In partenza a inizio ottobre i lavori per realizzare la pista ciclabile lungo l’asse viario che unisce Metanopoli a Bolgiano. Il tracciato andrà da piazza Santa Barbara al rondò della Ricerca (e viceversa)

Da piazza Santa Barbara al rondò della Ricerca (e ritorno) in bicicletta. I lavori per la realizzazione di una nuova pista ciclabile lungo viale De Gasperi sono sulla rampa di lancio. Il cantiere che doterà l’asse viario tra Metanopoli e Bolgiano di un percorso dedicato ai ciclisti aprirà a inizio ottobre.
 
Entrambi i tracciati, uno per senso di marcia, misureranno poco meno di due chilometri (circa 1.800 metri) e saranno ospitati direttamente sulla carreggiata della lunga arteria cittadina. I percorsi ciclabili, a tutela dei ciclisti che li percorreranno, saranno evidenziati e separati dai tracciati veicolari da un’apposita segnaletica orizzontale di colore giallo rifrangente e antisdrucciolevole (larga 20 centimetri), dotata di elementi in rilievo (tali da creare effetti sonori e vibrazioni) e di dispositivi riflettenti (tecnicamente detti “occhi di gatto”). A completare l’opera, naturalmente, vi sarà la segnaletica verticale con l’indicazione del senso di marcia delle piste e con l’indicazione della natura delle stesse. L’opera – il cui costo è di poco inferiore ai 50mila euro (41mila e 500, oltre iva) sarà pronta, condizioni meteorologiche permettendo, entro la fine di ottobre. «Con questo intervento – spiega l’Assessore alla Mobilità Serenella Natella – rinforziamo la rete ciclabile cittadina. La nuova pista correrà lungo uno dei principali e strategici assi viari di San Donato. Grazie a essa si potranno raggiungere a pedali diversi poli cittadini, quali scuole e uffici, l’Asl e il terminal della Metropolitana».

Log in to comment

Inviato: 06/11/2014 18:42 da Luigi Verdicchio #2640
Avatar di Luigi Verdicchio
Giorgio Soave:
Sinceramente mi accontento di una bella riga gialla nuova, che è visibile anche al buio. Prima che la rifacessero era uno scandalo, con bordi della strada quasi invisibili. Adesso anche gli automobilisti saranno guidati ed eviteranno di finire fuori strada.

Certo meglio di prima, ma l'aspetto della sicurezza non si supera, fingendo che Viale De Gasperi sia una strada a basso traffico e rispettato il limite di velocità.
Sull'argomento, lo ricorderai anche tu, discutemmo intensamente su questo forum quando Dompè fece cancellare la cosiddetta pista ciclabile.
Personalmente sono rimasto dell'idea che il viale abbia tutti i requisiti per la realizzazione di piste ciclabili fuori della carreggiata. Solo così vedremmo incrementarsi l'uso della bicicletta e San Donato si distinguerebbe sul territorio per la qualità della sua viabilità.
Chi parla ha abitato per 25 anni a Bolgiano e si recava giornalmente a lavorare al primo palazzo.
Inviato: 06/11/2014 10:03 da Giorgio Soave #2638
Avatar di Giorgio Soave
Sinceramente mi accontento di una bella riga gialla nuova, che è visibile anche al buio.
Prima che la rifacessero era uno scandalo, con bordi della strada quasi invisibili. Adesso anche gli automobilisti saranno guidati ed eviteranno di finire fuori strada.
Inviato: 05/11/2014 16:09 da Mirco Rainoldi #2637
Avatar di Mirco Rainoldi
Sinceramente anch'io dopo aver letto il Comunicato Stampa del Comune mi aspettavo un percorso decisamente meglio protetto per i ciclisti rispetto alle linee di vernice gialle e rosse a bordo strada, ancorché previste dall'attuale codice stradale preferibilmente per strade a basso traffico (non mi pare che il De Gasperi possa essere così definito). Come rileva Luca non la definirei una vera e propria "pista ciclabile", ma una semplice "corsia riservata alle biciclette". Qualcuno potrebbe obbiettare che differenza c'é. Vi posso garantire che in termini di sicurezza la differenza è sicuramente significativa. Invito a leggere il link sotto evidenziato di cui riporto una breve conclusione:

