Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Piano Sosta: scatta la ricerca del gestore

CS SDMPubblicato il bando per individuare l’operatore che dal 2019 al 2025 gestirà i parcheggi regolamentati. Il termine per le candidature scade il 24 settembre

 Scatta una nuova fase del piano che riscriverà la mobilità cittadina. Venerdì mattina è stato pubblicato il bando per la ricerca del gestore dei parcheggi regolamentati in linea con il Piano sosta licenziato dall’Amministrazione comunale negli scorsi mesi. L’operatore dovrà occuparsi sia della “messa in opera” (attraverso l’installazione dei parcometri) del nuovo sistema, che della sua futura gestione per un periodo di 7 anni (2019 al 2025, con possibilità di estensione di ulteriori 3 anni a discrezione, di anno in anno, dell’Amministrazione cittadina). Il tipo di procedura per l’individuazione del partner è quella “aperta” (come previsto dal D.lgs 50/2016) e il criterio di selezione sarà in base all’offerta economicamente più vantaggiosa. Il termine fissato dal bando per la presentazione delle offerte è lunedì 24 settembre.

Leggi tutto...

Log in to comment

Domani i tecnici di Terna al lavoro in via Kennedy

CS SDMGli operai verificheranno lo stato degli alberi in prossimità dei tralicci dell’alta tensione. Possibili potature e abbattimenti per prevenire cortocircuiti e pericoli

 Una segnalazione al Comune da parte di un cittadino. La messa in sicurezza dei luoghi della città passa anche attraverso alla collaborazione virtuosa tra i residenti e l’Ente. «Mi sembra che una delle piante della scuola sia praticamente in contatto con i cavi elettrici». Con questo messaggio, inviato via mail a inizio agosto, un residente di via Kennedy ha evidenziato una possibile situazione di pericolo nel giardino della scuola Mazzini e nell’adiacente parco Tadini.

Leggi tutto...

Log in to comment

La storia d’Italia scritta a San Donato Milanese

La storia d’italia scritta a san donato

Il prossimo 5 agosto ricorrerà il 170esimo anniversario della Convenzione austro-piemontese stipulata a Cascina Roma
 
Eni, Enrico Mattei, lo sviluppo tecnologico e il boom economico. Nell’immaginario collettivo, la città di San Donato è immediatamente identificata con la sua più recente storia, storia di un territorio e, più in generale, di un’Italia che si affaccia al mondo e al futuro. L’importanza del nostro Comune, tuttavia, non è circoscritta alla seconda metà del Novecento. Proprio sul nostro territorio, infatti, si è consumato uno degli eventi più decisivi del Risorgimento italiano.
 
Era la primavera del 1848, quando, su ordine del re di Sardegna Carlo Alberto, le truppe sabaude passarono il Ticino per muovere guerra all’Impero austriaco, dando così il via alla Prima guerra di indipendenza. Le Cinque giornate di Milano avevano convinto il sovrano di Casa Savoia a intervenire militarmente per liberare il Lombardo-Veneto, ma le operazioni belliche si rivelarono più complesse del previsto. Dopo i primi successi, nel corso dell’estate, l’esercito austriaco ai comandi del feldmaresciallo Josef Radetzky costrinse la Regia Armata Sarda a un veloce arretramento. La sconfitta definitiva si consumò il 4 agosto, quando, in occasione della Battaglia di Milano, i piemontesi furono costretti alla resa. Come riporta lo storico locale Luciano Previato, «nella tarda serata del 4 agosto, Carlo Alberto, convocò a consiglio i Tenenti Generali delle sue truppe a Palazzo Greppi, per decidere se convenisse prolungare la resistenza e difendersi ad oltranza come chiedeva tutta la cittadinanza o venire a patti col nemico.
 
La decisione presa all’unanimità, fu che convenisse trattare con gli austriaci per ottenere le migliori condizioni possibili». La negoziazione, tenutasi nel quartier generale austriaco a Cascina Roma, consentì la stipula di una Convenzione preliminare all’Armistizio Salasco, che sarebbe stato firmato il 10 agosto a Vigevano. L’accordo, che prese il nome dal suo sottoscrittore, il generale Carlo Canera di Salasco, se da un lato segnò la temporanea interruzione del progetto di espansione piemontese, dall’altro consentì il riordino delle truppe sabaude in vista di una più energica ripresa delle operazioni militari.
 
