Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

E quindi lo abbiamo fatto: ci siamo trovati, noi del Circolo 6x4, con due ospiti "esterne" e abbiamo parlato dei nostri libri del cuore, “Furore” di John Steinbeck,” Il Piccolo Principe” di Antoine de Saint Exupery,
“Lo Zen e l'Arte della Manutenzione della Motocicletta”, di Robert Pirsig, "Cuore di Tenebre" di Joseph Conrad, “Sostiene Pereira” di Antonio Tabucchi, “La strada di Swann” di Marcel Proust,
“La Fine dell'Avventura” di Graham Greene e “Il giovane Holden” di J.D. Salinger.

La serata è stata piacevolissima interessante e stimolante.


Ognuno di noi ha raccontato il proprio libro del cuore non solo riassumendone la trama ma anche, e soprattutto, spiegando le ragioni per le quali quel particolare libro è il nostro (o uno dei nostri) libro del cuore, che dipendono, è parso di capire, da molti fattori, ossia, il momento “storico” (nel senso di “storia personale”) in cui abbiamo deciso oppure ci è capitato di cominciare un libro, dalle aspettative che questo libro aveva creato in noi e che ne hanno determinato la scelta, dall’”empatia” che riusciamo (o non riusciamo) a stabilire con l’autore e con i protagonisti della storia, empatia che a volte si stabilisce fin dalle prime righe del testo, dal cosiddetto “incipit”, e a volte invece si sviluppa gradualmente, man mano che il racconto procede .

Quello che certamente è venuto fuori, secondo chi scrive, è che la lettura, pur restando una delle esperienze più personali ed “emozionali” della nostra vita, allo stesso tempo ha senso solo se può essere condivisa con altri, in uno scambio di impressioni, emozioni e perché no, anche osservazioni critiche, che arricchisce comunque ogni singola esperienza individuale di lettura.

Se vogliamo la lettura, da molti (soprattutto “non lettori”) considerata una esperienza prettamente individuale, che “isola” l’individuo dal resto del mondo, è invece uno dei più grandi strumenti di socializzazione e condivisione.

E allora, se la lettura è anche condivisione, perchè non CONDIVIDETE con noi i vostri libri del cuore? Qui su Recsando... nel Forum Espressioni Artistiche e in un futuro incontro del Circolo Letterario 6x4

... Stay Tuned!


Piera Scudeletti Circolo Letterario 6x4

Log in to comment

Il Salotto Letterario