Un’indagine curata dalla Doxa rivela lo stato di gradimento del servizio di nettezza urbana L’86% degli intervistati si dichiara complessivamente soddisfatto
 
Nel mese di maggio, 140 persone residenti a San Donato sono state contattate dalla Doxa per far parte del campione statistico che ha partecipato all’indagine (la prima condotta dall’azienda nel nostro Comune) sullo stato di soddisfazione riguardo al servizio di raccolta rifiuti e pulizia strade. I prescelti hanno acconsentito a dedicare un quarto d’ora della loro giornata in favore della collettività, accettando di sottoporsi all’intervista telefonica su cui si è basato il sondaggio.  
Le risposte fornite sono state utili per tracciare un quadro generale, che vede i sandonatesi complessivamente soddisfatti (86%) del lavoro svolto quotidianamente dagli addetti di Amsa, attuale gestore del servizio. I commenti positivi riguardano soprattutto l’efficacia nel ritiro dei rifiuti (97%) e della pulizia di strade e marciapiedi (87%). Il problema delle deiezioni canine, invece, è generalmente imputato alla maleducazione dei proprietari che dovrebbero attrezzarsi con sacchetti per la raccolta (82%). Tra i fronti su cui lavorare, infine, figura lo svuotamento dei cestini che per molti degli intervistati (31%) dovrebbero essere svuotati con maggior frequenza.
 
Il sondaggio ha restituito anche alcune informazioni sulle abitudini dei cittadini: il telefono è ancora lo strumento di comunicazione preferito, circa il 73% dei contatti con Amsa avviene infatti attraverso il suo numero verde (solo il 16% si utilizza il sito internet, mentre meno dell’1% preferisce affidarsi a uno sportello fisico); il 60% degli intervistati possiede un profilo Facebook, che però non usa per cercare informazioni sulla raccolta rifiuti; il 36% di sacchi e bidoni della spazzatura è portato in strada dal personale di servizio.
 
«Anche sulla scorta delle indicazioni emerse dal sondaggio – spiega l’Assessore alle Politiche Ambientali Andrea Battocchio – stiamo pianificando una serie di azioni correttive/integrative al fine di intervenire su alcuni aspetti del servizio per i quali c’è margine di miglioramento. Nelle prossime settimane, ad esempio, è prevista l’installazione nelle aree cani di distributori gratuiti di sacchetti per raccogliere le deiezioni canine».
Log in to comment