In occasione del 170esimo anniversario della Convenzione, per tutto il mese di agosto, saranno affissi a Cascina Roma quattro pannelli espositivi riguardanti la storia, i protagonisti e il testo del trattato. Contestualmente alla loro fruizione, sarà possibile visitare le sale nelle quali furono poste le basi per le campagne belliche che avrebbero condotto all’Unità d’Italia e, in particolare, quella dove fu siglata l’intesa.
 
«L’anniversario di questa storica firma – commenta il Sindaco Andrea Checchi – oltre a ricordarci l’importanza strategica del nostro territorio, ci consente di comprendere la portata del recupero di Cascina Roma. Le operazioni di restauro, che l’anno prossimo compiranno un quarto di secolo, non ci hanno solamente restituito un pezzo della storia della nostra città, ma hanno anche contribuito a istituire un polo culturale in cui l’attenzione verso il passato di San Donato è sempre orientata verso la costruzione del suo futuro».
 

 

Log in to comment

Non paghi la tassa di occupazione del suolo pubblico a San Donato

San Donato  Milanese da il via libera al progetto #BikePoint ideato da Bicipolitana Network, il dipartimento per la promozione della mobilità ciclabile dell’associazione culturale RecSando.
Con questo progetto che incentiva l’uso della bicicletta e il consumo al chilometro zero,possono aderire tutti gli esercizi commerciali, associazioni, aziende, che diventano soci di Bicipolitana Network ed entrano a far parte della rete, fornendo innumerevoli vantaggi a chi ha la tessera di RecSando.
Il Comune di San Donato Milanese ha approvato la delibera  formalizzando un PATTO DI COLLABORAZIONE  dove si stabilisce che le rastrelliere messe a disposizione dai #BikePoint sono esenti dal pagamento della tassa di occupazione del suolo pubblico.
Una vera rivoluzione che consente di fare shopping, non inquinare, rimanere in salute pedalando e poter mettere in sicurezza la bicicletta, favorendo il consumo al chilometro zero.

Un vero cambiamento epocale.
Il nostro progetto già attivo da qualche mese nel Comune di San Giuliano Milanese ha ora il via libera anche a San Donato Milanese.
Diventare Bikepoint e essere soci RecSando è sempre più vantaggioso.
Per il cittadino vuol dire risparmio sugli acquisti, per il BikePoint vuol dire entrare a far parte di un circuito che lo mette in relazione con le altre realtà commerciali che hanno già aderito, lo rende partecipe e parte integrante di iniziative ed eventi, fornisce la grande opportunità di farsi conoscere.
Ora siamo pronti. Con questa ufficialità il progetto può essere portato avanti con determinazione e attraverso il modulo di adesione on line abbiamo come obiettivo quello di coprire il territorio di San Donato Milanese con l’adesione di tanti nuovi #BikePoint


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 


Cos’è il BikePoint?

Fino ad ora la parola BikePoint è stata associata al negozio che vende e ripara biciclette, al luogo dove il ciclista si rivolge se, durante il suo viaggio, ha una ruota sgonfia per chiedere in prestito la pompa o se deve riparare la sua bicicletta.

Noi di Bicipolitana Network stiamo creando una nuova tipologia di BikePoint. Per noi BikePoint significa essere un esercizio commerciale amico del ciclista. Il BikePoint compie azioni quotidiane per favorire l’uso della bicicletta e per incentivare la mobilità dolce, sia essa in bicicletta oppure a piedi.
Non necessariamente l’esercizio commerciale deve essere nel settore della vendita e della riparazione della bicicletta.  Questa nuova figura territoriale che abbiamo messo in piedi partendo dal Comune di San Donato Milanese confidiamo che si estenda, a macchia d’olio in tutta Italia. 
Per diventare un BikePoint occorre essere un esercizio commerciale convenzionato con RecSando e Bicipolitana Network, diventare quindi socio e sottoscrivere la tessera annuale  di 50,00 €, rendere disponibile al di fuori del suo “negozio” una rastrelliera per le biciclette che permetta al ciclista di legare il suo “mezzo ecologico” in sicurezza. In questo modo il ciclista ottiene più garanzie, non è costretto a legare la bicicletta ad un palo o ad un cancello privato ed è invogliato a “fare sosta” nei BikePoint.

