Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Il 12 maggio giornata Mondiale della Fibromialgia



In ogni regione d' Italia il Cfu ossia il Comitato Fibromialgici Uniti Italia, si è attivato per la raccolta firme per il riconoscimento della fibromialgia come malattia, dallo Stato italiano. 
Io e le mie amiche Fibromialgiche ci siamo trovate con i colleghi uomini affetti da fibro in P.zza Argentina /Cso. Buenos Aires a Milano. 
Siamo molto contente soprattutto per aver organizzato una Location vivace, certe che così  di firme ne avremmo ottenute molte.   Questa volta con noi avevamo infatti  due bellissimi ed interessanti jolly da "giocare" :   una piccola ma speciale  "scolaresca"  proveniente dal Carcere di Bollate, accompagnata dalla "maestra" Luisa Colombo, con un progetto bellissimo ed interessante chiamato Arteterapia,  ci hanno cambiato e resa piena di colori la vita di un gruppo di amici.

Leggi tutto...

Log in to comment

#ApriGliOcchi - campagna di sensibilizzazione sclerosi multipla

#ApriGliOcchi: al via la campagna di sensibilizzazione alle buone maniere per la sclerosi multipla 
In Italia oggi sono circa 110.000 le persone con sclerosi multipla, diagnosticata nella maggior parte dei casi tra i 20 e i 40 anni, con una diffusione doppia nelle donne e un italiano su due conosce una persona che ne soffre. L’hashtag della campagna è #ApriGliOcchi e dal 12 aprile sarà possibile visualizzare e condividere il video “ApriGliOcchi - La sclerosi multipla non conosce le buone maniere” sull’omonima pagina Facebook.
  
 La sclerosi multipla è una patologia subdola: spesso non si vede, ma si sente. Proprio questa sua “invisibilità” agli occhi degli altri porta a una scarsa sensibilità a una malattia autoimmune che invece rende molto difficili anche i più semplici gesti quotidiani. Uno scenario che deve tra l’altro fare i conti con la sempre più latitante pratica delle buone maniere, oggi troppo spesso in disuso, fuori moda o, peggio, sconosciute. Lo scarso rispetto per chi ci circonda è un cattivo costume troppo diffuso: per contrastarli basterebbe iniziare ad aprire gli occhi e mostrare più attenzione verso l’altro

Questo il tema della campagna di sensibilizzazione promossa da Roche, con il patrocinio di AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, che ha presentato il video “La sclerosi multipla non conosce le buone maniere”, fulcro della campagna stessa. Un video emozionante, che verrà anche diffuso attraverso la community di Friendz, startup di digital marketing già nota per numerose campagne di successo sui social network, che racconta i disagi di una patologia spesso invisibile agli occhi degli altri, ma che torna a farsi sentire all’improvviso, come un dispetto, durante i piccoli gesti della vita di tutti i giorni. L’hashtag della campagna è #ApriGliOcchi e il video sarà visualizzabile e condivisibile dal 12 aprile sulla pagina Facebook “La sclerosi multipla non conosce le buone maniere” e sul canale YouTube di Roche (link)
  
“La sclerosi multipla non è più misteriosa così com’era vent’anni fa – spiega il Prof. Giancarlo Comi, Direttore del Dipartimento Neurologico e dell’Istituto di Neurologia Sperimentale (INSPE) presso l’Istituto Scientifico San Raffaele, Università Vita e Salute di Milano – e questo lo dobbiamo a un costante impegno nella ricerca che ci permette di conoscere sempre meglio i meccanismi che ne sono alla base. Parliamo di una malattia che diventa “dispettosa” se pensiamo che irrompe nel fiore della vita delle persone. Oggi sono numerosi i farmaci disponibili che permettono a noi neurologi di dare una risposta sempre migliore alle migliaia di persone che visitiamo nei nostri centri. Ma la ricerca non si ferma e arrivano sempre nuove terapie efficaci e sicure, che agiscono in modo mirato sul sistema immunitario, come le cellule B ad esempio, contrastando l’attività infiammatoria e quindi il decorso di una malattia fortemente invalidante”. 
    
