Capolinea della metropolitana assediato da mendicanti

Capolinea della metropolitana assediato da mendicanti
Sempre più numerosi gli episodi di furti e molestie ai danni dei passanti

 I sottopassaggi presi d'assalto da mendicanti

I pendolari nella stazione del metro di San Donato Milanese convivono oramai da tempo con nomadi che stazionano presso i dispositivi di erogazione automatici dei biglietti. Uomini e donne si alternano nel corso della giornata, per stazionare accanto alle “macchinette” e intascare denaro.

Alla meglio, viene aperta simbolicamente la mano, alla ricerca di una “volontaria” donazione. Ma non è raro ultimamente imbattersi in situazioni più rischiose.

Numerosi infatti gli episodi di furti ai danni dei passanti che seguiti vengono privati dei propri beni o ancora piccoli furti compiuti direttamente alla macchinetta. I pendolari infatti, ignari del problema, compiono un acquisto alla macchinetta attendendo, in alcuni casi, la restituzione del resto che viene subito “sequestrato” dai mendicanti posizionati ai lati.