Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

FORUM VARIE, Discussioni libere per parlare di tutto quello che non rientra negli altri forum! (racchiude anche i vecchi forum CONSUMATORI e SPORT)

ARGOMENTO: Divorzio breve

Divorzio breve 22/04/2015 22:56 #3619

Divorzio breve, per ora l'unica - che io sappia - cosa buona fatta da questo Parlamento.

Il commento di Famiglia Cristiana:
Ridurre il matrimonio a qualcosa di sempre più simile a un patto elastico di convivenza, che si può sciogliere in brevissimo tempo e con estrema facilità, è un pericolo per tutti a cominciare dai figli, le vere vittime di questi casi.

è straordinario.

Prima di tutto parte dal presupposto che tutti siano cattolici. Non è così. I cattolici potranno tranquillamente rimanere uniti per sempre. Gli altri potranno risolvere i loro problemi matrimoniali in tempi ragionevoli.

Seconda questione: si usano i minori a sproposito. Quando c'è una separazione consensuale la coppia ha già trovato il modo per risolvere l'accudimento dei minori. Quindi i minori sono già tutelati dai diretti interessati: i genitori. È il caso migliore, se ci pensate bene. Nel caso di separazione giudiziale, un tempo ragionevolmente breve, e un anno lo è, allevierà le sofferenze di tutti, minori compresi.

La separazione e il divorzio, infatti, non sfasciano un bel nulla. Prendono solo atto di una situazione già in atto. La famiglia è già saltata. Se i cattolici tengono alla famiglia, facciano approvare qualcosa che eviti la rottura, non che obblighi due persone a stare assieme quando non vogliono.

(Parlo, purtroppo, per esperienza personale.)
ciao
nicola
Esegui il login per poter scrivere nei forum
Hai ricevuto un GRAZIE da: Barbara Picutti

Divorzio breve 23/04/2015 13:51 #3622

Dai 5 anni di una volta si è passati a 3 e ora a 6 mesi.
Ho sempre considerato questi periodi, che il Diritto italiano, stabilisce come tempo di 'ripensamento' una plateale ipocrisia.

Se una coppia sente che ha bisogno di un periodo di riflessione stando separati per un po', è giusto che siano i coniugi liberi di definire quanto tempo e non che sia una legge dello Stato laico ad imporglierlo.
Per qualche coppia può essere qualche anno, per altre anche meno dei 6 mesi attuali.

Francamente non ho mai sentito che il tempo del 'ripensamento', imposto dai parlamenti democratici, abbia mai portato ad alcunchè: se si arriva a separarsi in tribunale vuol dire che la situazione è ormai definitivamente deteriorata. Altrimenti, come dicevo prima, se la separazione può aiutare a riflettere, la possono gestire autonomamente i coniugi nei tempi e nei modi che ritengono opportuni.

Che poi una famiglia unita sia meglio per un figlio rispetto a separazioni più o meno consensuali, affidamenti congiunti e altre formule non è un deposito della chiesa ma, come si diceva in una vecchia trasmissione di Arbore, un'ovvietà alla Catalano.
Purtroppo (e vale sia per laici che per cattolici) non sempre ci si riesce e le coppie si separano.
Andrea Lanzoni
Esegui il login per poter scrivere nei forum

Divorzio breve 27/04/2015 08:23 #3640

Ma non si parlava di divorzio breve, quello che si può ottenere solo se non ci sono figli minori ?
Perchè i figli vengono sempre usati come scudi umani ?
Perchè la Chiesa vuole impedire il divorzio di chi non è cattolico ?
Perchè vuole impedirlo ai suoi fedeli con l'arma della legge ?
Dico la Chiesa, ma in realtà è una fazione di cattolici integralisti a parlare. Il papa ancora non si è espresso in merito.
Esegui il login per poter scrivere nei forum

Divorzio breve 27/04/2015 20:09 #3645

@Giorgio Soave
1) Sì, all'inizio era così, poi ci sono state delle modifiche ed è stata approvata così come è ora. Come dicevo prima, il divorzio breve ha molto più senso che i consensuali con figli. A pensarci bene, ha senso sempre.
2) I bambini, nelle relazioni con gli adulti, sono sì la parte debole, ma non come pensano (alcuni) adulti. I bambini soffrono molto le ipocrisie, le incongruenze, le contraddizioni degli adulti, non i conflitti espliciti. Per il bambino è molto più facile da superare una separazione esplicita, con il conflitto dichiarato, che una convivenza forzata, o nascosta, in casa, te lo assicuro.
3) C'è una anche una concezione sociale della religione cattolica. Ma spesso la si travisa, non tenendo conto che avere più libertà tutela anche i cattolici.
4) C'è sempre chi è più papista del Papa. :-)
ciao
nicola
Ultima modifica: 27/04/2015 20:09 da Nicola Gargamelli.
Esegui il login per poter scrivere nei forum
Tempo creazione pagina: 0.115 secondi