Usare la bici è una scelta ecologica, ma anche comoda perché permette di raggiungere qualsiasi luogo in città senza preoccuparsi di traffico, accessi controllati, parcheggi ed è di fatto l’unico modo per incentivare il consumo al chilometro zero

Non è solo questo, il BikePoint che fa parte del Network è amico dei cittadini “soci di RecSando/Bicipolitana” e concede loro innumerevoli vantaggi  come  ad esempio promozioni, sconti, partecipazione ad eventi culturali, particolari attenzioni e cortesia.

Nei nostri siti ufficiali di RecSando e di Bicipolitana Network è possibile sapere dove sono sul territorio i BikePoint e conoscere i vantaggi riservati ai soci in regola con il versamento della quota annuale…. la nostra tessera “RecSando/Bicipolitana”

Il BikePoint ottiene visibilità sul territorio e diventa sponsor per tutti gli articoli che compaiono nella rassegna stampa e nelle rubriche di RecSando e Bicipolitana, automaticamente inseriti anche nei nostri gruppi e pagine presenti sui social network.  Nel piè pagina di ogni articolo viene inserito il link alla pagina degli esercizi commerciali convenzionati al network con il loro logo,  le indicazioni per raggiungerli e i vantaggi per i soci.



 a cura dello Staff RecSando
 
Log in to comment

PARCO Mattei: intervento dell’ANAC

COMUNICATO STAMPA
PARCO Mattei: intervento dell’ANAC

Come riportato da “Il Cittadino” di oggi, nell’agosto del 2017 Gina Falbo e altri esponenti della nostra lista hanno presentato un esposto all’Autorità Nazionale Anticorruzione segnalando alcuni aspetti che ci sembravano discutibili del procedimento che ha portato all’assegnazione del “Lotto 1” del progetto di riqualificazione del Parco Mattei (piscine, campi da tennis, palazzetto, costruzione del nuovo parcheggio all’interno del parco). Nulla di segreto: si trattava dei medesimi rilievi che avevamo fatto in campagna elettorale e che ci avevano procurato violentissimi attacchi.
Accade ora, apprendiamo, che l’ANAC, esaminato il nostro esposto, l’ha ritenuto meritevole dell’apertura di un procedimento, notificata al Comune di San Donato nei giorni scorsi.
Se anche l’ANAC, in seguito ad approfondite analisi, ha deciso di vederci più chiaro, significa che qualcosa da chiarire effettivamente c’è; anche perché, a distanza di un anno, la fantasmagorica riqualificazione del Parco Mattei con tanto di megamanifesti elettorali modello Disneyland e pieghevoli in carta patinata è desolatamente ferma.
Leggiamo anche su Il Cittadino che il Sindaco non sa che dire, se non che manderà tutta la documentazione all’ANAC. Come se non avesse nessuna responsabilità per lo “0” assoluto fatto nel suo primo mandato e non avesse incentrato la sua campagna elettorale su un progetto che si è bloccato da solo, anche prima dell’intervento dell’ANAC. Sarebbe invece utile che il Sindaco chiarisse per davvero davanti alla città, e nel merito, le scelte fatte. Possibilmente senza dare la colpa “ai tecnici” o a non meglio definite a “complessità” .
Per quanto ci riguarda, anche su questo fronte siamo disponibili a dare, come abbiamo già fatto in campagna elettorale, il nostro contributo di idee e competenze per riconsegnare alla città il suo Parco Mattei con i suoi impianti sportivi riqualificati e funzionanti. Se la maggioranza è disposta ad ascoltarci, tutti sanno dove trovarci.


San Donato Milanese, 1 agosto 2018.
 
INSIEME PER SAN DONATO                                SAN DONATO MILANESE CI PIACE
 
Log in to comment

San Donato si connette al futuro

CS SDMggi inizieranno i lavori di posa della nuova rete in fibra ottica a Poasco. In arrivo la connessione ultraveloce per residenti, commercianti e attività produttiv

Installare un’infrastruttura tecnologica capace di offrire una stabile connessione e un’alta velocità di navigazione in internet: è questo l’obiettivo dell’Amministrazione e di Open Fiber, società partecipata da Enel e Cassa Depositi e Prestiti.

 A partire da oggi, lunedì 30 luglio, nel quartiere Poasco prenderanno il via gli interventi di cablaggio in fibra ottica. Le operazioni, che saranno condotte secondo tecniche a basso impatto invasivo, consentiranno l’estensione della rete ultraveloce realizzata con tecnologia Fiber to the Home (letteralmente “fibra fino a casa”).

Leggi tutto...

