Skip to content

 12,002 Visite totali,  12 visite odierne

Lasciate in pace i cedri del Libano e Villa Angelino

Villa Angelino e il suo Giadino con i Cedri del Libano secolari
WWF Sud Milano, Italia Nostra Milano Sud Est, Legambiente, N>O>I – Network Organizzazione Innovazione, Vivai ProNatura, Greensando esprimono la propria preoccupazione in merito al paventato abbattimento dei secolari cedri del Libano presenti presso la Villa Angelino e alla possibile distruzione della villa stessa, elemento storico di San Giuliano milanese.   

  

Il tessuto urbano della città di San Giuliano Milanese è caratterizzato da alcuni elementi che spesso vengono ignorati e non adeguatamente valorizzati e tutelati. È questo il caso della Villa Angelino, in Via Costituzione, graziosa villa con giardino di inizio novecento, sopravvissuta alla massiccia trasformazione urbanistica degli anni ‘50 e ’60 e caratterizzata dalla presenza di grandi cedri del Libano di rara bellezza. Insieme ad altri alberi che crescono nelle vicinanze (le metasequoie del parcheggio di Via Nisoli, i tassi di Via Matteotti, i tigli di Via Toscani, solo per fare qualche esempio) costituiscono un raro esempio di alberi notevoli (gli esemplari in questione hanno un secolo di vita!), dei quali la città di San Giuliano Milanese dovrebbe andare fiera. Seppur non rientranti probabilmente nella casistica della monumentalità prevista dalla normativa vigente (la circonferenza calcolata a 1,3 m di altezza dovrebbe essere superiore ai 400cm) questi bellissime piante sono a tutti gli effetti un patrimonio storico per il territorio di San Giuliano ed elementi caratterizzanti il quartiere.  

  

Riteniamo che, in un’epoca dove la presenza dei grandi alberi all’interno delle città viene vista come la chiave per mitigare gli effetti peggiori della crisi climatica (ricordiamo che a scala locale questi si traducono con l’aumento delle temperature diurne e notturne, effetto conosciuto come isola di calore urbana) abbatterne di così grandi sarebbe davvero un’azione dal sapore vecchio e fuori dal tempo. Sottolineiamo che gli alberi crescono in una zona densamente urbanizzata, dove l’accumulo di calore è particolarmente forte proprio a causa dell’assenza di piante capaci di fare ombra.    

 

Chiediamo quindi ai soggetti preposti, pubblici e privati, di scongiurare un tale rischio tutelando sia l’abitazione che i grandi cedri del giardino considerandoli un vero e proprio patrimonio a beneficio di tutta la città.  

 

logo_bikepoint

Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI N>O>I / RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORKDIVENTA SOCIO