Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Autore: Daniel Keyes
Titolo: Fiori per Algernon (Flowers for Algernon)
Editore: TEA
Altro: ISBN: 9788850241910; 11,00€; 314 pp; genere: fantascienza; I ed. orig 1966; questa ed: 2015; traduzione di Bruno Oddera

Voto: 8/10

Tanti anni fa, quando ero giovane e iniziavo a interessarmi di fantascienza, facevo largo uso della biblioteca comunale. I libri sono a vista e si possono consultare prima di prenderli. Uno sguardo alla copertina, una lettura veloce di qualche pagina a caso, l’umore del momento e la scelta era fatta.

Qualche mese fa mi ritornò in mente un racconto. Ricordavo che era in una antologia, ma non ricordavo quale. Non ricordavo né l’autore né il titolo del racconto.

Ricordavo solo che era un diario in prima persona, che il protagonista era un ritardato mentale e che quindi il diario iniziava tutto sgrammaticato. Poi a quest’uomo veniva fatta un’operazione al cervello e piano piano diventava intelligente e la sua scrittura migliorava. Eccetera eccetera.

Sapevo a chi chiedere per trovare titolo e autore del racconto, ma ai primi di febbraio mi sono trovato alla libreria Feltrinelli in Duomo, a Milano, davanti allo scaffale dei libri di fantascienza. I fiori per Algernon, vedo. Un titolo mai sentito prima. Leggo la prima pagina. Sorpresa! Era il racconto che mi tormentava da mesi!

Poi, con l’aiuto di Wikipedia, ho scoperto alcune cose. Il racconto è del 1959. Visto l’enorme successo del racconto, l’autore ne ha fatto un romanzo nel 1966. Nel 1967 il racconto finisce nella più celebre delle antologia di fantascienza, Le meraviglie del possibile. (Antologia che consiglio caldamente.)

Il caso me l’ha riportato alla memoria e ora nella biblioteca, assieme all’antologia di allora.

Keyes è stato uno psicologo e ha lavorato con i ritardati mentali. La scrittura, specie all’inizio, quando è tutta sgrammaticata, è impegnativa, ma di grande impatto emotivo. L’evoluzione del personaggio e l’epilogo di questo esperimento è un vero pugno allo stomaco.

Che cosa si prova a diventare intelligenti dopo una vita da idioti? Come cambiano le relazioni personali? Come evolve invece la parte emotiva e affettiva? L’intelligenza ci definisce completamente? Queste e altre domande vi accompagneranno in questo avvincente romanzo.

Buona lettura!

Log in to comment

Il Salotto Letterario