Log in to comment

Il Parco Sud boccia il masterplan del Policlinico


COMUNICATO STAMPA

Il Parco Sud boccia il masterplan del Policlinico

Il 26 aprile 2017, nell’ultima seduta della scorsa consiliatura, l’Amministrazione Comunale di San Donato (la stessa di oggi) impose, nonostante le proteste delle opposizioni - tra le quali Insieme per San Donato - e di numerosi cittadini, l’approvazione di un nuovo masterplan del Policlinico che prevedeva, tra l’altro la realizzazione del nuovo parcheggio interrato dell’ospedale atteso da anni. Purtroppo il masterplan non era stato preventivamente concordato con il Parco Sud, forse perché dopo anni di stasi e trattative inconcludenti si doveva fare in fretta per poter esibire un presunto successo in vista delle imminenti elezioni. Nella fretta di approvare il progetto all’ultimo istante utile, nessun dialogo fu possibile, nessuna pur sensata obiezione fu considerata e la Giunta tirò dritta per la sua strada senza sentire ragioni.
Oggi, dopo più di un anno di silenzio, abbiamo saputo da notizie di stampa che il Parco Sud, come era prevedibile, ha negato il suo indispensabile assenso.
Così la frettolosità pre-elettorale di allora si traduce oggi in blocco totale: l’intero progetto resta al palo e viene conseguentemente rinviata sine diela possibilità di dotare finalmente il nostro ospedale di parcheggi adeguati e decenti, attesi da anni dai pazienti utenti del Policlinico e dai residenti.
La Giunta Checchi si caratterizza ancora una volta per la sua assoluta incapacità di fare, che sta paralizzando da sei anni la nostra città. È quasi superfluo osservare che questo ennesimo fallimento amministrativo si aggiunge a quelli su altri progetti, tanto strombazzati in campagna elettorale e finiti anch’essi in nulla (e possibili contenziosi), come quelli per la riqualificazione del Parco Mattei e del Pratone o l’istituzione del bus a chiamata, destinato principalmente a ridurre l’isolomento di Poasco. Paralisi totale anche sul fronte della sicurezza, delega che il Sindaco conserva gelosamente nelle sue mani. Per giunta quel poco che si fa, lo si fa male, com’è avvenuto, solo per fare un esempio, con il progetto “Certosa 30 e lode”, che dopo lunghi e costosi lavori, alla fine ha comportato solo il maquillage di qualche strada e la devastazione di una delle poche zone a verde del quartiere, sostituita da un’area giochi per bambini piccoli, posta sul ciglio dell’inquinatissima via Emilia. Area per di più recintata e chiusa a chiave, perché non si è pensato a chi dovesse tenerla aperta! Risultato: tanti alberi abbattuti in un quartiere soffocato dal cemento per fare qualcosa di inutilizzabile.
Ci pare assurdo, come fa la maggioranza o una sua parte, incolpare di tutto ciò presunte “complessità” o difficoltà tecniche quando è la “parte politica” a imporre scelte che appaiono fin dall’inizio sbagliate e irrealizzabili, com’è palesemente avvenuto nel caso del Policlinico e in tanti altri.
Confidiamo che chi di dovere e i cittadini traggano le dovute conseguenze da quanto sta avvenendo.
In questo quadro purtroppo così negativo della situazione della nostra amministrazione cittadina, registriamo l’apertura manifestata dal Vicesindaco Ginelli e dal Consigliere Nodari al dialogo chiesto dalle nostre liste sulla nuova pista ciclabile. Su quella questione restiamo distanti e riscontriamo un’eccessiva rigidità, ma non possiamo non dare atto della disponibilità quantomeno all’ascolto.
Nei giorni scorsi i nostri Consiglieri Comunali Gina Falbo, Vincenzo Di Gangi e Giovanni Di Pasquale hanno presentato, insieme ai Consiglieri Desiree Giuliano (Movimento 5 Stelle), Matteo Gazzola (Lega), Cesare Mannucci e Luca Vassallo (Forza Italia) un’interrogazione e una mozione sulla questione del Policlinico. A partire da queste iniziative, chiediamo alla maggioranza e alle altre forze di opposizione di aprire un tavolo di dialogo anche sul Policlinico, nella speranza che si possa trovare insieme, nell’interesse di tutta la collettività, una soluzione di buon senso a questo grave e annoso problema della nostra comunità cittadina.
San Donato Milanese, 27 luglio 2018.