"Le corsie ciclabili in contesti come i nostri sono consigliabili solo in alcuni casi, in molti altri è preferibile la fascia esterna del marciapiede o la sede propria (su carreggiata ma con separazione fisica, il "cordolo invalicabile", o del tutto fuori della sede stradale, es. in zone verdi)."

fiab-onlus.it/salvaiciclisti/temi/5-temi...ne-interessante.html

P.S.: La nostra Amministrazione comunale ha avviato un sondaggio tra i cittadini sull'uso della bicicletta. E' possibile compilare il questionario a pag. 9 di SanDonatoMese di novembre o direttamente, in forma elettronica, sul sito istituzionale del Comune.
Inviato: 05/11/2014 13:53 da Luca Mirotti #2636
Avatar di Luca Mirotti
2007 ok .. quindi ciclabile fatta da giunta precedente a Dompè ?
..... La giunta di San Donato decide di rivedere il progetto «città ciclabile», e la pedalata di protesta promossa giovedì sera da Verdi, Legambiente e associazioni di ciclisti, minaccia di diventare appuntamento fisso contro la decisione di rimuovere parte della pista ciclopedonale realizzata in viale De Gasperi, e di cancellare gli Ofo, linee di arresto agli incroci semaforici realizzati per fermare in sicurezza, davanti alle auto, le biciclette. La giunta guidata da Mario Dompè ha iniziato i lavori di rimozione della pista ciclabile per «ragioni di sicurezza». San Donato, replica l' opposizione, è stato tra i primi comuni a puntare su una mobilità sostenibile oggi fortemente a rischio. (B San)

Cambia poco ... il problema resta e nessuno lo vuole risolvere ... giunta dopo giunta la ciclabile resta in carreggiata.
Inviato: 05/11/2014 13:47 da Luca Mirotti #2635
Avatar di Luca Mirotti
La carreggiata non viene ridotta, e nemmeno le corsie che hanno delle larghezze minime imposte, anzi togliendo la corsia centrale al semaforo di fatto le hanno allargate. Questo causa code kilometriche. Altro punto fondamentale e che è una "corsia preferenziale" .. che non è la stessa cosa del dire pista ciclabile, perché per esserlo dovrebbe essere separata "fisicamente" dalla sede stradale. Hanno semplicemente rifatto quanto la giunta precedente aveva messo in opera, riducendo a due corsie in prossimità del semaforo, non solo con una striscia bianca ma anche con delle separazioni fisiche in gomma... sparite in breve. La presente giunta o la precedente stessa sul finire aveva poi ripristinato la vecchia segnaletica sul semaforo a tre corsie. Che è l'unica soluzione che evita il caos totale. Ora gli stessi che hanno criticato le corsie preferenziali.... le rifanno pari pari ....
Inviato: 30/09/2014 20:09 da Luigi Verdicchio #2418
Avatar di Luigi Verdicchio
Certamente è una bella cosa che S.Donato aspettava da decenni. La pista precedente non era degna di definirsi tale in quanto priva di adeguata segnaletica di protezione. Su questo forum gli scorsi anni si sono svolti su di essa accesi dibattiti. La giunta che la realizzò con due strisce di vernice bianca conquistò anche un premio europeo perché con essa raggiunse un chilometraggio di pista ciclabile totale ragguardevole.
Personalmente che per anni sono andato in bici da Bolgiano al primo palazzo, pensavo che il Viale si prestasse per realizzare piste fuori carreggiata e in parte già presenti. Ma l'attuale soluzione credo abbia anche lo scopo di restringere la carreggiata delle auto al fine di indurre gli automobilisti a ridurre la velocità.
Inviato: 26/09/2014 11:56 da Mirco Rainoldi #2379
Avatar di Mirco Rainoldi
Ben venga la pista ciclabile in carreggiata con segnaletica di protezione, sicuramente ne sarò un assidui frequentatore. Tuttavia i primi a garantire la propria sicurezza e incolumità devono essere i ciclisti stessi. La Polizia Locale dovrebbe preoccuparsi delle numerosissime biciclette che nelle ore serali col buio circolano senza le luci obbligatorie previste dal codice della strada. Mi auguro che non succeda mai, ma l'altra sera attraversando in auto l'incrocio Fermi/De Gasperi ho corso il rischio di "stirare" un improvvido ciclista praticamente invisibile senza luci che percorreva il De Gasperi.