Home » Blog » Giovedì al Troisi va in scena la “prima”

Giovedì al Troisi va in scena la “prima”

La coppia Cornacchione-Vasini inaugura la stagione teatrale 2014-2015 promossa dal Comune Mentre prosegue la vendita degli abbonamenti, oggi apre la biglietteria del teatro
 
Antonio Cornacchione e Lucia Vasini. Saranno loro a inaugurare la stagione teatrale 2014/15 del Troisi. Giovedì sera alle 21 sul palco di piazza Dalla Chiesa, la coppia di attori porterà in scena, L’ho fatto per il mio paese, primo dei 5 titoli che compongono la rassegna promossa dall’Amministrazione comunale. Il cartellone include un ventaglio di proposte che spazia dalla commedia lieve al grande classico rivisitato, passando per l’analisi – fra il serio e il faceto – di temi sociali forti come la crisi economica, la disoccupazione e le possibili conseguenze tragiche. Il “cast” della stagione è di primo livello, dopo il duo Cornacchione-Vasini, infatti, al Troisi si esibiranno Lella Costa e Paolo Calabresi (l’11 dicembre con Nuda proprietà) Antonio Catania e Gianluca Ramazzotti (il 15 gennaio con Il prestito), Beppe Severgnini (il 5 febbraio con La vita è un viaggio) e Quelli di Grock (il 26 marzo con L’avaro di Molierè).  
La “prima”, dal titolo L’ho fatto per il mio paese, è un testo esilarante, scritto dalla coppia di autori di Crozza nel Paese delle Meraviglie, Francesco Freyrie e Andrea Zalone, insieme ad Antonio Cornacchioneche interpreta il ruolo – a suo dire – di «un uomo candido e incasinato, capace di sogni sconfinati, che parlano di libertà, uguaglianza e felicità per tutti. Un donchisciotte sempre comicamente in lotta con gli spigoli della vita, senza soldi, con la disdetta dell’affitto in una tasca e la lettera di fine rapporto di lavoro nell’altra». Per tentare di ribaltare le proprie sorti, questo povero tizio compie un gesto folle e disperato: rapisce il Ministro che ha sconvolto la sua vita e la nasconde in cantina.  Lo fa per sé, per la sua pensione, ma soprattutto lo fa per il suo paese. Ne nasce una tragicommedia giocata sulla “collisione” tra gli “universi” dei due protagonisti: la mesta quotidianità dell’esodato e la routine dorata della donna Ministro che vive in case raffinatissime ed è scesa in politica solo per fare un favore al suo paese.
 
Mentre a Cascina Roma prosegue la vendita degli abbonamenti giunti a quota 199 (70 euro, ridotti 60 euro per over 65 e under 30), oggi alle 16 alla biglietteria del Troisi apre la vendita dei biglietti per il singolo spettacolo (17 euro, ridotti 14 per over 65 e under 30).
 
«Siamo convinti – spiega l’Assessore alla Cultura Chiara Papetti – di aver allestito un programma di primo livello che incontrerà il gradimento del pubblico. Tale convinzione, oltre a derivare dalla bontà del lavoro svolto dagli uffici nell’organizzare la rassegna, nasce anche dall’ottimo andamento della prevendita degli abbonamenti. Solo con le tessere, infatti, sono già stati “strappati” più di metà dei biglietti disponibili da qui a marzo».

 24 Visite totali,  4 visite odierne