 CS: INSIEME PER SAN DONATO / SAN DONATO MILANESE CI PIACE
Log in to comment

Interrogazione relativa al progetto e ristrutturazione Policlinico San Donato


Rendiamo disponibile interrogazione e mozione consiliari su Interrogazione relativa al progetto e ristrutturazione Policlinico San Donato Masterplan, protocollata in data 27 Luglio 2018, indirizzata al Sindaco  del Comune di San Donato Milanese Andrea Checchi  e per conoscenza al Presidente del Consiglio Comunale Matteo Sargenti, inviata dai Consiglieri Comunali Gina Falbo, Vincenzo Di Gangi, Gianni Di Pasquale, Desirée Giuliano, Cesare Mannucci, Matteo Gazzola, Luca Vassallo


allegato: interrogazione relativa al progetto e ristrutturazione Policlinico San Donato Masterplan



Inviato da Gina Falbo
Log in to comment

La salute dei cittadini passa per i medici di famiglia

CS SDMI Sindaci del distretto chiedono interventi risolutivi al problema dell’assistenza sanitaria di base

 Da Arluno a Zibido San Giacomo. La lettera riporta le firme dei Sindaci di 37 Comuni del distretto sanitario Melegnano e Martesana. Oggetto: il preoccupante calo di medici e pediatri di famiglia.

 Con una comunicazione congiunta, i Primi cittadini hanno chiesto al Direttore generale ATS della Città Metropolitana di Milano, Marco Bosio, e all’Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, di essere informati riguardo alle azioni che l’Azienda Tutela Salute intende intraprendere per fronteggiare il problema del mancato turnover nel settore dell’assistenza sanitaria di primo livello.

Leggi tutto...

Log in to comment

Sicurezza nei parchetti: via 5 piante pericolose

CS SDML’intervento segue l’indagine realizzata nelle scorse settimane in tutte le aree gioco della città: 266 gli alberi analizzati. Altre 6 saranno rimosse, in quanto ormai morte

Prima le indagini, poi gli interventi necessari. La sicurezza per i parchi gioco è uno dei requisiti irrinunciabili. Per questo, mentre proseguono gli interventi di manutenzione delle strutture ludiche (chiusi da pochi giorni i “ritocchi” in via Ambrosoli, i tecnici a breve saranno al lavoro al Puglisi di via Europa/Maritano), nel corso della settimana gli operai del verde dovranno procedere alla rimozione di 5 piante ritenute pericolose.

Leggi tutto...

Log in to comment

Via un'altra barriera: in arrivo l'ascensore alla M3

CS SDMQuesta mattina il Sindaco Andrea Checchi ha presenziato al sopralluogo dei tecnici del Comune di Milano per l’installazione dell’impianto di elevazione su via Marignano

 Dopo il progetto a Ruota Libera (qui non ci sono barriere) che ha coinvolto la Consulta per la disabilità e le Farmacie cittadine, virtuosi alleati nella lotta alle barriere architettoniche, la città è pronta a cancellare un altro ostacolo presente nel suo territorio. Si tratta dell’accesso alla Metropolitana dal lato di San Donato. Da sempre privo di un ascensore, entro la fine dell’anno si colmerà questa mancanza.

La conferma arriva dai tecnici del Comune di Milano e di Autostazione Milano che questa mattina hanno effettuato un sopralluogo per verificare gli ultimi dettagli per l’installazione dell’impianto di elevazione, che renderà più agevole l’accesso al Metrò ad anziani, persone con problemi motori, mamme con passeggini, viaggiatori con bagagli e a quanti avranno possibilità di scegliere se utilizzare le scale o meno.

Leggi tutto...

Log in to comment

Servizi scolastici rinnovati pensando alle famiglie

CS SDMPre scuola, prolungamento e spazio compiti rivisti per migliorare l’offerta peri piccoli utenti e per la conciliazione dei tempi (lavorativi e familiari) dei genitori

 Un alleato nell’organizzazione quotidiana degli impegni familiari, scolastici e lavorativi. I genitori lavoratori lo troveranno nel Comune che, confermando i servizi scolastici (pre scuola, prolungamento e spazio compiti) anche per il 2018/19, ha rinnovato l’offerta pensando alle loro esigenze e difficoltà. Non perdendo di vista, naturalmente, i diretti interessati: i piccoli utenti delle materne, elementari e medie.

Leggi tutto...

Log in to comment