Skip to content
Home » Blog » Rassegna Stampa » Peschiera Borromeo » A Peschiera, le primarie di coalizione strada maestra » Page 2

A Peschiera, le primarie di coalizione strada maestra

Sicuramente il Pd è il partito di maggioranza relativa e senza il Pd la costellazione delle forze politiche del Centrosinistra non hanno possibilità di vincere; ne consegue che il Pd è il valore aggiunto del Centrosinistra, quindi ha anche l’onere di esprimere un proprio candidato sindaco che si dovrà confrontare con gli altri candidati nella contesa più democratica possibile: le primarie di coalizione. Primarie che dovranno avere regole chiare, condivise e rispettate da tutti, qualsiasi sia il risultato delle stesse. Quello che mi aspetto dal Pd è un coinvolgimento e un impulso alla partecipazione degli iscritti, dei simpatizzanti, dei cittadini, anche in quei momenti di confronto interno quali le riunioni di direttivo. Se così non fosse, si ritornerebbe ai giochetti della prima repubblica, dove nelle stanze, oggi non più fumose, della segreteria si decidono le scelte politiche e le prospettive di governo del Comune. Sicuramente i cittadini si aspettano una discontinuità rispetto alle precedenti scelte del Centrosinistra; non è pensabile che chi abbia fatto il candidato sindaco nel passato, in un contesto diverso, possa oggi essere ripresentato. Esistono persone competenti, capaci, sia nel Centrosinistra che nel Centrodestra. Vincerà chi presenterà candidati con capacità e competenze misurabili e che sabbia rendere evidente nel proprio programma un’attenzione particolare al cittadino: che eviti di spendere i soldi in iniziative di solo folklore e che investa nei servizi alla cittadinanza, per le classi più deboli, per la sicurezza del territorio e delle strade, per la cultura e l’associazionismo, per lo sport e che applichi anche a livello comunale quella politica di spending review limitando contratti di consulenza qualificando al meglio il personale dell’ente comunale.

 

 384 Visite totali,  2 visite odierne

Pages: 1 2