“La realtà della Sclerosi Multipla sta cambiando e con essa la qualità della vita delle persone con SM – afferma Roberta Amadeo, Past President Nazionale AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla – È fondamentale che tutti siano informati in modo serio e corretto, per sfatare falsi miti da un lato e per riconoscere sintomi subdoli e invalidanti che spesso interferiscono prepotentemente nella nostra quotidianità. Al crescere della consapevolezza si riduce la paura. Soprattutto si dà la possibilità a ciascuno di noi di voler essere protagonista della propria vita. È un diritto che sta alla base di ogni possibilità di integrazione sociale.  È ciò che AISM sta portando avanti da sempre”. 
  
Proprio questi aspetti meno visibili sono al centro del video in cui la protagonista, una ragazza con SM, durante diversi momenti della sua quotidianità subisce alcuni inaspettati “dispetti” da parte della gemella “invisibile” agli occhi degli altri, che raffigura proprio la sclerosi multipla. Messa in imbarazzo e a disagio da questi improvvisi dispetti, la protagonista trova un muro di indifferenza e fastidio di fronte a sé, che si sbriciola di fronte alle buone maniere di un tassista che, andando oltre le apparenze, la aiuta a salire in auto. Un video emozionante che mette in scena da un lato l’invisibile invadenza della sclerosi multipla, e dall’altro l’importanza di guardare agli altri con occhi diversi, rispettosi e forse semplicemente educati
  
“Con questo video e la campagna di sensibilizzazione abbiamo voluto lanciare un messaggio sociale perché siamo convinti che il nostro contributo come azienda impegnata nelle neuroscienze non debba limitarsi a rendere disponibile un nuovo farmaco, ma debba andare oltre, pensando al contesto in cui operiamo e alle condizioni in cui vivono le persone con SM – afferma Maurizio de Cicco, Presidente e Amministratore Delegato di Roche in Italia – La Ricerca è da sempre il motore della nostra azienda, grazie alla quale sono stati compiuti importati passi avanti nel trattamento di patologie, anche neurologiche, molto diffuse; presto anche il modo di trattare la sclerosi multipla potrà cambiare grazie a un’innovazione che consentirà ai milioni di persone in tutto il mondo che ne soffrono di contare su una qualità di vita fino a poco tempo fa impensabile. Ma questo deve andare di pari passo con una maggiore conoscenza e sensibilità sociale”. 
    
“Siamo stati davvero fortunati, orgogliosi e felici di poter lavorare al fianco di un’azienda farmaceutica che non porta avanti solo la ricerca, ma investe tanto tempo e risorse in campagne di sensibilizzazione – sostiene Cecilia Nostro, co-founder di Friendz - #ApriGliOcchi è un messaggio vero e spontaneo, che siamo sicuri verrà recepito e ripetuto a gran voce da tutta la community di Friendz e speriamo possa diffondersi sul web per cambiare realmente le cose, troppo spesso infatti ci si dimentica di essere gentili ed educati con chi ci sta attorno. Questo progetto ci ha appassionato e dato soddisfazioni enormi sin dall’inizio, lavorare con un'azienda come Roche e ricevere il patrocinio di Aism è stata la prima e la più importante. Siamo sicuri che le soddisfazioni ancora più grandi stiano per arrivare con la pubblicazione del video e la campagna media ad esso collegata”. 
  
  Edoardo Stucchi  
  
  
 
Log in to comment

Piccoli gesti per un grande risultato: la salute del cuore



Piccoli gesti per un grande risultato: la salute del cuore

Consigli pratici quotidiani, fiere dell’alimentazione a Parma e a Milano per nutrirsi meglio e la Partita del cuore con la Nazionale cantanti il 30maggio a Torino.
 
