura e quali proposte di aggregazione dovrà offrire.
Numerosi gli spunti, le perplessità ed anche alcune preoccupazioni per la tranquillità ed il decoro della zona,  per la sostenibilità economica del progetto che dovrà garantire una resa remunerativa a chi intenderà gestirlo.
<<Archiviate positivamente le vicende processuali che hanno coinvolto la Club House – ha spiegato il Sindaco Andrea Checchi – è nostra intenzione recuperare il tempo perduto, definendo a ritmi serrati il bando che affiderà la gestione di questa “casetta” >>.
Nel concludere l'incontro ha poi ribadito che: <<Affinché la struttura non diventi un “corpo estraneo” in un’area strategica della città, crediamo che debbano essere i sandonatesi a indicarci i contenuti con cui caratterizzare il bando per la definizione del futuro dell’immobile. L’unico punto fermo da noi definito è la finalità dello stesso che deve essere di tipo sociale e aggregativo. Per il resto ci affidiamo alle idee e ai suggerimenti di quanti vorranno partecipare a questo processo condiviso>>.

Redazione RecSando – Luciano Monti

Log in to comment

Inviato: 18/11/2014 15:48 da Giorgio Soave #2752
Avatar di Giorgio Soave
Il nome club house mi sembra inutilmente ricercato. Sarebbe preferibile qualcosa in italiano. Ritrovo del Laghetto per esempio.
Le rastrelliere per le biciclette ci sono già.
Aggiungiamo qualche sedia e tavolino (se si trova qualcosa che resista alla furia dei vandali) o almeno qualche robusta panchina prossima all'edificio, con qualcosa per schermare il sole d'estate. Un tendone sopra la struttura di metallo esistente potrebbe essere un buon inizio; magari allungato più avanti e ritraibile al tramonto.
E una fontanella d'acqua con rubinetto a chiusura automatica per evitare sprechi e allagamenti e raffreddori dei bambini.
E possibilmente una macchinetta a moneta che dispensa bevande e spuntini, meglio se blindata e magari con ritiro serale del denaro per evitare tentazioni notturne.
E un minimo di servizi igienici per la pipì dei bambini e dei nonni con la prostata. I vecchi vespasiani sarebbero un buon punto di partenza.
Tutto questo con minima presenza di personale. Certo se ci fossero un paio di addetti a vendere i gelati, a disporre sedie e tavolini, ad aprire degli ombrelloni e a fare un po' di manutenzione la situazione cambierebbe molto...
Inviato: 18/11/2014 15:28 da Giorgio Soave #2751
Avatar di Giorgio Soave
Questa immagine è nascosta ai visitatori. Prego accedi o registrati per visualizzarli.
Questa immagine è nascosta ai visitatori. Prego accedi o registrati per visualizzarli.

Ecco, vi sembrano alberi malati, come qualcuno dirà ?
Inviato: 18/11/2014 15:19 da Giorgio Soave #2750
Avatar di Giorgio Soave
Stamattina approfittando del bel tempo sono andato là e ho fotografato tutto.
La prima foto mostra come si presenta quello spiazzo oggi a chi arriva lungo la riva del laghetto:
Questa immagine è nascosta ai visitatori. Prego accedi o registrati per visualizzarli.
Si nota un bello spazio aperto rivolto al laghetto e sgombro di alberi. Ma avvicinandosi si vede che quello spiazzo è occupato da tre isole contenenti dei tronchi di alberi tagliati:
Questa immagine è nascosta ai visitatori. Prego accedi o registrati per visualizzarli.
che guardando dall'altro lato diventano evidenti:
Questa immagine è nascosta ai visitatori. Prego accedi o registrati per visualizzarli.
Sono quello che resta di tre begli alberi di una certa dimensione e apparentemente sani.:
Questa immagine è nascosta ai visitatori. Prego accedi o registrati per visualizzarli.

