Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

FORUM SAN DONATO, il forum per discutere argomenti inerenti esclusivamente la CITTA' di SAN DONATO

ARGOMENTO: Pista Ciclabile Peschiera Borromeo - San Donato Milanese/M3

Pista Ciclabile Peschiera Borromeo - San Donato Milanese/M3 10/10/2018 17:06 #4580

Pista Ciclabile Peschiera Borromeo - San Donato Milanese/M3

Il Sindaco e l’Assessore ai Lavori Pubblici hanno inviato ai Residenti del Quartiere Giardino del Sud una lettera nella quale affermano che, quando il limite di velocità massima consentito è di 30 km/h, il Codice della Strada permette la promiscuità di biciclette e veicoli a motore.
A parte ogni considerazione sulla opportunità di costruire una simile pista ciclabile (ma è stato fatto un monitoraggio della quantità di biciclette che percorrono le strade interessate?), CHIEDO, riferendomi solo al tratto che va dalla M3 fino alla Via Bellincioni compresa, percorrendo Via Caviaga, Piazza Santa Barbara, Via Piadena e Via Bellincioni:
Perché non si mette anche in questo tratto il limite di velocità di 30 km/h? E si lascia perdere la pista ciclabile?
Con questa soluzione si evita di mettere i sensi unici previsti dal progetto che costringono le auto a fare il giro dell’oca per raggiungere una meta che ora è raggiungibile con un tragitto molto più breve (A voler essere pignoli si può anche aggiungere che così facendo si aumenta il traffico e lo smog nelle vie circostanti. Non saranno molto contenti coloro che vi abitano). Tra l’altro, in questo tratto di strade, già adesso la velocità media non raggiunge i 30 km/h. E poi soprattutto Bellincioni e Piadena sono vie a traffico prevalentemente locale, non ci sono negozi, le auto parcheggiano solo da un lato (anche via Caviaga può avere il parcheggio solo in una corsia basta toglierne uno, come, proprio ieri, è stato fatto nella traversa chiusa di Via Martiri di Cefalonia) e non ci sono impedimenti al transito delle biciclette. E in più si risparmierebbe un bel po’ di soldi.
Non è un dramma il limite dei 30 km/h: In via Gramsci c’è già questo limite (ed è una strada molto più larga delle vie in questione e non ha case in un lato), a Poasco credo ci sia già o è in corso di attuazione.
In Europa è diffusa questa usanza: basta guardare su internet. Se dipendesse da me lo metterei in tutti i quartieri abitati di San Donato. E farei le piste ciclabili dove ciò sia possibile senza difficoltà e senza stravolgere il traffico.
Esegui il login per poter scrivere nei forum

Pista Ciclabile Peschiera Borromeo - San Donato Milanese/M3 10/10/2018 17:09 #4581

Il messaggio è venuto tutto sottolineato ed in parte in grassetto. Non so come sia accaduto. Volevo sottolineare o evidenziare solo alcuni tratti significativi.
Esegui il login per poter scrivere nei forum

Pista Ciclabile Peschiera Borromeo - San Donato Milanese/M3 16/10/2018 11:34 #4582

Penso possa esserti utile questo approfndimento.
Non è vero che nelle zone 30 non servono piste ciclabili, servono ma non separate, cosi dice questo documento dell'area tecnica della FIAB

www.fiab-areatecnica.it/attachments/arti...formazioneStrada.pdf
Fabrizio - isssio
Ultima modifica: 16/10/2018 11:34 da Fabrizio Cremonesi.
Esegui il login per poter scrivere nei forum

Pista Ciclabile Peschiera Borromeo - San Donato Milanese/M3 06/12/2018 09:36 #4588

In quuel documento tutte le illustrazioni mostrano strade in ccui il traffico auto è separato dalle piste ciclabili, com'è giusto e prudente.
Le zone 30 sono hanno senso nelle vie strette e affollate, dove quella velocità viene naturale. Un esempio, la via Cesare Battisti, dove non mi azzardo più a passare in bicicletta per non venire arrotato. L'unico modo di favorire lì il passaggio delle biciclette sarebbe di sostituire una fila di posteggi con una pista ciclabile.
Ma sarebbe la solita velleitaria rete ciclabile a pezzi e bocconi, poco utile perchè frammista a tratti senza piste ciclabili e perciò disertati perchè pericolosi. Abiamo tutti in mente il comporrtamento degli automobilisti verso i ciclisti, nelle vie strette dove i due tipi di traffico interferiscono. Un esempio, la via Cefalonia (un esempio di cattiva gestione del traffico urbano). Lì ci sarebbe lo spazio per una pista ciclabile da raccordare a quella di via Cesare Battisti, espropriando un paio di metri di pratone. E alora si creerebbe la possibilità di avere una pista ciiclabile anche nel tratto troppo affollato di via Cesare Battisti, spostando gli ampi marciapiedi disponibili.
Esegui il login per poter scrivere nei forum

Pista Ciclabile Peschiera Borromeo - San Donato Milanese/M3 10/12/2018 15:53 #4591

Buongiorno.
mi sembra una buona idea , ma credo che nessuno la appoggerà in quanto la bicicletta è troppo "politicamente corretta" e non ha concorrenza...per cui in futuro avremo solo piste ciclabili e quando avremo necessità di usare l'auto vedremo come fare...sia chiaro che non ho nulla contro la bicicletta, nella mia famiglia di 3 persone abbiamo 5 biciclette, ma credo che penalizzare viabilità e parcheggi ( vedi riqualficazione di via Kennedy) per far transitare 5 biciclette al giorno sia ridicolo.
Le piste ciclabili hanno molto senso su strade trafficate, ma nel caso di vie interne, residenziali e senza negozi con limite di 30 km/h siano spreco di risorse e penalizzazione ai parcheggi dei residenti che pagano grazie al piano sosta....( vedi sempre iqualficazione di via Kennedy)
Esegui il login per poter scrivere nei forum

Pista Ciclabile Peschiera Borromeo - San Donato Milanese/M3 10/12/2018 19:37 #4592

Vedo che siamo d'accordo sulla scarsa utilità delle piste ciclabili nelle vie strette (a meno di eliminare dei parcheggi, ipotesi eretica)
Dunque a San Donato basterebbe attrezzare con le piste ciclabili solo l'anello DeGasperi-Emilia.
Ma come convincere i ciclisti a lasciare le bici e andare a piedi, nelle vie strette ?
Devo dire che in certi casi si è voluto sforzare delle piste ciclabili su marciapiedi troppo stretti, sacrificando i pedoni e creando pericolose interferenze. Vedi via Morandi. Una volta passavano sulla strada e le auto stavano lontane. Ora le auto corrono e le bici investono i pedoni. Non so se ci abbiamo guadagnato
Esegui il login per poter scrivere nei forum
Tempo creazione pagina: 0.358 secondi