Parte la campagna “Cuoriamoci, piccoli gesti per la salute del cuore”, promossa da Fondazione Italiana per il Cuore in collaborazione con la Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione e con il supporto non condizionato di Parmalat, per sensibilizzare gli italiani sull’importanza di prendersi cura del benessere del proprio cuore grazie a piccoli e semplici gesti quotidiani. Una campagna che ha l’obiettivo di parlare al più ampio numero di persone possibile perché – non tutti lo sanno o ne sono consapevoli – le malattie cardio-vascolari sono la prima causa di morte in Italia.

Leggi tutto...

Log in to comment

Grande Festa a Paullo al bersagliere Luigi Bertolotti, reduce dalla Campagna di Russia

Il sindaco di Paullo, sig. Federico Lorenzini è arrivato in corteo con la Banda Musicale della Città, e si sono fermati nel cortile della Residenza per anziani Cascina Cortenuova  per  un breve  concerto molto bello ma soprattutto particolare. A guardarli commosso dall'alto, attorniato da amici e parenti,  c 'era il festeggiato, il bersagliere Luigi Bertolotti, nativo di Colturano, 95 primavere in agosto. La banda suonava per lui!

Leggi tutto...

Log in to comment

Campagna nazionale sindrome dell'occhio secco

CAMPAGNA NAZIONALE PREVENZIONE DELLA SINDROME DELL’OCCHIO SECCO

L’occhio secco, una sindrome non più soltanto per adulti e anziani, colpisce anche i bambini a causa dell’uso eccessivo di tecnologie digitali ancora in tenera età. Per diffondere la conoscenza di questo problema, spesso trascurato negli anni di mezzo della vita, il Centro italiano occhio secco (CIOS), istituito dal professor Lucio Buratto, promuove in collaborazione con la Clinica Oculistica dell’Università dell’Insubria di Varesee con il patrocinio del Comune di Milano, dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Sette Laghi della Regione Lombardia, della Società Oftalmologica Italiana (SOI), la Campagna nazionale di Prevenzione e delle Cura della Sindrome dell’occhio Secco. All’iniziativa hanno aderito Centri ospedalieri di eccellenza di Catania, Napoli, Roma, Milano e Varese.
La campagna promuove visite gratuiterealizzate da medici specialisti, mirate a individuare e curare questa patologia nei soggetti interessati. L’invito allevisite è rivolto a tutti coloro che sospettano una secchezza oculare o che già ne soffrono e desiderano una visita di approfondimento.
La campagna si svolgerà da luned’ 3 aprile a venerdì 7 aprile nei seguenti ospedali:
Centro Italiano Occhio Secco – piazza della Repubblica 21 – 20124 – Milano, Tel: 02 63611970 Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...

Log in to comment

Papa Francesco a San Siro: Neanche una partita di “cartello” fa tanti spettatori!



Grazie a don  Alessandro  ho potuto partecipare all’incontro di  Papa Francesco con i cresimandi. Mi ritengo molto fortunata, perché anche nel 2012 ho avuto lo stesso privilegio, quando a salutare i ragazzi che avevano ricevuto il sacramento della Cresima, c’era Papa Benedetto XVI°. Perché ascoltare  un Pontefice che si rivolge ai ragazzi è diverso di quando si rivolge agli adulti. Usa parole dolci per dire cose serie. In modo possano essere assimilate, ricordate, messe in pratica. “Perché l’ha detto il Papa, mica la mamma o il papà!

Leggi tutto...

Log in to comment

Papa Francesco: Da Via Salomone la cronistoria ....



Case popolari (dette case bianche ) di via Salomone .
Mattino presto 6 e 30 circa .
Nebbiolina ,umido, la gente comincia ad affluire verso il palco dove tra poco arrivera' PAPA FRANCESCO
Per incontrare delle famiglie disagiate abitanti nello stabile popolare della via sopracitata.

Leggi tutto...

Log in to comment

Cronaca della Partenza Milano - Sanremo

La Milano Sanremo



Sabato 18 marzo si è disputata l'edizione numero 108 della Milano Sanremo. Per chi conosce di ciclismo e' la "Classicissima" o il "Mondiale di Primavera" che da' inizio alla stagione delle classiche.

Ritrovo in piazza Castello a Milano dalle ore 8.10 per le operazioni preliminari ed alle 9.45 partenza con davanti 291 km da percorrere. Presenti il top delle squadre e corridori a livello mondiale, primo tra tutti il campione del mondo Peter Sagan, il campione olmpico su pista di Rio 2016 l'italiano Elia Viviani, il campione olimpico sempre di Rio su strada Van Avermant, Pozzato, Ulissi, Visconti, Belletti, Modolo, Trentin, Tom Boonen, Gaviria, Gilbert, Kwiatkowski, Kristoff, Degenkolb, Cavendish e molti altri.

Per la cronaca vittorioso e' stato l'ex campione del mondo il polacco Kwiatkowski che ha battuto in volata l'attuale iridato Sagane il francese Alaphilippe in 7ore e 8 minuti di gara. primo tra gli italiani l'olimpico Elia Viviani.

Galleria Fotofrafica
View this photo set on Flickr

Redazione RecSando - Paolo Biggini
Fotografia - Paolo Biggini
Log in to comment

Perdere una gamba per la scarsa prevenzione

Perdere una gamba per la scarsa prevenzione
E’ quanto emerge dalle Giornate europee di arteriopatie e malattie vascolari in corso a Milano, con l’obiettivo di amputazioni zero. Basta un semplice autotest per i pazienti e un intervento del medico di base per interrompere l’inutile casistica.



Una patologia, l’arteriopatia obliterante periferica (AOP, blocco circolatorio delle arterie lontane dal cuore), poco conosciuta, ma che aumenta nella popolazione soprattutto con la crescita della vita media e che, se non diagnosticata precocemente e correttamente curata, può evolvere fino all’amputazione di dita o arti. L’AOP è infatti un’importante causa di disabilità che colpisce dal 5 all’8% della popolazione in Italia, superando il 20% nei soggetti sopra i 70 anni e con incidenza ancora superiore quando associata a diabete, obesità, ipercolesterolemia e fumo.

Leggi tutto...

Log in to comment

Diego Piacentini è il nuovo Digital Champion per l'Italia

Diego Piacentini è il nuovo Digital Champion per l’Italia: è un ruolo importante e delicato, calcolando che il nostro paese negli ultimi anni ha dovuto colmare un gap significativo con gli altri paesi europei per quanto riguarda l’innovazione tecnologica. I digital Champion vengono nominati da ciascun Stato membro dell’Unione Europea e hanno come compito quello di affiancare il proprio Stato membro a rendere ogni europeo digitale. Aiutano cioè le persone a diventare digitali, promuovendo le competenze digitali in materia di istruzione e di servizi e-government incoraggiando anche le imprese ad applicare nuove tecnologie.

Leggi tutto...

Log in to comment

Psoriasi, una campagna social per cancellare le discriminazioni


 
Psoriasi, una campagna social per cancellare le discriminazioni.
Oggi tutti possono avere una pelle da mostrare in pubblico grazie alle nuove terapie biologiche. Ma per raggiungere l’obiettivo e i risultati è meglio affidarsi a dermatologi esperti.

Non abbiate più paura di andare in piscina, giocare a calcetto o indossare un vestito scollato perché avete il corpo cosparso di pustole. La psoriasi, oggi, si può curare purchè seguiate i consigli del dermatologo e vi atteniate strettamente alla terapia. In realtà, con farmaci e soluzioni diverse, la psoriasi era curabile anche in passato, ma troppo spesso chi era colpito da questa forma si rifugiava in se stesso, evitava il contatto con gli altri, diventava eremita perché nell’immaginario complessivo la psoriasi era ritenuta una forma inguaribile. Lo dimostra un sondaggio di Novartis, una casa farmaceutica impegnata sul fronte dei farmaci innovativi, dal quale emerge che l’84% degli 8.300 malati di psoriasi intervistati in Europa ha riferito di essere vittima di umiliazioni e discriminazioni, che il 43% si sente osservato in pubblico e che il 41% che la malattia è contagiosa.

Leggi tutto...

Log in to comment