che evidentemente disturbavano la vista del laghetto a chi abitava lì di fronte:
Questa immagine è nascosta ai visitatori. Prego accedi o registrati per visualizzarli.
Chi ha fatto tagliare quegli alberi ?
Chi ha trascurato i vincoli di legge ?
Inviato: 17/11/2014 19:45 da Giorgio Soave #2747
Avatar di Giorgio Soave
Basta andare là e vedere i tronchi tagliati. Quelle piante erano sanissime.
Inviato: 17/11/2014 12:37 da Mirco Rainoldi #2744
Avatar di Mirco Rainoldi
Ciao Giorgio, so che il Comune (vedi CS allegato qui sotto) sta effettuando una mappatura degli alberi malati. Sarebbe interessante sapere dall'assessorato competente se alle volte il taglio di dette piante rientra tra i lavori di messa in sicurezza previsti, considerato che nel comunicato non si parla esplicitamente del laghetto. Mi auguro che effettivamente sia così perché altrimenti la situazione da te denunciata è sicuramente grave.

www.comune.sandonatomilanese.mi.it/si4we...%20straordinarie.pdf
Inviato: 16/11/2014 16:47 da Giorgio Soave #2741
Avatar di Giorgio Soave
Mi accodo qui per non aprire un nuovo tema. E poi in fondo si parla del laghetto.
Dunque, chi entra dalla via Europa nelle prima via che porta a costeggiare il laghetto, dopo un centinaio di metri si trova davanti uno spiazzo crcondato da panchine, dove fino a poco tempo fa tre vecchi alberi di grande taglia facevano ombra alle panchine. Sembrava tutto progettato così,con glialberi e le panchine.
Poi i tre alberi sono stati tagliati. Restano i mozziconi dei tronchi e le aiole con tanto di cordonatura che li circondano. Uno spettacolo squallido.
Ogni volta che passo di lì michiedo per quale assurda ragione qualcuno abbia deciso di tagliare quegli alberi, ch d'estate facevano ombra e d'inverno perdevano le foglie e lasciavano passare il sole.
L'unica spiegazione che mi sono dato è che quegli alberi, più che fare ombra alle case del quartiere Laghetto che sono ancora troppo lontane, avessero il difetto di mascherare la vista del laghetto ai residenti dei condomini che stanno dietro.
Se è così è un'offesa alla bellezza, un delitto contro natura e un abuso di potere, perchè per tagliare alberi così belli deve esserci stato l'ordine di qualche autorità municipale, forse residente nel quartiere, abbastanza potente da sfidare la legge e il buonsenso e l'opinione dei cittadini.
Vorrei sapere da chi è partito l'ordine. Chi ha sfidato la legge e l'opinione pubblica per poter egoisticamente godere della vista del lago dalle sue finestre. Esigo una risposta.
Inviato: 14/11/2014 19:43 da Giorgio Soave #2728
Avatar di Giorgio Soave
La faccio veloce:
- una rastrelliera per le biciclette
- tavoli, sedie e ombrelloni
- lampioni
- un distributore di bibite e snack a moneta
Inviato: 14/11/2014 18:09 da Mirco Rainoldi #2726
Avatar di Mirco Rainoldi
Ciao Luciano, anch'io ieri ho compilato il questionario online. Non mi pare comunque che la maggior parte dei Sandonatesi sia informata di questa "consultazione popolare". Sarebbe interessante sapere a conclusione quanti cittadini hanno risposto, comunque da quello che sento in giro molti non sanno nemmeno cos'e la Club House. Identica situazione l'ho notata anche per il sondaggio sull'uso della bicicletta. Anche se questa seconda iniziativa è riportata su SDM di questo mese.
Inviato: 14/11/2014 10:51 da Luciano Monti #2721
Avatar di Luciano Monti
Questa mattina ho consegnato in Comune il mio questionario e quello di mia moglie compilati nelle parti richieste. Presso l'URP c'è un'apposita scatola dove depositarli.
Inoltre è possibile compilarli on-line sul sito del comune.
La raccolta delle risposte continua fino a giovedì prossimo, 20 novembre.

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi