Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

"Scarpette Rosse" - Rompiamo il silenzio : La due giorni di sensibilizzazione al tema Femminicidio.



In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, quest'anno a San Giuliano, il 25 Novembre, sono scesi insieme in campo, (o meglio sul sagrato di piazza della Vittoria) la Fondazione Clerici insieme al Comune di San Giuliano Milanese, al C.e.a.f. (Centro di Aiuto alla Famiglia), al Liceo “Primo Levi” e alla Parrocchia San Giuliano Martire. Mentre il giorno successivo, 26 novembre nel pomeriggio, la compagnia Barabàn ha portato in scena uno spettacolo di parole e musica, ha dato "Voce al Silenzio", preceduto dal discorso dell'avvocato Guarrella, (da tempo collaboratrice di Centro Donna), del Tenente Papagni della Compagnia dei Carabinieri di San Giuliano con trentennale esperienza e del sindaco Segala.

Sabato 25, il meteo contrario, con qualche spruzzo di pioggia, non ha fermato gli organizzatori della maratona di eventi in piazza della Vittoria che ha visto il coinvolgimento degli studenti della Fondazione L. Clerici, del Liceo linguistico e scientifico Primo Levi e dei preadolescenti e adolescenti dei gruppi dell'Oratorio San Luigi.
Il programma è stato molto ricco, fin dal mattino, di interventi e iniziative. Ma le vere “protagoniste” sono state le scarpette rosse, adagiate sopra delle cassette di legno posizionate sul sagrato. Un paio sopra ogni cassetta, per ogni femminicidio perpetrato nel 2017. Al termine se ne conteranno 94! Ognuna accompagnata dal cartello con nome e cognome della vittima e la tipologia di crimine subìto. Le scarpe sono state precedentemente donate dai cittadini e dipinte dai ragazzi della Fondazione Clerici, grazie alla donazione di vernice rossa da parte del Colorificio Distico.  
Un evento che ha coinvolto tante persone che hanno accolto l'invito della dott.ssa Cecilia Battaglia (ideatrice e referente del progetto per Fondazione Luigi Clerici), a cominciare dal Ce.A.F. impegnato in prima persona con progetti di aiuto e di educazione nelle scuole, da don Luca Violoni e don Alessandro Lucini che hanno messo a disposizione non solo il sagrato ma anche tante risorse e infine dal dirigente scolastico del Liceo Primo Levi, Prof. Giuseppe Bonelli con le insegnanti Bacci e Paganucci che hanno coordinato gli studenti del triennio delle due sedi dell'Istituto, linguistico di San Giuliano e Scientifico di San Donato.
"Abbiamo fatto tantissimi incontri organizzativi soprattutto nell’ultimo periodo per creare un evento che non fosse solo un memoriale ma anche una vera e propria “azione” atta a far conoscere e far luce su quanto avviene e a far muovere ogni cittadino ed istituzioni a prendersi l’impegno per non farlo più accadere. Per far luce bisogna essere presenti non solo con le parole ma con gesti concreti" ci dice Emanuele Daniele, referente del progetto per Parrocchia San Giuliano Martire e Oratorio San Luigi.
Alle 10:00, dopo gli ultimi sopralluoghi per il maltempo, sotto la guida dei professori e di aiuti esterni sono stati montati i gazebo che avrebbero ospitato le attività, aiutati da Luca Faccenda e dall'arch. Alberto Ballabio. Per tutti ma anche i passanti e visitatori, thè caldo offerto e preparato dal gruppo cucina dell’oratorio.
Alle 11:00 in piazza le studentesse del liceo Primo Levi hanno letto alcune letture in tante lingue del mondo e  i preadolescenti dell’oratorio hanno potuto lavorare sugli stessi testi scrivendo dei cartelloni con le frasi per loro più significative.
Nella pausa pranzo tutti i ragazzi e gli adulti partecipanti hanno potuto pranzare grazie alla collaborazione dei commercianti di San Giuliano che hanno donato gratuitamente alcuni prodotti: Panificio Omar e fratelli (via Tolstoj) - Forno Mediterranea (piazza Italia) - Rosticceria Gastronomia Polleria di Roberto (via Turati) - Dolci Sapori (piazza della Vittoria). Un ringraziamento va fatto anche ad altri commercianti che pur non essendo presenti hanno divulgato la notizia attraverso i social, invitando amici e clienti a passare in piazza a "sostegno" dell’evento: Gioielleria Tentazioni (piazza Italia) - Valentina boutique (via dei Giganti) - La profumeria del centro (via Turati) - Angolo trentatré (via Trieste).
Nella fase di preparazione, infatti, gli organizzatori hanno incontrato personalmente molti commercianti. Soprattutto gli esercizi del centro maggiormente coinvolti. A tutti hanno consegnato la locandina fatta dal comune da esporre in vetrina, un supporto da mettere vicino alla cassa e fin che ne avevano a disposizione delle scarpette rosse in cartone tutte diverse e fatte a mano. È stato anche comunicato che, se volevano, oltre a visitare la piazza, potevano portare il loro logo, o un simbolo del loro esercizio da appendere come segno di solidarietà al muro di fili. Così anche per molte società sportive e/o associazioni.
In tutta la giornata il muro di fili rossi si è riempito di scritte e simboli, tutti hanno potuto notare un sacchetto di Erba Medica di Melegnano, una maglietta rossa donata dal Tennis del Lago con le firme di tutti gli atleti, una maglietta della Polisportiva San Matroniano con le firme delle pallavoliste, un paio di pattini donati dalla squadra italiana Shing Blades di pattinaggio sincronizzato, una pergamena del Teatro La Scala di Milano autografata dalle maschere del teatro, un paio di scarpette rosse da calcio della squadra femminile Asosc Melzo e un paio di scarpe tutte decorate donate dal gruppo Mammetaccododici.
Nel pomeriggio, finito di sistemare la piazza, grazie alla risposta immediata di alcune famiglie del territorio che hanno donato i loro GAZEBO ( Sbaraini, Lozza e Manenti), si sono potute continuare le attività all'aperto: gli adolescenti dell’oratorio insieme a Anna C. e Anna L. della Ludoteca dell’oratorio “I colori di Lorenzo” hanno allestito un LAB-ORATORIO per la creazione di scarpette rosse di cartone, le classi di acconciatura della Fondazione Clerici con i loro docenti hanno dato vita a un HAIR STYLE on the road e il negozio S-Cool di Nadia Maria Pizio in collaborazione con l’agenzia d’animazione Oltre i sogni di Milano e il fumettista Giorgio Giunta hanno realizzato uno stand per piccoli e adulti per far nascere sul volto di tutti un po’ di sorriso.
Alle 15:30 il gruppo Geniattori (Regia: F. Serino, attrici: A. Galota, A.Wharton, B. Francesconi, C. Lenci, C, Milan,S. Bonora) dopo un lancio in piazza hanno messo in scena uno spettacolo nel salone dell’oratorio, con letture, mimiche e storie di donne maltrattate.
In piazza, invece, le note della giovanissimo duetto di Sesto San Giovanni i “The roots" (Alberto Gianvecchio e Jewel) hanno accompagnato i presenti fino alla chiusura della giornata. Molto apprezzata alle 16:30 la merenda offerta dalla Bindi e da alcuni commercianti, distribuita dai baristi volontari dell'oratorio.
Infine, ormai a sole tramontato c’è stata una breve ma toccante cerimonia civile con le autorità presenti. Un discorso introduttivo di Chiara Borsotti (ufficio cultura), le parole del Sindaco Marco Segala, la posa dell' ultimo paio di scarpette con un gesto molto toccante: quello del tenente Pietro Paolo Papagni che si è messo sull’attenti e ha fatto il saluto militare come si fa ai caduti, e a cui è seguito il "silenzio" suonato dal maestro Gabriele Quadrini del Corpo Musicale della Libertà. Sotto la pagoda anche l'Assessore Castelgrande a l'Assessore Ravara. Presenti anche due ragazzi per ogni ente organizzatore.
Alle 18:00, nella Prepositurale di San Giuliano Martire, c’è stata la Santa Messa, celebrata dal prevosto don Luca Violoni e animata dalla Schola Cantorum “A. Casati”  diretta dai maestri Paolo Ruffini e Mauro Quartieri con la presenza del soprano Loredana Arcuri e di tanti chierichetti per rendere solenne questo tributo alle donne vittime di violenza.
"Abbiamo desiderato tanto inserire in una celebrazione solenne un momento di raccoglimento e di preghiera davanti alla statua di Maria regina del santo rosario. Come molte volte ha fatto papa Francesco e come ha voluto fare il nostro vescovo Mario, anche don Luca al termine dei riti di comunione si è voluto recare in fondo alla chiesa all’altare della madonna portando in dono un cestino di rose rosse. E lì ci siamo fermati a pregare in silenzio affidando al suo aiuto materno tutte le donne vittime di violenza ma anche per tutte le donne che con forza, volontà e dedizione si impegnano quotidianamente, sull’esempio di Maria, ad educare all’amore.", continua Emanuele Daniele, e poi "ripensando a tutta la giornata porto nel cuore anche un altro gesto significativo: quello del saluto militare del Tenente. È lì che ho intuito che si possono spendere tante parole ma resteranno sempre più significativi i gesti e quel che conta veramente è ESSERCI CON IL CUORE e dimostrare, in quello che si fa, che si è veramente coscienti che si sta facendo".
Tra i tanti gazebo in piazza, per tutto il giorno a turno anche nelle ore più scomode, erano presenti gli operatori del  Ce.A.F. con la dott.ssa Cristina Piga (referente del  progetto per Ce.A.F.), la Dott.ssa Laura Gatelli (coordinatrice) Laura Pastori, Paola De Simone, Michela Benini, Carolina Ficai Veltroni, Elisabetta Gaudino, dott. Loris Massignan dott.ssa Francesca Gandini dott.ssa Barbara Palladini Paola Fichera dott.ssa Cristina Coppe dott.ssa Daniela Barbieri  dott.ssa Carmen Piciulo dott,ssa Giusy Boscolo, dott.ssa Rossella Lo Verde.  
Ed erano inoltre presenti, fin dall'inizio, le rappresentanti del Gruppo " No alla violenza sulle donne sgm", che hanno distribuito il volantino patrocinato dall'ASF e dal Comune, di cui sono state ideatrici lo scorso anno, che riporta in otto lingue le informazioni sui centri a cui rivolgersi in caso di bisogno d'aiuto.
Tutto il comitato organizzatore, in una nota che sarà allegata al comunicato stampa, ci tiene a ringraziare, per l'enorme impegno profuso, per il tempo gratuito donato sia nell’organizzare che nel presenziare, oltre a coloro che sono già stati citati anche l’Amministrazione comunale in particolar modo la dott.ssa Chiara Borsotti, ufficio cultura e la dott.ssa Sonia Vicentini, ufficio comunicazione; i tecnici audio e suono dell’oratorio Antonio Vallarin e Davide Scarano; la Scrittrice Daniela Sasso (libro "Giusto il tempo di un per sempre" edizioni Grafiche Stile); Roberto Tampone e Maria Nigrelli, l'Associazione Auser, l'Associazione Nazionale Carabinieri; tutte le persone intervenute durante la giornata; i “lavoratori” che in poco tempo hanno smontato e ripulito tutta la piazza; i Media: il Cittadino ….. e NOI DI RECSANDO!

i nostri video

https://youtu.be/O_gB95trnOw - Intervista a organizzatori
https://youtu.be/rjIQqszOq5U - Discorso sindaco sul sagrato
https://youtu.be/cW0XW-vOCeY - spettacolo Geniattori
https://youtu.be/1ouOMghyA8k - Omelia don Luca Violoni
  
video spettacolo 26 novembre : 
https://youtu.be/16O0j4sj1Sg
- Interventi pre-spettacolo "Voce al Silenzio"
https://youtu.be/Oz_jqQ-hdys - brani dello spettacolo
https://youtu.be/ysobcBBKdK0 - canzone di marinella


La nostra galleria fotografica si divide in due parti:
INSIDE
OUTSIDE



 

Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint
Log in to comment

Redazione RecSando

Da Aprile 2014 – La rete Civica - Recsando è  il giornale online dei cittadini del Sud Milano con iscrizione  presso il Trib. di Milano n.146 del 16/04/14.
La redazione di Recsando lavora per garantire il coordinamento delle informazioni, promuove  ricerche  e  approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi